Ha vissuto all'aeroporto per 20 anni, ora la soluzione

8 ore fa, spazio-omega ha scritto:

L'idea e' buona e di buon senso,ispirata evidentemente da nobili sentimenti e che non posso che condividere. Tuttavia andrebbe insignita con una medaglia all'ipocrisia. Infatti un proponimento che gia' sappiamo che non si tradurra' nel suo corrispettivo fattuale e' ipocrisia. Se veramente ci tenessimo ai senza tetto, ai disoccupati, ai poveri ed indigenti, ai tanti vittime di ingiustizie quotidiane, dovremmo adoperarci affinche' tutto cio' si RISOLVA. Con le sedute del governo? Andiamo sai bene che cio' non avverra' mai e poi mai. Se si pensa cio' si diventa complici a far permanere tali situazioni. Le cose che definiamo concrete,reali vanno alimentate da ''spinte'' adeguate che li realizzi. I propri diritti non vanno elimosinati od affidati ad intermediari corruttibili. Li devi ''Prendere'' con lo stato di fatto, poiché lo stato di diritto non a caso e' gestito da chi detiene i privilegi.

Ho avuto occasione di conoscere personalmente, non voglio dire come né perché, dei (veri) senza tetto. Persone che dormono avvolte nei fogli di giornale, spesso anziane e con problemi mentali, spesso a rovistare tra i rifiuti e a contendere il poco cibo con cani randagi, topi e formiche. Non è vita, te lo assicuro. Un disoccupato o un indigente che ha un letto e una casa, anche una stamberga, è  fortunato, è un gran signore rispetto a chi non ce li ha. A Napoli un caso limite, ma non troppo, era quello di Maria, che viveva appena fuori la stazione della Circumvesuviana. Solo quando faceva molto freddo la lasciavano entrare per la notte. Una donnona gigantesca, all'improvviso si denudava davanti ai turisti per fare i bisogni. Una situazione penosa, andata avanti per anni. Dopo tante petizioni finalmente l'hanno sistemata in un centro. Ma in Italia ce ne sono decine di migliaia di questi casi. In un paese civile, in un paese ricco, nel 2018, è inconcepibile. Ti ripeto, se io fossi presidente del Consiglio, la mia priorità sarebbe quella dei senza tetto. D'altra parte cosa diremmo se gli sfollati di un terremoto o di un'alluvione finissero a dormire in mezzo alla strada? 

Saluti

https://www.blitzquotidiano.it/photogallery/maria-senza-tetto-della-circumvesuviana-che-accoglie-i-turisti-chiappe-allaria-1956524/

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

28 messaggi in questa discussione

uvabianca 111...fai pace con la grammatica, se vuoi essere veramente italiana

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, miaury ha scritto:

uvabianca 111...fai pace con la grammatica, se vuoi essere veramente italiana

mai litigato con la grammatica : io sono veramente itaGliana e tu lo sei altrettanto?

già kiarito un'infinità di volte la ragione x cui scrivo in tale maniera. a parte divergenze politike, nessuno fa fatica a legger i miei post compreso un pusillanime ke, quando nn sa ke replicare, si impicca alla K. 

PS:  se ti da fastidio il mio modo di scrivere, ignora i miei post.

Modificato da uvabianca111

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il ‎16‎/‎02‎/‎2018 in 20:13 , fosforo31 ha scritto:

Ho avuto occasione di conoscere personalmente, non voglio dire come né perché, dei (veri) senza tetto. Persone che dormono avvolte nei fogli di giornale, spesso anziane e con problemi mentali, spesso a rovistare tra i rifiuti e a contendere il poco cibo con cani randagi, topi e formiche. Non è vita, te lo assicuro. Un disoccupato o un indigente che ha un letto e una casa, anche una stamberga, è  fortunato, è un gran signore rispetto a chi non ce li ha. A Napoli un caso limite, ma non troppo, era quello di Maria, che viveva appena fuori la stazione della Circumvesuviana. Solo quando faceva molto freddo la lasciavano entrare per la notte. Una donnona gigantesca, all'improvviso si denudava davanti ai turisti per fare i bisogni. Una situazione penosa, andata avanti per anni. Dopo tante petizioni finalmente l'hanno sistemata in un centro. Ma in Italia ce ne sono decine di migliaia di questi casi. In un paese civile, in un paese ricco, nel 2018, è inconcepibile. Ti ripeto, se io fossi presidente del Consiglio, la mia priorità sarebbe quella dei senza tetto. D'altra parte cosa diremmo se gli sfollati di un terremoto o di un'alluvione finissero a dormire in mezzo alla strada? 

Saluti

https://www.blitzquotidiano.it/photogallery/maria-senza-tetto-della-circumvesuviana-che-accoglie-i-turisti-chiappe-allaria-1956524/

Caro Fosforo sono certissimo che se tu fossi  il premier ti adopereresti per  risolvere tutto cio', anche se non te lo permetterebbero, con ogni mezzo. Noi denunciamo tutto cio', va bene, ma siamo come spettatori silenti e complici di omicidi e torture che si compiono ogni giorno. L'indignazione fa schifo poiche' serve solo per affrancare la coscienza degli spettatori inerti. E' necessario allora che il cambiamento avvenga attraverso modalita' che portino in concreto al raggiungimento dei fatti di cui sopra. Per il cambiamento non c'e' altra strada che ''asfaltare''  tutti i privilegiati senza remore o incertezze e con ogni mezzo, poiché sono questi che gestendo le ''regole'' non lo consentono. Diversamente si puo' solo continuare a parlarne dal barbiere o ai giardini.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora