buona notizia..solo a meta',pero'

La buona nova:

Alla fine è arrivato il richiamo dell'Agcom alla Rai dopo il «comizio» su RaiTre in cui Luciana Littizzetto ridicolizzava il referendum sulla giustizia invitando i telespettatori a non andare a votare. Una violazione palese delle norme sulla par condicio. Nel richiamo l'Agcom invita la tv di Stato a garantire «un rigoroso rispetto dei principi del pluralismo, dell'imparzialità, dell'indipendenza, della completezza, dell'obiettività e della parità di trattamento fra i diversi soggetti politici in tutto il periodo di campagna referendaria». Cioè nei pochi giorni che mancano al voto, domenica prossima. In sostanza quindi l'Agcom chiede alla Rai di riequilibrare immediatamente la comunicazione sul referendum.

La nota dolente:

nessuna multa ai presentatori della rai!!!! dovevano pagare di tasca propria l'affondo fatto in una tv di stato!!

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

Ma che cappio scrivi, direttoretto! La Littizzetto è una cittadina italiana e in base all'art.21 della Costituzione può ridicolizzare tutti i referendum che vuole. Questi poi sono molto al di sotto del livello di quello che nella Prima Repubblica chiamavano il "teatrino della politica". Ti ricordo che il sig. RENZI andò nei Tg del servizio pubblico, in prima serata, a invitare i cittadini a boicottare il referendum sulle trivelle. Diceva che era un referendum "bufala". Ma lui non è un comico (anche se è comico), è un politico e all'epoca era presidente del Consiglio. Inoltre, per favorire l'astensionismo, buttò nel cesso un bel po' di denaro pubblico rifiutando di accorpare quel referendum a una tornata elettorale. Mi ricordo che nella Prima Repubblica 3 referendum su 4 li organizzavano i radicali. Salvo rare eccezioni, erano pagliacciate. Marco Pannella era definito "la maschera buffa del teatrino della politica". Anche questi referendum sono confezionati dai soliti radicali. Con il contributo della maschera buffa di Salvini. Intanto Radio Radicale si è mangiata nel 2021 altri 2 milioni di finanziamento pubblico. Ma i radicali continuano a costarci molto di più per i referendum demenziali che organizzano. 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La rai è azienda pubblica per le tribune elettorali hanno i loro spazi...con contraddittorio!!!!!!! La "signora"vada al bar dello sport a dire la sua...con i soldi  delmio canone no.ossequi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963