Il padre del calciatore italiano che combatte in Ucraina: "Ivan è vivo!"

Ivan Luca Vavassori, l’ex calciatore che combatte accanto all’esercito ucraino, «è vivo. È in ospedale», dove è stato ricoverato con la febbre alta. Lo ha affermato al Tg1 il padre, l’imprenditore Pietro Vavassori, confermando quanto anticipato ieri sera sul suo profilo social.

Vavassori, nato in Russia, è stato adottato da Pietro Vavassori, titolare dell’Italsempione, azienda nel ramo della logistica, e Alessandra Sgarella, sequestrata dalla ‘ndrangheta nel 1997 e morta nel 2011 per una malattia. Ha giocato a calcio in serie C per il Legnano, la Pro Patria e il Bra, facendo anche un’esperienza anche in Bolivia, nella squadra del Real Santa Cruz. Per tutta la giornata di ieri si è temuto che il giovane fosse rimasto coinvolto in un attacco a Mariupol.

In serata l’aggiornamento social e il sospiro di sollievo: «il team di Ivan è ancora vivo», notizia confermata questa mattina dal padre. Il pool antiterrorismo della Procura di Milano, guidato da Alberto Nobili, ha aperto un’inchiesta conoscitiva, quindi senza titolo di reato né indagati, sulla vicenda.

Meno male! 
ivanvivo.JPG

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

Stanno arrivando tantissimi autocarri di rifornimenti per l'esercito russo, si tratta di autocarri ed autoarticolati civili contrassegnati con la lettera Z per rendersi riconoscibili ai russi, e confondere le idee agli ucraini .... arrivano anche dalla Crimea , bisogna tagliare i rifornimenti .

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963