Mi sarei rotto le palle …

Di sentir dire la colossale caga ta secondo la quale l’invio di armi all’Ucraina favorisce l’escalation e alimenta la guerra. Ed infatti , un fautore della caga ta citata nel titolo non poteva che essere il Cazzaro di Napoli . Da che mondo è mondo quello che alimenta la guerra è la volontà politica di farla, che nasce nella mente di chi la considera il mezzo più adatto per far prevalere la sua volontà contro quella di un altro che non la condivide. Le armi sono solo un di cui e non si può essere così inconsapevoli della storia e sprovveduti da pensare che se non ci fossero le armi non ci sarebbe la guerra. Certo che sarebbe meglio che non ci fossero armi in giro per il mondo, ma prima di tutto sarebbe meglio che non ci fossero in giro politici irresponsabili e fortemente pericolosi .  Dunque sono le idee politiche che scatenano le guerre o coltivano la pace. E le idee politiche non sono tutte uguali. Per questo,  chi non voglia vivere come un bruto , deve imparare a distinguerle e a scegliere.  Quindi il ripetere senza riflettere che non inviare le armi all’Ucraina riporterebbe la pace e’ una caga ta spaventosa che solo Travaglio Calandrino Marco e quindi dal pulcinella partenopeo del forum possono solo pensare . Perché chi dice di aspirare ad una soluzione pacifica ripetendo questo mantra metafisico, associandolo alla richiesta che si apra una trattativa vera tra Russia e Ucraina, dovrebbe innanzitutto immaginare che conseguenza pratica avrebbe la realizzazione della sua aspirazione e che sbocco avrebbe la sua richiesta di negoziato con la premessa di una Ucraina disarmata.
Bisogna smettere di fare il popolo bue, che spara a caso idee idiotoidi , ma mettiamoci nei panni di chi ha responsabilità di governo e deve scegliere immaginando una soluzione concreta. Esercitare i diritti di cittadinanza in democrazia significa anche questo. Altrimenti in base a cosa altro, se non alla responsabilità che abbiamo, saremmo chiamati a decidere chi ci governa ? Nel caso specifico non ho sentito alcun Cazzaro di Napoli  chiedere a Putin di deporre le armi e tornarsene a casa. Invece , sempre il Cazzaro napoletano , l’ho sentito molto dire che le sanzioni contro la Russia sono un crimine. Quindi, sul lato di chi ha iniziato la guerra di aggressione, si tengano pure tutte le armi che vogliono e gli vengano tolte le sanzioni.  Invece, sul lato dell’aggredito, non diamogli le armi per resistere all’invasore, dato che questo dipende da noi, e quando l’Ucraina avrà esaurito le scorte non potrà fare altro che smettere di combattere. Eccalala’ la  fine della guerra. Facile no?  Purtroppissimo per gli idio ti , avverrebbe solo l’unico fatto concreto : quello che cosi’ Putin potrebbe conquistarsela tutta la sua Ucraina.
A quel punto cadrebbe anche la richiesta della trattativa che Putin, sollecitato da mezzo mondo a trattare, si rifiuta di farlo perseguendo una qualche vittoria militare.
Zelensky ha dichiarato più volte di essere pronto a trattare. Perfino di incontrarsi col massacratore del suo popolo. Ha messo nel piatto la rinuncia alla Nato e la neutralità dell’Ucraina se garantita dalla comunità mondiale. Non è poco per Putin che diceva di sentirsi minacciato dall’ingresso dell’Ucraina nella Nato. Ma niente !! Putin rifiuta di trattare e perfino un cessate il fuoco. Fino che c’è gente da massacrare, ucraini o russi non fa differenza, va avanti. A chi altri dovremmo chiedere di trattare? A Carmine Petruzziello ?? Alle mungitrici di toro venete ?? 
Allora, caro signor Cazzaro napoletano , mettiti nei panni del governo Ucraino e decidi cosa fare. Sapendo che la tua gente, superando divisioni politiche e differenze linguistiche e culturali, ha deciso di combattere per la propria indipendenza. E lo fa perché e’  gente che sa cosa significhi tornare sotto i piedi della Russia e preferisce combattere. Su idio ta , spiegali che ha torto, che essere russificati è bello anche se fa male, che è meglio l’ordine di Putin piuttosto che l’Occidente democratico. Quindi, enorme Cazzaro ,  convincili ad arrendersi, che è meglio morire da vivi piuttosto che sperare di vivere liberi. Puoi farlo sai ?? Visto che questo “paese di pulcinella “ ti permette pure di poterti esprimere liberamente . Digli di non chiederci di sostenere la sua Resistenza, che noi la nostra ce la siamo già fatta contro i nazifascisti e l’abbiamo pure archiviata alla voce “Vittoria”.  A quel punto , sempre che non ti abbiano ancora ricoverato in un padiglione psichiatrico , te ne puoi andare a mangiare un chilogrammo di pasta al forno , due zizzone da un chilogrammo l’una, 3 rutti , un paio di curregge sparse nell’etere e puoi continuare a leggere il Falso Quotidiano in santa pace …!! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

8 messaggi in questa discussione

Da il tempo. it

 

Travaglio: “Non è mai successo che si derogasse alla legge che vietava l’esportazione delle armi a paesi non parte di alleanze. Gli amici somali ci hanno chiesto armi per combattere l’Isis e non gliele abbiamo mandate. Non sono un pacifista, ritengo che le armi in certi casi estremi, per sostenere la difesa dei popoli, come è per certi versi la resistenza ucraina come l’aggressore russo, sia legittimo inviarle ed usarle. Bisogna vedere - sottolinea il direttore de Il Fatto Quotidiano - che cosa succede a mandare armi, vengono utilizzate da milizie di contractor, che a volte si ribellano contro. Tutti ci auguriamo che questa guerra finisca con la vittoria dell’Ucraina e della cacciata dei russi oltre il confine russo, ma i rapporti di forze sono sproporzionati e che l’unica speranza per garantire che questa guerra faccia il minor numero possibili di vittime e costi poco dal punto di vista territoriale è che questa guerra duri poco. Ma mandare armi significa semplicemente allungare l’agonia e arrivare ai negoziati di pace quando resterà ben poco da negoziare”.

Xxxxxx

Sembra che la stupida gallina pisana diversamente intelligente sappia poco del pensiero di Travaglio. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
57 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Da il tempo. it

 

Travaglio: “Non è mai successo che si derogasse alla legge che vietava l’esportazione delle armi a paesi non parte di alleanze. Gli amici somali ci hanno chiesto armi per combattere l’Isis e non gliele abbiamo mandate. Non sono un pacifista, ritengo che le armi in certi casi estremi, per sostenere la difesa dei popoli, come è per certi versi la resistenza ucraina come l’aggressore russo, sia legittimo inviarle ed usarle. Bisogna vedere - sottolinea il direttore de Il Fatto Quotidiano - che cosa succede a mandare armi, vengono utilizzate da milizie di contractor, che a volte si ribellano contro. Tutti ci auguriamo che questa guerra finisca con la vittoria dell’Ucraina e della cacciata dei russi oltre il confine russo, ma i rapporti di forze sono sproporzionati e che l’unica speranza per garantire che questa guerra faccia il minor numero possibili di vittime e costi poco dal punto di vista territoriale è che questa guerra duri poco. Ma mandare armi significa semplicemente allungare l’agonia e arrivare ai negoziati di pace quando resterà ben poco da negoziare”.

Xxxxxx

Sembra che la stupida gallina pisana diversamente intelligente sappia poco del pensiero di Travaglio. 

Io invece credo che più apri bocca e più fai fare la figura del gen io a tuo fratello mezzo scemo …!! 

Ucraina,Travaglio a La7: “Mandare armi a Kiev significa condannare a morte più persone.

  • di F. Q.
  •  
  •  19 Aprile 2022
  •  
  •   

“L’Occidente sta facendo troppo poco? Secondo me è vero il contrario: l’Occidente sta facendo in certi casi anche troppo. Per esempio l’Italia sta violando la Costituzione, inviando armi a un Paese non alleato e diventando, nei fatti, cobelligerante”. A dirlo, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzosu La7, è stato il direttore de il Fatto QuotidianoMarco Travaglio, che ha commentato l’evolversi del conflitto in Ucraina. “Continuare a mandare armamenti a Kiev – ha continuato – significa condannare a morte un numero maggiore di persone.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Continuare a mandare armamenti a Kiev – ha continuato – significa condannare a morte un numero maggiore di persone.

Xxxxxxxxx

Premesso che ha anche detto: le armi in certi casi estremi, per sostenere la difesa dei popoli, come è per certi versi la resistenza ucraina contro l’aggressore russo, sia legittimo inviarle ed usarle, lei stupida gallina pisana diversamente intelligente,  può sostenere che non è vero che: "Continuare a mandare armamenti a Kiev – significa condannare a morte un numero maggiore di persone?

