Addio al cantante della leggendaria 'A Whiter Shade of Pale'

Inviata (modificato)

Il cancro ha portato via, a 76 anni, Gary Brooker la voce di uno dei pezzi più conosciuti e suonati al mondo “A Whiter Shade of Pale”, il gruppo si chiamava Procol Harum. Chi non ha sentito, ballato o cantato questo pezzo a un matrimonio, a una festa di fine anno scolastico, o a una gita in pulman? 

Se non lo ricordate eccolo qui:

https://www.youtube.com/watch?v=St6jyEFe5WM

Pensate che Gary Brooker a soli 17 anni ebbe questa idea per l'arrangiamento della canzone: inserire un'introduzione strumentale (ripresa poi tra una strofa e l'altra) ottenuta sovrapponendo il basso del secondo movimento della Suite per orchestra n. 3 di Johann Sebastian Bach BWV 1068 (conosciuta anche come aria sulla quarta corda) con una melodia presa da un'altra opera del compositore tedesco (BWV 645, il Corale in Mi bemolle maggiore Wachet auf, ruft uns die Stimme). Il tutto esaltato dall'organo Hammond abbinato al Leslie. Cosa che rese immortale questo brano

In Italia uno dei primi ad ascoltare il brano fu Mogol, che all'epoca lavorava presso la Dischi Ricordi e che scrisse un testo in italiano (completamente diverso nel significato dall'originale) per i Dik Dik con il titolo Senza luce: il disco venne pubblicato il 20 agosto 1967 e arrivò subito al primo posto in classifica, restando complessivamente in hit parade per diciassette settimane.

R.i.p. Gary

Gary.JPG
 

Modificato da tanticanti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963