QUANTI ALLOCCHI !!!

Ma  solo a  guardare la  foto  è  chiaro  che   è taroccata ,  come  è possibili  che  la  gente là  in mezzo  sia  tutta  più piccola  di  quella  dietro... manco i fotomontaggi  sanno fare e  voi  volete  affidare  la nostra  bella  Italia  a sta  gente   ?

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona, in piedi e folla

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

8 messaggi in questa discussione

Mestieranti disonesti e svergognati. Se l'Italia si affida ancora una volta a questa gentaglia, questa volta deve affondare insieme a loro. Una volta e per sempre. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Di certo  hanno avuto  un bel  assist  dai grilli , aprendo la  porta per  la caduta   del governo. ah già  ai grilli questo  governo era  inviso pur  standoci  dentro  e  tutta   colpa  naturalmente  del  Piddi  sia  mai...

Modificato da barbablu16

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

3 ore fa, barbablu16 ha scritto:

Di certo  hanno avuto  un bel  assist  dai grilli , aprendo la  porta per  la caduta   del governo. ah già  ai grilli questo  governo era  inviso pur  standoci  dentro  e  tutta   colpa  naturalmente  del  Piddi  sia  mai...

Perché mi costringi a parlare di politica nel giorno del silenzio elettorale, Los? Ma parliamone pure, visto che si tratta di roba pregressa. Hai espresso un concetto giusto, ma in modo non preciso. Conte in effetti aprì la porta, ma la porta della crisi di governo, non della caduta di Draghi. Perché di crisi si trattò, in quanto Draghi rassegnò dimissioni non irrevocabili nelle mani di Mattarella, il quale ovviamente le respinse e rinviò il presidente del Consiglio alle Camere. In sostanza Mattarella gli disse: Mario, abbiamo già abbastanza guai, non farmi sciogliere le Camere in piena estate, datte nu pizzico 'ncoppa a panza e porta regolarmente a termine la legislatura, si tratta solo di pochi mesi in più ma te li fai con i pieni poteri. Bisogna anche ricordare che Draghi avrebbe potuto tenere serrata quella porta, ovvero blindare il governo, semplicemente stralciando dall'odg sottoposto a voto di fiducia il provvedimento sull'inceneritore di Roma. Impianto indigeribile per i grillini che bene o male avevano avviato con la Raggi un piano ecologico per lo smaltimento dei rifiuti senza inceneritori. Non per motivi ideologici, ma  in accordo con le indicazioni della Commissione europea e dello stesso PNIEC italiano sulla riduzione del numero degli inceneritori in funzione degli obbiettivi di decarbonizzazione. Draghi si ripresentò in parlamento e avrebbe potuto nuovamente evitare il peggio aprendo per lo meno una discussione sui famosi 9 punti in cui un documento consegnatogli da Conte ben prima della crisi riassumeva il "disagio" dei 5stelle. Invece il premier liquidò con rapidità e arroganza le questioni sollevate dalla forza politica più votata nel 2018. A quel punto Lega e FI sentirono odore di elezioni anticipate e uscirono dall'aula, ma il governo ottenne la fiducia. Naturalmente la crisi politica era evidente, ma un premier tecnico come Draghi, stante anche il quadro emergenziale, poteva e doveva restare al timone in virtù della mera fiducia "tecnica" o formale ricevuta. L'impressione fu che l'ex banchiere più che un tecnico al servizio del paese si considerasse un padreterno e che fosse stato il parlamento, per una volta autonomo e non prono, a perdere la fiducia del premier e non viceversa.

In ogni caso, quindi anche ammesso (e non concesso) che il suicidio del governaccio Draghi fu tutta colpa di Conte, cosa sarebbe cambiato con 6 mesi di legislatura in più? La Meloni avrebbe continuato a crescere, nutrendosi dell'opposizione, e Pd e M5s avrebbero continuato a decrescere deludendo la base con l'appoggio a un governaccio neoliberista e guerrafondaio. Se invece Conte fosse uscito o se Draghi avesse recepito i 9 punti, allora sarebbe cresciuto anche il Movimento. Secondo me, questo, dopo la stanchezza per un lavoro che non gli era mai piaciuto e che non era mai riuscito a imparare (un burocrate, per quanto bravo, non diventerà mai uno statista) fu il secondo motivo più importante delle dimissioni di Draghi. In un mese scarso di campagna elettorale (in agosto gli italiani pensavano ad altro) Conte è cresciuto non di poco (stando alle indiscrezioni sui sondaggi non pubblicabili), figuriamoci quanto sarebbe cresciuto con 6 mesi di opposizione al governaccio.  

