whirpool
il caso Whirlpool

Inviata (modificato)

 

In passato si è assistito a commenti positivi da parte di molti politici sugli investimenti esteri in Italia; se un'azienda straniera arriva in Italia per impiantare nuovi impianti è certamente una cosa positiva, significa avere nuovi posti di lavoro,  ma se un investitore estero comperare un'azienda già esistente lo fa solo per prendere il marchio, i  brevetti, le tecnologie il portafoglio c l i e n t i, togliersi un concorrente di torno e CHIUDERLA

http://torino.repubblica.it/cronaca/2018/02/19/news/embraco_i_lavoratori_in_corteo_davanti_alla_fabbrica_traffico_bloccato_a_riva_di_chieri-189219265/

Modificato da etrusco1900

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

Calenda è patetico, da lui i lavoratori si aspettano che salvi la fabbrica e i posti di lavoro, non che chiami "gentaglia" i dirigenti di Whirpool. Ma non è colpa sua se il ministro dello Sviluppo Economico è sostanzialmente un ministro senza poteri. Servirebbero norme severissime per impedire questi soprusi. Un'azienda estera che chiude una fabbrica in Italia e si porta via i brevetti dovrebbe subire ritorsioni pesantissime dallo Stato. Sequestro della fabbrica, dei terreni, di tutti i macchinari e di tutti i brevetti realizzati in Italia, più una gigantesca penale da pagare cash o come sopratassa sui prodotti successivamente venduti sul territorio nazionale. Embraco è il tipico caso di una produzione che potrebbe essere salvata e rilanciata con la nazionalizzazione. Con i 20 miliardi allegramente stanziati dal governo Gentiloni per le banche decotte si potevano salvare decine, centinaia di fabbriche come quella piemontese.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
29 minuti fa, fosforo31 ha scritto:

Calenda è patetico, da lui i lavoratori si aspettano che salvi la fabbrica e i posti di lavoro, non che chiami "gentaglia" i dirigenti di Whirpool. Ma non è colpa sua se il ministro dello Sviluppo Economico è sostanzialmente un ministro senza poteri. Servirebbero norme severissime per impedire questi soprusi. Un'azienda estera che chiude una fabbrica in Italia e si porta via i brevetti dovrebbe subire ritorsioni pesantissime dallo Stato. Sequestro della fabbrica, dei terreni, di tutti i macchinari e di tutti i brevetti realizzati in Italia, più una gigantesca penale da pagare cash o come sopratassa sui prodotti successivamente venduti sul territorio nazionale. Embraco è il tipico caso di una produzione che potrebbe essere salvata e rilanciata con la nazionalizzazione. Con i 20 miliardi allegramente stanziati dal governo Gentiloni per le banche decotte si potevano salvare decine, centinaia di fabbriche come quella piemontese.

Comunico al pezzodimerda Fosforo che Calenda , forse il miglior ministro del governo Gentiloni , sta trattando in comune accordo ed obiettivi con i Sindacati, FIOM Cgil compresi . Rammento allo gnomo Cazzaro , dal giorno del suo insediamento , Calenda , che li stesso stronxo definisce patetico, ha risolto oltre 80 vertenze garantendo il posto di lavoro a migliaia di lavoratori ai quali , sempre il Cazzaro , dovrebbe spiegare perché patetico con una mia intima convinzione: sarebbe preso a ciaffata nella ghigna e spedito più lontano possibile e comunque dove non si sarebbe sentito il fetore che emana . Solo 10 gg fa Calenda ha risolto una crisi a Portoscuso che si trascinava da anni salvando oltre 400 posti di lavoro . Domani andrà a Bruxelles per ottenere l’appoggio dell’Ue per questa vicenda . Se ottiene un altro grande risultato risolvendo la vertenza Embraco sarà meglio che il Cazzaro lasci definitivamente il forum. 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora