Bimba italiana uccisa con l'acido da una maestra a Lione

Una bambina di 11 mesi di origini italiane è stata avvelenata ed è morta mercoledì scorso in un asilo di Lione. A ucciderla sarebbe stata la sua maestra, che è stata arrestata. Il padre della piccola è un ingegnere di 37 anni di Torre Boldone (Bergamo), che vive da anni a Lione assieme alla moglie francese. L'ausiliaria puericultrice dell'asilo "esasperata dal pianto della bambina -spiegano gli inquirenti francesi - prima l'ha cosparsa e poi le ha fatto ingerire un prodotto caustico". La bambina avrebbe compiuto un anno giovedì prossimo.

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti francesi, la maestra, 27 anni, si trovava da sola nell'asilo privato People&Baby di Lione e stanca del pianto della piccola, l'avrebbe cosparsa con un liquido per sgorgare i lavandini e poi glielo avrebbe fatto ingerire. Trasportata d'urgenza in ospedale, non c'è stato niente da fare per salvarla.   Dopo aver sostenuto in un primo momento l'assunzione accidentale dell'acido, la donna ha confessato ed è stata arrestata per omicidio.  

Terrificante! Come ha potuto farlo senza che nessuno se ne accorgesse? Prima di tutto che fosse fuori controllo e poi dentro l'asilo non c'era nessuno a fermarla?Povera piccola e poveri genitori

bimbalione.JPG

 



 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963