facce da bronzo

Parla la ***** italiana di Innocent Oseghale, uno dei tre profughi nigeriani sotto accusa per avere ucciso e fatto a pezzi Pamela.

La donna, che da lui ha avuto una bambina che ora ha undici mesi, lo difende: “Io ho fiducia in Innocent e credo che abbia detto la verità quando dice di non essere stato lui – dice al settimanale Giallo – . Lui con la morte della ragazza non c’entra. In quella casa con lui potevano esserci anche altre persone”.tesi difensiva: “E poi chi ha venduto tutti quei litri di candeggina non si è chiesto a cosa potevano servire? “, la bizzarra tesi della donna. ora le trasmissioni tv faranno a gara per averla,a pagamento,ovviamente

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

Inviata (modificato)

Un puscher non è mai innocent, o mi sbaglio? Poi mi fido della scientifica e dei messaggini telefonici nonchè della candeggina che non lava le Coscienze... inoltre quei genitori li trovo un po' troppo narcisisti , ditelo alla giudice di Torino, tanto da credere che la nostra indagine si fermi solo alle LORO dichiarazioni in TV a pagamento...

Modificato da frattalis

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
23 ore fa, frattalis ha scritto:

Un puscher non è mai innocent, o mi sbaglio? Poi mi fido della scientifica e dei messaggini telefonici nonchè della candeggina che non lava le Coscienze... inoltre quei genitori li trovo un po' troppo narcisisti , ditelo alla giudice di Torino, tanto da credere che la nostra indagine si fermi solo alle LORO dichiarazioni in TV a pagamento...

«Se la prendono solo con Innocent, ma non capisco perché non chiariscano anche il ruolo della persona che lo ha accompagnato in auto con due valigie (un tassista camerunense). Questa persona non si è posta delle domande quando ha visto Innocent lasciare quei trolley sul ciglio della strada? E poi chi ha venduto tutti quei litri di candeggina non si è chiesto a cosa potevano servire? Io ho fiducia in Innocent e credo che abbia detto la verità quando dice di non essere stato lui. Lui con la morte della ragazza non c’entra. In quella casa con lui potevano esserci anche altre persone».

Così la compagna di uno dei tre nigeriani accusati dalla procura di Macerata della morte di Pamela Mastropietro. Le parole di Michela P., madre di una bimba di 11 mesi avuta proprio da Innocent – al quale sarebbe stata tolta la patria potestà perché già implicato in un’indagine antidroga -, sono state riportate dal settimanale Gialloche ha parlato con un suo amico, tale Simone, conoscente anche di Innocent.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora