Renzi PD

     
 

 "Non considero un'ipotesi che il 5 mar-
 zo il centrodestra abbia i numeri per  
 andare al Governo": così Renzi, incon- 
 trando a Bari i candidati Pd. Poi: "chi
 vota il partito di D'Alema aiuta Salvi-
 ni" e "chi vota M5S come 'voto di pro- 
 testa' dovrebbe farsi un giro a Roma, e
 poi a Bari. L'incompetenza al governo  
 dimostra che le cose non funzionano".  

 Migranti? "Berlusconi ha detto che il  
 problema lo ha creato il Pd con l'ac-  
 cordo di Dublino", ma "è del 2003; al  
 governo non c'ero né io né il Pd" . Si-
 curezza? "A me interessa la certezza   
 della pena".                           
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

..ha i "numeri"  m5s per mandare in piazza i fascisti..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
17 ore fa, wronschi ha scritto:

..ha i "numeri"  m5s per mandare in piazza i fascisti..

Vedi Bologna...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
18 ore fa, wronschi ha scritto:

     
 

 
 Elezioni. Pd                          

Venerdì è stata una giornata campale per Paolo Gentiloni sul fronte tedesco, al mattino a Berlino con Angela Merkel e la sera in tv a La7 con Lilli Gruber. Alla prima il premier ha garantito che farà di tutto perché dopo il voto del 4 marzo sia formato un governo, cosa tutt'altro che scontata; ospite della seconda, in una delle rare interviste televisive finora concesse, ha lanciato vari messaggi in bottiglia. Gentiloni in questo momento deve muoversi da garante, sia verso i partner europei che continuano a domandarsi se l'Italia uscirà indenne da un turno elettorale che rischia di precipitare il Paese in un vortice di ingovernabilità; e sia verso gli elettori del Pd, disorientati dalla leadership di Matteo Renzi.

 

Il premier ha detto in tv che con il segretario Pd non ci sono problemi di rapporti e che parteciperà presto a una manifestazione elettorale con Renzi anche se non si conosce ancora né il giorno né il luogo. Nel frattempo si fa vedere con chiunque altro: con Calenda, che non è candidato; con la Bonino, che guida +Europa; e ieri con Prodi, che si è schierato con Insieme, la lista che include socialisti, verdi e appunto prodiani di stretta osservanza guidati da Giulio Santagata. Gentiloni ha rivelato alla Gruber che da tutta Italia lo cercano per la campagna elettorale, ma lui deve curare il proprio collegio a Roma e fare anche il primo ministro, perciò le sue uscite devono essere centellinate. Ma guarda caso, finora la sua agenda e quella di Renzi non hanno mai trovato un appuntamento comune.

 

Si sta consumando una presa di distanza dal segretario Pd, ormai rimasto solo con i fedelissimi del Giglio magico. La scelta di Prodi è emblematica: non con gli scissionisti di Liberi e uguali, "amici che sbagliano" in quanto hanno rotto quel romantico sogno di una sinistra unita sotto le fronde dell'Ulivo lanciato dal Professore oltre vent'anni fa, ma neppure (almeno direttamente) con il Pd di Renzi che non è più il partito riformista e federatore che volevano i suoi fondatori. Gentiloni, che appartiene a quella generazione con Rutelli, Veltroni, Franceschini e appunto Prodi, ha detto che "l'Ulivo è il tessuto del centrosinistra". 

 

Prodi sa che Insieme è una realtà debole, che se supererà l'1 per cento i suoi voti finiranno al Pd mentre se resterà sotto andranno dispersi, e che in ogni caso il 3 per cento necessario per arrivare in Parlamento è un puro miraggio. Ma corre il rischio. È un ultimo avvertimento a Renzi: questa volta l'appoggio, benché indiretto, c'è perché "è il momento in cui si decide il futuro del Paese"; ma nel futuro, soprattutto se si dovesse tornare alle urne a stretto giro, oppure se Renzi dovesse creare un nuovo soggetto politico privo delle ultime zavorre da rottamare, gli ulivisti unitari sono pronti a riaggregare le frange disperse della sinistra. E non è detto che Gentiloni, definito da Prodi "la serietà al governo", resti con il Giglio magico.

 

Per il premier ci sono spazi per recuperare sul centrodestra. È uno dei pochi nel Pd a non prendersela troppo con i 5 Stelle ma a sottolineare che la coalizione tra Forza Italia, Lega, Fratelli d'Italia e quarta gamba è tutt'altro che un blocco coeso. Gli avversari non perdono occasione di dargli ragione: ieri Silvio Berlusconi ha sfoderato un formidabile argomento per conquistare voti, precisando di non essere la fata turchina ma di possedere la "bacchetta magica di mago Silvio"; d'altra parte Matteo Salvini ha garantito che il Cavaliere entrerà nel suo governo da ministro perché sarà lui, il leader leghista, ad avere un voto in più per insediarsi a Palazzo Chigi. Il proporzionale è così, bisogna rubare voti agli avversari ma anche agli alleati. Di sicuro, però, la lotta è più accesa dalle parti di Berlusconi che di Gentiloni.

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora