Bravo Matteo …!!

Elezioni, Renzi a Conte: “Sei un mezzo uomo, mafioso della politica”

17.09.2022 19:30 di Redazione Centrale
 
 
Foto

"Ti devi vergognare Giuseppe Conte pensando che qualcuno possa picchiarmi. È incredibile questo modo di fare che inneggia alla violenza, Conte sei un mezzo uomo, abbi il coraggio di fare un confronto civile sui temi, questo è un linguaggio da mafioso della politica". Così il leader di Italia Viva Matteo Renzidurante un comizio elettorale a Genova replica alle parole pronunciate dal leader del M5S a Palermo.

"Tre ore fa a Palermo Conte ha detto “Renzi venga senza scorta a Palermo a dire che vuol togliere il reddito di cittadinanza”. Cosa stai facendo Giuseppe Conte? Stai minacciando la violenza fisica. Quando uno dice andiamo a fare la campagna elettorale e portiamo tutti quelli con il reddito di cittadinanza usa un linguaggio clientelare, è voto di scambio", le parole dell'ex premier.

 
 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

9 messaggi in questa discussione

Sig. Naviganti

Avete sentito le minacce che Giuseppi ha rivolto a Leopoldino? 

Ecco un motivo per rimetterlo in sella il più presto possibile, senza spingerlo troppo che non mi cada dall'altra parte del cavallo , votando e facendo votare per Leopoldino, statista de noaltri

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Chissà se nel fantomatico dossier della Cia ci sono anche le somme che un sanguinario leader politico arabo versa a un senatore e capo di partito della Repubblica Italiana. 

L'invito di Conte a Leopoldino a venire a Palermo senza scorta è stato infelice. Avrebbe potuto limitarsi a dire: vieni a Palermo a parlare in mezzo alla gente, come faccio io, ed esponi il tuo programma sul Rdc. Ma la risposta di Leopoldino è stata ancora più infelice, oltre che poco educata. Tra i due il "mezzo uomo" secondo me è facile da individuare. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Un grande Matteo Renzi che , poi , ha aggiunto :” Giuseppe Conte ha detto che se il Parlamento cambierà una legge dello Stato, la sua legge sui navigator, è pronto alla “guerra civile”. Giuseppe Conte ha detto che io devo andare a Palermo senza scorta a confrontarmi con lui sul reddito di cittadinanza. Senza scorta? Un ex premier che minaccia violenza fisica? Un linguaggio di odio e di aggressione verbale fatto da chi ha occupato le più alte cariche dello stato? Questo riferimento alla violenza fisica è scandaloso. Invito Conte a un confronto civile in televisione, se è capace di dibattere senza minacciare aggressioni. Averlo mandato a casa per portare Draghi a Palazzo Chigi resterà per sempre uno dei più alti servizi che ho reso al mio Paese”

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi sa che fare i piagnoni è una tecnica usata spesso tra i leopoldini. 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti


Il “dono della divina provvidenza” Giuseppi, sapendo che Renzi sarebbe andato a Palermo, ieri ha detto ai cittadini palermitani “Renzi venga senza scorta a parlare di RdC”. Una vigliaccata da bulletto di strada, ma che detta da un uomo politico che rifiuta di confrontarsi civilmente con Renzi su questo argomento, suona come la previsione certa di un atto sconsiderato che solo una scorta potrebbe contenere e che avrebbe tutta la sua comprensione. Insomma , Un avvertimento trasversale, provocatorio e minaccioso, in puro stile mafioso, che i cittadini di Palermo conoscono bene e combattono. Ma che i sostenitori di Conte evidentemente condividono.   Conte sa bene che la riforma radicale del RdC proposta dal Terzo Polo esclude che chi è impossibilitato a lavorare resti senza un sostegno economico. Quindi dice il falso quando accusa Renzi di essere contro i poveri. Tuttavia la sua campagna elettorale a sud si riduce alla predicazione di odio contro Renzi, che addita alla gente come un loro nemico personale, fino giustificare preventivamente possibili azioni violente da parte dei facinorosi che fomenta in quel modo. Sembra di sentire Trump nei giorni precedenti l’assalto a Capitol Hill. E ieri Conte ha superato il suo maestro.
Se oggi ci saranno disordini o violenze contro Renzi a Palermo Conte ne sarà il responsabile morale e politico. Se non accadrà nulla, come c’è da augurarsi, e a Renzi non sarà impedito di esprimersi liberamente, Conte si confermerà di essere un ominicchio. La versione pezzente del suo amico Trump. Conte non è il campione della lotta alla povertà, ma la personificazione del degrado politico e della povertà morale che produce e diffonde.
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Stringi stringi, odio ricambiato. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

la prerog di sta camp-elett è stata usare il vocab della maleducaz, comportam incivili e gran scivoloni ke molti di SX pretendono kiamare bon ton...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Detto da un esperto nel voto di scambio. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963