C’è troppa fila al pronto soccorso, Carlo va a casa e muore il giorno dopo

JESI - Va in ospedale la vigilia di Natale, viene registrato con un codice verde, decide di andare a casa perché c’è troppa fila e il giorno dopo muore. È quanto accaduto a una famiglia jesina che sta vivendo il peggior Natale di sempre. Carlo Mosca, 74 anni, era uscito il pomeriggio della vigilia per delle spese, ma non riusciva a parcheggiare bene la macchina per un dolore acuto alla gamba destra e al fianco. Ha pensato a una sciatica, ha messo il Voltaren, ma il dolore era forte.

Dopo cena ha chiamato la guardia medica che dalla visita gli ha trovato una piccola massa addominale proprio sopra l’ombelico. A una prima diagnosi sembrava un’ernia ombelicale, ma il paziente era stato invitato a fare accertamenti radiografici più approfonditi al pronto soccorso. Lui ci va, viene accolto e fatto sdraiare su una barella. Davanti però aveva 15 pazienti in attesa come lui di una visita. Carlo si stanca e torna a casa, pensa di tornare all'indomani. Ma la mattina di Natale si sente male, scattano i soccosri ma lo jesino muore, stroncato da un aneurisma. 

 

 

ops pardon ho preso la notizia dalla concorrenza    :ph34r:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963