Sia russe che ucraine? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ahahahahaha, premesso che sei una idio ta , premesso che sei una Ebe te , premesso che sei una tuttascema ,  hai fatto una figura di mer da il cui livello non e’ stato mai raggiunto nemmeno dal sig Frizz quando è in forma e che fa apparire tuo fratello strambato un Premio  Nobel …!! Ahahahahah 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, mark222220 ha scritto:

Ahahahahaha, premesso che sei una idio ta , premesso che sei una Ebe te , premesso che sei una tuttascema ,  hai fatto una figura di mer da il cui livello non e’ stato mai raggiunto nemmeno dal sig Frizz quando è in forma e che fa apparire tuo fratello strambato un Premio  Nobel …!! Ahahahahah 

Ripeto la domanda alla quale non ha risposto, stupida gallina pisana diversamentei ntelligente :

“può sostenere che non è vero che: "Continuare a mandare armamenti a Kiev – significa condannare a morte un numero maggiore di persone sia russe che ucraine?" 

Suvvia basta che risponda con un si o con un no, se ha qualche dubbio chieda ai figli intelligenti della sua genitrice. 

PS: mi perdoni ma credo che il virus foetentissimus che l'ha colpita in tenera età, sia in questo periodo più virulento del solito è non le permetta di capire quello che legge. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma vai a caga re vai !! Idio ta !! 

 

Guerra Ucraina, Travaglio: "Inviare armi sbagliato, aumenta solo numero morti"

Imagoeconomica_1072489-1650438684335.jpg--guerra_ucraina__travaglio___inviare_armi_sbagliato__aumenta_solo_numero_morti_.jpg?1650438685715
20 APRILE, 2022

Il direttore de Il Fatto Quotidiano Marco Travaglio ospite da Lili Gruber: "L’Occidente sta facendo molto e, in certi casi, sta facendo sbagliato. 

 
 

Marco Travaglio, direttore de Il Fatto Quotidiano, ospite al programma di Lilli Gruber Otto e mezzo, torna a parlare della guerra in Ucraina e la sua idea è chiarissima: continuare a inviare armi a Kiev "èsbagliato e così facendo aumenterebbe solo il numero di morti". Secondo il giornalista dunque non solo "bisogna trattare" con il Cremlino e con Vladimir Putin, anche perchè nemmeno la stessa Ucraina "rinuncerebbe mai" al gas russo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

egreg.sig.dott.,(a sua insaputa)  pisano...anche noi ci saremo rotti le palline con un partitucculo da zero,qualcosa...che quando cè da votare dribbla...e anche stavolta si è astenuto nella votazione sulla riforma della giustizia.non sara' un gran che..ma almeno un piccolo freno alle porte girevoli dei giudici ci sarebbe..ma voi..nulla.meglio astenersi..per saltare sul carro del vincitore all'ultimo memento.tanto ti dovevo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
59 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Ma vai a caga re vai !! Idio ta !! 

 

Guerra Ucraina, Travaglio: "Inviare armi sbagliato, aumenta solo numero morti"

Imagoeconomica_1072489-1650438684335.jpg--guerra_ucraina__travaglio___inviare_armi_sbagliato__aumenta_solo_numero_morti_.jpg?1650438685715
20 APRILE, 2022

Il direttore de Il Fatto Quotidiano Marco Travaglio ospite da Lili Gruber: "L’Occidente sta facendo molto e, in certi casi, sta facendo sbagliato. 

 
 
 
 
 
 

Marco Travaglio, direttore de Il Fatto Quotidiano, ospite al programma di Lilli Gruber Otto e mezzo, torna a parlare della guerra in Ucraina e la sua idea è chiarissima: continuare a inviare armi a Kiev "èsbagliato e così facendo aumenterebbe solo il numero di morti". Secondo il giornalista dunque non solo "bisogna trattare" con il Cremlino e con Vladimir Putin, anche perchè nemmeno la stessa Ucraina "rinuncerebbe mai" al gas russo.

Sono andato a kagare e ora Ripeto la domanda alla quale non ha risposto, stupida gallina pisana diversamente intelligente :

“può sostenere che non è vero che: "Continuare a mandare armamenti a Kiev – significa condannare a morte un numero maggiore di persone sia russe che ucraine?" 

Suvvia basta che risponda con un si o con un no, se ha qualche dubbio chieda ai figli intelligenti della sua genitrice. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963