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

Perché mi costringi a parlare di politica nel giorno del silenzio elettorale, Los? Ma parliamone pure, visto che si tratta di roba pregressa. Hai espresso un concetto giusto, ma in modo non preciso. Conte in effetti aprì la porta, ma la porta della crisi di governo, non della caduta di Draghi. Perché di crisi si trattò, in quanto Draghi rassegnò dimissioni non irrevocabili nelle mani di Mattarella, il quale ovviamente le respinse e rinviò il presidente del Consiglio alle Camere. In sostanza Mattarella gli disse: Mario, abbiamo già abbastanza guai, non farmi sciogliere le Camere in piena estate, datte nu pizzico 'ncoppa a panza e porta regolarmente a termine la legislatura, si tratta solo di pochi mesi in più ma te li fai con i pieni poteri. Bisogna anche ricordare che Draghi avrebbe potuto tenere serrata quella porta, ovvero blindare il governo, semplicemente stralciando dall'odg sottoposto a voto di fiducia il provvedimento sull'inceneritore di Roma. Impianto indigeribile per i grillini che bene o male avevano avviato con la Raggi un piano ecologico per lo smaltimento dei rifiuti senza inceneritori. Non per motivi ideologici, ma  in accordo con le indicazioni della Commissione europea e dello stesso PNIEC italiano sulla riduzione del numero degli inceneritori in funzione degli obbiettivi di decarbonizzazione. Draghi si ripresentò in parlamento e avrebbe potuto nuovamente evitare il peggio aprendo per lo meno una discussione sui famosi 9 punti in cui un documento consegnatogli da Conte ben prima della crisi riassumeva il "disagio" dei 5stelle. Invece il premier liquidò con rapidità e arroganza le questioni sollevate dalla forza politica più votata nel 2018. A quel punto Lega e FI sentirono odore di elezioni anticipate e uscirono dall'aula, ma il governo ottenne la fiducia. Naturalmente la crisi politica era evidente, ma un premier tecnico come Draghi, stante anche il quadro emergenziale, poteva e doveva restare al timone in virtù della mera fiducia "tecnica" o formale ricevuta. L'impressione fu che l'ex banchiere più che un tecnico al servizio del paese si considerasse un padreterno e che fosse stato il parlamento, per una volta autonomo e non prono, a perdere la fiducia del premier e non viceversa.

In ogni caso, quindi anche ammesso (e non concesso) che il suicidio del governaccio Draghi fu tutta colpa di Conte, cosa sarebbe cambiato con 6 mesi di legislatura in più? La Meloni avrebbe continuato a crescere, nutrendosi dell'opposizione, e Pd e M5s avrebbero continuato a decrescere deludendo la base con l'appoggio a un governaccio neoliberista e guerrafondaio. Se invece Conte fosse uscito o se Draghi avesse recepito i 9 punti, allora sarebbe cresciuto anche il Movimento. Secondo me, questo, dopo la stanchezza per un lavoro che non gli era mai piaciuto e che non era mai riuscito a imparare (un burocrate, per quanto bravo, non diventerà mai uno statista) fu il secondo motivo più importante delle dimissioni di Draghi. In un mese scarso di campagna elettorale (in agosto gli italiani pensavano ad altro) Conte è cresciuto non di poco (stando alle indiscrezioni sui sondaggi non pubblicabili), figuriamoci quanto sarebbe cresciuto con 6 mesi di opposizione al governaccio.  

Già  doveva   governare  sotto  ricatto  di conte , come  conte  lo aveva  fatto ai tempi del capitandeimieistivali.   La  cosa  purtroppo ovvero la crisi ha  provocato delle   conseguenze che  nemmeno conte  aveva  messo nel preventivo.  salvini e  berlusconi assieme   alla  loro socia   ringraziano ma  non tanto   gli  italiani  almeno  quelli  che  non auspicano un  governo delle  peggiori  destre.  Questo  per  quante  scuse  si possa  accampare resta  a  carico  di conte   e  dei grillini. Mi spiace  ma  questa  è  la realtà.  Infatti  quando  Draghi  si presentò alle  camere   e  chiese  siete  pronti a   dare  la  fiducia   su  quello  chi  vi ho  presentato  i  grilli  gli hanno girato  le  spalle  mentre   gli  altri  votavano....e  se  non erro o grilli   erano  ancora  la  maggioranza  relativa  in quel  Parlamento  e sappiamo tutti   come  è andata.

 

Modificato da barbablu16

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

perchè stupirsi delle fregature fasciste....loro sono nati per queste cose...favorire i ladri e consolidarsi nelle fregature...:D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 ore fa, barbablu16 ha scritto:

Ma  solo a  guardare la  foto  è  chiaro  che   è taroccata ,  come  è possibili  che  la  gente là  in mezzo  sia  tutta  più piccola  di  quella  dietro... manco i fotomontaggi  sanno fare e  voi  volete  affidare  la nostra  bella  Italia  a sta  gente   ?

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona, in piedi e folla

Foto di Friz 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963