UNO DI CERTO DEVE METTERSI D'ACCORDO CON SE STESSO

Non  è certo il Sindaco Sala   ma  chi  di  giravolte  ne  fa  almeno una decina  al giorno...

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e testo

2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

Il  suo problema  il lavoro per gli  altri ma  pagato poco, in nero non stabile e  magari dato a immigrati  così  se  ne  stanno zitti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Cosa importa se il gas di oggi lo paghiamo con la libertà di domani. Quel che conta per il leader della Lega e per i suoi simili è difendere i piccoli, piccolissimi interessi di oggi senza pensare alle ripercussioni future. Non si chiama politica. Si chiama egoismo (da HuffPost Italia)

https://www.huffingtonpost.it/blog/2022/05/19/news/matteo_salvini_il_suo_pace_subito_significa_io_sto_con_putin_-9424264/?ref=fbpr&fbclid=IwAR1FrevP3kNwqRQh0PPYiQD17mKZ_cUuE_pQEeol0J8cJIylKVc4hTJIjIQ

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sala mi è un po' antipatico, ma la sua risposta al Capitone merita un mi piace. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
22 ore fa, barbablu16 ha scritto:

Il  suo problema  il lavoro per gli  altri ma  pagato poco, in nero non stabile e  magari dato a immigrati  così  se  ne  stanno zitti

Salvini e chi lo vota hanno la testa per dividere le orecchie 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Due giorni fa, nell'ultima puntata di "Non è L'Arena", il programma di La7 condotto da Massimo Giletti, è andata in onda una delle scene più ignobili della storia della televisione italiana.

Daniela Santanché, una che da circa vent'anni vive sulle spalle dei contribuenti, per ben tre minuti, indisturbata, ha offeso e umiliato in diretta tv un uomo disoccupato di 47 anni, padre di quattro figli, la cui unica “colpa” è quella di percepire il reddito di cittadinanza in un momento di difficoltà. La si può pensare come si vuole sul reddito di cittadinanza ma è indubbio che in molti casi ha aiutato le famiglie povere a sopravvivere in anni così drammatici. E comunque, è inaccettabile che una parlamentare e agiata "imprenditrice" si rivolga ad un cittadino più debole con frasi del tipo:

“Che esempio dà ai suoi figli stando a casa e prendendo 950 euro senza lavorare?”

“Lei, bello paffuto, prende soldi pubblici senza lavorare”

“Vada a lavorare. A lavorare”.

Il tutto mentendo spudoratamente (“Ha rifiutato posti di lavoro”), accusandolo addirittura di “lavorare in nero” e ammettendo candidamente di “non sapere nulla della vita di quest’uomo”.

Alla Santandeché e a chi ha consentito questo scempio una sola parola: vergogna

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
9 ore fa, barbablu16 ha scritto:

Due giorni fa, nell'ultima puntata di "Non è L'Arena", il programma di La7 condotto da Massimo Giletti, è andata in onda una delle scene più ignobili della storia della televisione italiana.

Daniela Santanché, una che da circa vent'anni vive sulle spalle dei contribuenti, per ben tre minuti, indisturbata, ha offeso e umiliato in diretta tv un uomo disoccupato di 47 anni, padre di quattro figli, la cui unica “colpa” è quella di percepire il reddito di cittadinanza in un momento di difficoltà. La si può pensare come si vuole sul reddito di cittadinanza ma è indubbio che in molti casi ha aiutato le famiglie povere a sopravvivere in anni così drammatici. E comunque, è inaccettabile che una parlamentare e agiata "imprenditrice" si rivolga ad un cittadino più debole con frasi del tipo:

“Che esempio dà ai suoi figli stando a casa e prendendo 950 euro senza lavorare?”

“Lei, bello paffuto, prende soldi pubblici senza lavorare”

“Vada a lavorare. A lavorare”.

Il tutto mentendo spudoratamente (“Ha rifiutato posti di lavoro”), accusandolo addirittura di “lavorare in nero” e ammettendo candidamente di “non sapere nulla della vita di quest’uomo”.

Alla Santandeché e a chi ha consentito questo scempio una sola parola: vergogna

La Santanche uno dei tanti personaggi  squallidi della politica

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963