colloquio "rispettoso"

Un colloquio “rispettoso e franco”. Questo è stato il tono delle conversazioni odierne al Quirinale tra il presidente Sergio Mattarella e il suo omologo turco Recep Tayyib Erdogan. A quanto si è appreso sono state ribadite le tradizionali posizioni, quella italiana in linea con quella della Ue, dei due Paesi sui principali temi in agenda. I rapporti bilaterali sono buoni e rimane fermo l’interesse dell’Italia che il dialogo con Ankara prosegua. (ANSA)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

Inviata (modificato)

rispettoso?? per un dittatore di sx???

A seguire Erdogan incontrerà Mattarella e il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, oltre a diversi imprenditori italiani. Ma come si diceva la mobilitazione contro la sua presenza in Italia è ampia e variegata. In prima fila ovviamente c'è la rete dei curdi, che denuncia «le mani sporche di sangue di Erdogan», un «criminale che sta uccidendo civili in Siria così come li ha uccisi in territorio turco». Rete Kurdistan ricorda il ruolo di prima fila svolto dalle milizie curde nella vittoriosa guerra contro lo Stato islamico e chiede di «stare accanto al popolo curdo e non a chi ne distrugge la storia e l'identità culturale», annunciando per lunedì mattina a Roma una manifestazione di protesta che sarà però mantenuta dalle forze dell'ordine fuori dall'«area verde» dove non sarà consentito dimostrare. Un gruppo di intellettuali e politici della sinistra italiana, tra cui Carlo Freccero e il segretario di Si Nicola Fratoianni, hanno scritto un appello rivolto al Papa esprimendo «grande preoccupazione» per la visita; sul fronte opposto anche il leghista Roberto Calderoli si è detto «sconvolto per l'accoglienza che l'Italia e la Santa Sede stanno per riservare al dittatore Erdogan».

http://www.ilgiornale.it/news/politica/roma-blindata-sultano-erdogan-1489978.html

Modificato da director12

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora