Inviata (modificato)

mani pulite tangentopoli

30 anni fa, il 17 febbraio 1992, il "mariuolo" del PSI milanese Mario Chiesa (così fu definito da Craxi che in piena campagna elettorale tentò di minimizzare prima che si scoprisse che il ladrone era lui) veniva colto in flagranza dal pm d'assalto Antonio Di Pietro e dai suoi uomini mentre intascava una tangente di 7 milioni di lire. Il "mariuolo" andò in bagno nel tentativo di liberarsi nel water di un'altra tangente da 37 milioni. Incarcerato a San Vittore, negò tutto, finché Di Pietro non disse all'avvocato difensore: "Riferisca al suo cliente che l'acqua minerale è finita". Il "mariuolo" capì l'antifona e vuotò il sacco (i suoi conti in Svizzera si chiamavano Levissima e Fiuggi). Così iniziò Mani Pulite, l'eroica inchiesta che portò alla luce Tangentopoli, il gigantesco e pervasivo sistema di corruzione politica e malaffare che si stava divorando l'Italia. E che portò alla fine della Prima Repubblica con l'autodissoluzione nella vergogna della maggior parte dei partiti storici. Gli italiani onesti capirono che i corrotti si stavano mangiando il loro lavoro e le loro speranze, il grande sogno di un paese risorto dalle ceneri di una guerra e di una dittatura. E si schierarono totalmente con gli eroi del mitico pool di Milano. Quella era un'Italia migliore, un'Italia seria, un'Italia non ancora rassegnata, ancora fondamentalmente PULITA. Perfino nei ladroni sopravviveva un certo pudore, una certa dignità. Qualcuno si suicidò e voglio qui rendergli atto del loro estremo sacrificio purificatorio. Sono sicuro che oggi, dopo un'inchiesta del genere, non si suiciderebbe nessuno. Quella classe politica fu infatti sostituita da una molto peggiore, sotto tutti i punti di vista. Non solo ladri, ma incapaci e facce di bronzo.

Il triste seguito della storia, il berlusconismo, il renzismo e il draghismo, non fu certo colpa degli eroi di Mani Pulite. Dunque, oggi alziamoci in piedi, togliamoci il cappello e ricordiamo con gratitudine e affetto i nomi di quegli eroi, protagonisti della più grande rivoluzione civile della storia della Repubblica:

Antonio Di Pietro, Piercamillo Davigo, Gerardo D'Ambrosio, Ilda Boccassini, Gherardo Colombo, Francesco Greco.

E il loro capo, che purtroppo non c'è più, l'indimenticabile eroe, il procuratore della Repubblica Francesco Saverio Borrelli.

Vive negli italiani onesti, nei cuori di chi ha fame e sete inestinguibile di giustizia, la sua voce  alta e forte: 

Resistere, resistere, resistere, come su una irrinunciabile linea del Piave!        

Modificato da fosforo311
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

24 messaggi in questa discussione

Eccome no !! Con il tono da Sindaco di Grumo Nevano , non poteva mancare la filippica pro giudici del Cazzaro di Napoli . Eroi !! Per il Cazzaro quei giudici sono eroi . Peccato che a fronte dei “successi “ del quartetto, non ci rammenta che quella stagione conto’ 44 morti suicide e qualche decina di persone che andarono in carcere per poi sentirsi di dire che erano innocenti !! Fu una sorta di colpo di stato scritto con il sangue dei vari Cagliari , Moroni e di un’altra quarantina di persone che non ressero alla gogna !! Se la storia la scrivono i vincitori e’ altrettanto vero che ben 5 partiti che avevano governato l’Italia furono distrutti. Il “ colpo” fu retto solo dal PCI che era colpevole come tutti gli altri , ma salvato perché complice di quei PM , gli eroi così come li chiama il Cazzaro di Napoli,  e che tradì da subito i sodali con cui aveva spartito il “bottino”. Che poi “ bottino” non era ma finanziamenti illeciti . Agli “eroi”  faceva molto comodo avere un partito che appoggiava la loro inchiesta e , particolare da non sottovalutare , importante era pure “l’aria politica” da dove questi “eroi” provenivano . Tutto era partito da Milano e , proprio a Milano , i due tesorieri della DC e del PCI avevano abbondantemente spiegato come funzionava il meccanismo del 30% delle tangenti ai partiti . Eppure proprio a Milano , uno dei pochi statisti dell’ Italia del dopoguerra , Bettino Craxi , ci aveva persino provato , con il suo appello in Parlamento , a trovare una soluzione politica . Prevalse la vigliaccheria e la speranza di qualcuno che intravide la possibilità di avvantagiarsi da quella situazione appropriandosi dei resti di quei partiti in via di distruzione . E fu grazie agli “eroi” che chiudendo gli occhi sui bilanci falsificati del PCI , sulle partite di giro delle tangenti ricevute , permisero a questo partito di uscire indenne ( o quasi ). Fu quello il vero momento della sconfitta !!  Altro che eroi !! Un baraccone circense dove si mescolavano impostori , spergiuri , millantatori , piccoli personaggi di infimo cabotaggio ma pure manager perbene , persone oneste ma che rimasero vittime dei peti degli gnomi . Ed immagino la gioia del Cazzaro con quanta voluttà si poneva davanti al televisore , alla sera , per fare la conta degli imprigionati , degli inquisiti che poi , furono dichiarati innocenti . Erano come pale di un ventilatore che spara mer da che però si mescolava , in un unico prodotto,  con il cioccolato svizzero . Tutti al gabbio !! Bastava un sospetto e venivi prelevato ed associato al carcere . E gli “eroi” impazzivano di gioia nel constatare come la gente , all’oscuro di tutto , batteva le mani con il Cazzaro , immagino , pure ad offrire una qualsiasi componente familiare in dote ad uno degli “eroi”. Quello era il clima !! La Giustizia che cadeva come i birilli del bowling , la violazione dei diritti individuali , il diritto alla difesa, la presunzione di innocenza sacrificata in omaggio per coloro che oggi , una testadikazzo assoluta , definisce “eroi “ Eroi un caz.z.o !! Fu mani pulite a violare quei principi che dovevano essere i capisaldi di un paese civile e democratico . Invece gli “eroi” erano impegnati a buttare in carcere più gente possibile come carne da macello . Resistere resistere resistere , da chi , stronzolo ?? Dai pezzodimmerda come te ?? Resisto subito , allora !! Da vomito !! 

Il risultato di Tangentopoli: 40 suicidi e centinaia di innocenti incarcerati
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Purtroppo corruzione e malaffare non è stato estirpato e continua allegramente.

Talmente diffuso che nemmeno si parla di più di "milioni" . Oggi come "tangente" si accettano pure prosciutti !

Una vergogna totale ! 

Ed hanno il coraggio di accusare la magistratura se indaga ed arresta.  Non ci fossero tanti malavitosi questo non succederebbe. Come non succederebbe che la magistratura faccia tanto le pulci anche ai "politici" se perlomeno, ogni tanto, non si assistesse a qualche iniziativa autonoma da parte della politica con qualcuno che si dimette.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Eccome no !! Con il tono da Sindaco di Grumo Nevano , non poteva mancare la filippica pro giudici del Cazzaro di Napoli . Eroi !! Per il Cazzaro quei giudici sono eroi . Peccato che a fronte dei “successi “ del quartetto, non ci rammenta che quella stagione conto’ 44 morti suicide e qualche decina di persone che andarono in carcere per poi sentirsi di dire che erano innocenti !! Fu una sorta di colpo di stato scritto con il sangue dei vari Cagliari , Moroni e di un’altra quarantina di persone che non ressero alla gogna !! Se la storia la scrivono i vincitori e’ altrettanto vero che ben 5 partiti che avevano governato l’Italia furono distrutti. Il “ colpo” fu retto solo dal PCI che era colpevole come tutti gli altri , ma salvato perché complice di quei PM , gli eroi così come li chiama il Cazzaro di Napoli,  e che tradì da subito i sodali con cui aveva spartito il “bottino”. Che poi “ bottino” non era ma finanziamenti illeciti . Agli “eroi”  faceva molto comodo avere un partito che appoggiava la loro inchiesta e , particolare da non sottovalutare , importante era pure “l’aria politica” da dove questi “eroi” provenivano . Tutto era partito da Milano e , proprio a Milano , i due tesorieri della DC e del PCI avevano abbondantemente spiegato come funzionava il meccanismo del 30% delle tangenti ai partiti . Eppure proprio a Milano , uno dei pochi statisti dell’ Italia del dopoguerra , Bettino Craxi , ci aveva persino provato , con il suo appello in Parlamento , a trovare una soluzione politica . Prevalse la vigliaccheria e la speranza di qualcuno che intravide la possibilità di avvantagiarsi da quella situazione appropriandosi dei resti di quei partiti in via di distruzione . E fu grazie agli “eroi” che chiudendo gli occhi sui bilanci falsificati del PCI , sulle partite di giro delle tangenti ricevute , permisero a questo partito di uscire indenne ( o quasi ). Fu quello il vero momento della sconfitta !!  Altro che eroi !! Un baraccone circense dove si mescolavano impostori , spergiuri , millantatori , piccoli personaggi di infimo cabotaggio ma pure manager perbene , persone oneste ma che rimasero vittime dei peti degli gnomi . Ed immagino la gioia del Cazzaro con quanta voluttà si poneva davanti al televisore , alla sera , per fare la conta degli imprigionati , degli inquisiti che poi , furono dichiarati innocenti . Erano come pale di un ventilatore che spara mer da che però si mescolava , in un unico prodotto,  con il cioccolato svizzero . Tutti al gabbio !! Bastava un sospetto e venivi prelevato ed associato al carcere . E gli “eroi” impazzivano di gioia nel constatare come la gente , all’oscuro di tutto , batteva le mani con il Cazzaro , immagino , pure ad offrire una qualsiasi componente familiare in dote ad uno degli “eroi”. Quello era il clima !! La Giustizia che cadeva come i birilli del bowling , la violazione dei diritti individuali , il diritto alla difesa, la presunzione di innocenza sacrificata in omaggio per coloro che oggi , una testadikazzo assoluta , definisce “eroi “ Eroi un caz.z.o !! Fu mani pulite a violare quei principi che dovevano essere i capisaldi di un paese civile e democratico . Invece gli “eroi” erano impegnati a buttare in carcere più gente possibile come carne da macello . Resistere resistere resistere , da chi , stronzolo ?? Dai pezzodimmerda come te ?? Resisto subito , allora !! Da vomito !! 

Il risultato di Tangentopoli: 40 suicidi e centinaia di innocenti incarcerati

 
 

Mi permetto di correggerla su due aspetti:

Il primo, un fatto inoppugnabile, il partito dei giudici in quei fatidici anni fu proprio quello di berlusconi. Tanto è vero che propose a Di Pietro il ministero della giustizia.

Il secondo, un altro fatto inoppugnabile, il PCI non fu coinvolto nella vicenda per il semplice motivo che non aveva "fondi neri", tanto è vero che l'allora PM Nordio (sappiamo tutti chi è e che oggi va tanto di moda), e la stessa Titti Parenti nulla trovarono.  L'unica cosa che emerse fu Greganti che confessò l'incasso di una tangente e del suo uso personale. Per il quale pagò!

 

3 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
50 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Eccome no !! Con il tono da Sindaco di Grumo Nevano , non poteva mancare la filippica pro giudici del Cazzaro di Napoli . Eroi !! Per il Cazzaro quei giudici sono eroi . Peccato che a fronte dei “successi “ del quartetto, non ci rammenta che quella stagione conto’ 44 morti suicide e qualche decina di persone che andarono in carcere per poi sentirsi di dire che erano innocenti !! Fu una sorta di colpo di stato scritto con il sangue dei vari Cagliari , Moroni e di un’altra quarantina di persone che non ressero alla gogna !! Se la storia la scrivono i vincitori e’ altrettanto vero che ben 5 partiti che avevano governato l’Italia furono distrutti. Il “ colpo” fu retto solo dal PCI che era colpevole come tutti gli altri , ma salvato perché complice di quei PM , gli eroi così come li chiama il Cazzaro di Napoli,  e che tradì da subito i sodali con cui aveva spartito il “bottino”. Che poi “ bottino” non era ma finanziamenti illeciti . Agli “eroi”  faceva molto comodo avere un partito che appoggiava la loro inchiesta e , particolare da non sottovalutare , importante era pure “l’aria politica” da dove questi “eroi” provenivano . Tutto era partito da Milano e , proprio a Milano , i due tesorieri della DC e del PCI avevano abbondantemente spiegato come funzionava il meccanismo del 30% delle tangenti ai partiti . Eppure proprio a Milano , uno dei pochi statisti dell’ Italia del dopoguerra , Bettino Craxi , ci aveva persino provato , con il suo appello in Parlamento , a trovare una soluzione politica . Prevalse la vigliaccheria e la speranza di qualcuno che intravide la possibilità di avvantagiarsi da quella situazione appropriandosi dei resti di quei partiti in via di distruzione . E fu grazie agli “eroi” che chiudendo gli occhi sui bilanci falsificati del PCI , sulle partite di giro delle tangenti ricevute , permisero a questo partito di uscire indenne ( o quasi ). Fu quello il vero momento della sconfitta !!  Altro che eroi !! Un baraccone circense dove si mescolavano impostori , spergiuri , millantatori , piccoli personaggi di infimo cabotaggio ma pure manager perbene , persone oneste ma che rimasero vittime dei peti degli gnomi . Ed immagino la gioia del Cazzaro con quanta voluttà si poneva davanti al televisore , alla sera , per fare la conta degli imprigionati , degli inquisiti che poi , furono dichiarati innocenti . Erano come pale di un ventilatore che spara mer da che però si mescolava , in un unico prodotto,  con il cioccolato svizzero . Tutti al gabbio !! Bastava un sospetto e venivi prelevato ed associato al carcere . E gli “eroi” impazzivano di gioia nel constatare come la gente , all’oscuro di tutto , batteva le mani con il Cazzaro , immagino , pure ad offrire una qualsiasi componente familiare in dote ad uno degli “eroi”. Quello era il clima !! La Giustizia che cadeva come i birilli del bowling , la violazione dei diritti individuali , il diritto alla difesa, la presunzione di innocenza sacrificata in omaggio per coloro che oggi , una testadikazzo assoluta , definisce “eroi “ Eroi un caz.z.o !! Fu mani pulite a violare quei principi che dovevano essere i capisaldi di un paese civile e democratico . Invece gli “eroi” erano impegnati a buttare in carcere più gente possibile come carne da macello . Resistere resistere resistere , da chi , stronzolo ?? Dai pezzodimmerda come te ?? Resisto subito , allora !! Da vomito !! 

Il risultato di Tangentopoli: 40 suicidi e centinaia di innocenti incarcerati

 
 

Ma guarda in po', per la stupida gallina pisana diversamente intelligente, se c'erano dei ladroni, la colpa era dei magistrati che non si sono vergognati di metterli in galera.

Si, per me sono stati veri eroi, mettersi di traverso alla classe politica corrotta, ci voleva tanto tanto coraggio.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

1 ora fa, valenxxxlsb ha scritto:

Mi permetto di correggerla su due aspetti:

Il primo, un fatto inoppugnabile, il partito dei giudici in quei fatidici anni fu proprio quello di berlusconi. Tanto è vero che propose a Di Pietro il ministero della giustizia.

Il secondo, un altro fatto inoppugnabile, il PCI non fu coinvolto nella vicenda per il semplice motivo che non aveva "fondi neri", tanto è vero che l'allora PM Nordio (sappiamo tutti chi è e che oggi va tanto di moda), e la stessa Titti Parenti nulla trovarono.  L'unica cosa che emerse fu Greganti che confessò l'incasso di una tangente e del suo uso personale. Per il quale pagò!

 

Giuste e condivisibili riflessioni Valen. Direi che quella di Berlusconi, all'epoca sostenitore con i suoi media di Mani Pulite, era la tattica pacchiana di uno che aveva già i suoi scheletri  nell'armadio. Il piduista, già amnistiato per falsa testimonianza, cercava di mostrarsi all'opinione pubblica come uomo nuovo dell'imprenditoria, estraneo al "sistema"; e ai giudici come un loro amico. In realtà aveva già pagato Craxi, e pure la mafia secondo successive sentenze della magistratura. 

Ti informo che il forumista pisano al quale hai risposto è un noto inventore di balle. Anni fa, prima dell'avvento dell'allievo ripetente di Berlusconi, era uno dei più ferventi sostenitori di Mani Pulite nel forum. Oggi, specie dopo che i giudici hanno ficcato il naso negli affari di Renzi e famiglia, ha cambiato idea a 180 gradi. Le balle che si inventa oggi sul PCI e sui suicidi degli indagati le ha confutate Gherardo Colombo, un membro del pool di Milano che si dimise dalla magistratura ed espresse anche qualche critica sull'inchiesta. Ma ieri sera su LA7 ha corretto Andrea Purgatori, giornalista affetto da gravi pregiudizi, ricordandogli che il Pci-Pds fu indagato come e più degli altri partiti e che i suicidi coinvolti nell'inchiesta non furono i 32 di Purgatori né i 44 del pisano,  bensì 6. Tra questi alcuni famosi imprenditori e manager come il finanziere Raul Gardini e il presidente dell'ENI Gabriele Cagliari. Due vittime innocenti, due martiri? Come leggiamo su Wiki, Gardini fu il mandante della maxitangente Enimont pagata dall'intermediario Sergio Cusani (condannato in Cassazione). Mentre la vedova di Cagliari "andò in Svizzera, svuotò il conto del martire, tornò con 13 miliardi di lire e li restituì all'ENI, ma questo è meglio non dirlo" (M. Travaglio nell'editoriale di oggi). Ho già dato atto a queste persone, di cui rispetto la memoria, del loro gesto di dignità. Si suicidarono per la vergogna, per avere tradito quella legge morale che avevano dentro di sé essendo politici e manager di altri tempi, di un'Italia migliore. Se avessero avuto la coscienza pulita, essendo uomini di valore, non si sarebbero mai suicidati, avrebbero lottato con le unghie e con i denti, e con l'intelligenza, come Enzo Tortora. I corrotti e i corruttori oggi non si vergognano e men che meno si suicidano. Si fanno le leggi a loro uso e consumo, si salvano con le prescrizioni, i servizi sociali e la giustizia colabrodo, e arrivano perfino a denunciare i loro giudici. Oggi propongono un referendum che vuole abolire la custodia cautelare per corrotti e corruttori. Con una legge così Mani Pulite non sarebbe stata nemmeno una bolla di sapone. 

Saluti

Modificato da fosforo311
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
17 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Si fanno le leggi a loro uso e consumo, si salvano con le prescrizioni, i servizi sociali e la giustizia colabrodo, e arrivano perfino a denunciare i loro giudici. Oggi propongono un referendum che vuole abolire la custodia cautelare per corrotti e corruttori.

Questo cambiamento, in peggio, fa il paio con quello che avviene oggi nelle scuole. E cioè che non é più l'allievo ad essere educato ed eventualmente punito dai propri genitori, ma il maestro. Che ormai ha sempre torto a prescindere.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, mark222220 ha scritto:

Il “ colpo” fu retto solo dal PCI che era colpevole come tutti gli altri , ma salvato perché complice di quei PM , gli eroi così come li chiama il Cazzaro di Napoli,  e che tradì da subito i sodali con cui aveva spartito il “bottino”.

Non sono comunista ma non mi risult a che il PCI fosse colpevole come gli altri. Potresti postare dei documenti del'epoca che lo possano dimostrare un qualche modo?

Domanda: come mai tempo addietro eri un ammiratore del pool M.P. ed ora ne parli così male?

Cosa é successo ultimamente per farti cambiare idea in maniera così repentina?

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

3 ore fa, valenxxxlsb ha scritto:

Mi permetto di correggerla su due aspetti:

Il primo, un fatto inoppugnabile, il partito dei giudici in quei fatidici anni fu proprio quello di berlusconi. Tanto è vero che propose a Di Pietro il ministero della giustizia.

Il secondo, un altro fatto inoppugnabile, il PCI non fu coinvolto nella vicenda per il semplice motivo che non aveva "fondi neri", tanto è vero che l'allora PM Nordio (sappiamo tutti chi è e che oggi va tanto di moda), e la stessa Titti Parenti nulla trovarono.  L'unica cosa che emerse fu Greganti che confessò l'incasso di una tangente e del suo uso personale. Per il quale pagò!

 

Mi permetto di correggerla anche io: Berlusconi e forza Italia  arrivarono subito dopo mani pulite e fu una triste eredità che ci lascio mani pulite stessa. Lasci perdere il pci e il suo da lei supposto non coinvolgimento nelle tresche tangentare  . Se il suo è un tentativo di fare un po’ di umorismo , mi associo volentieri , sennò mi ripeto , lasci perdere . Nordio e la Parenti non essendo facenti parte del pool , mai ebbero accesso alla gran massa delle carte in cui il pci era coinvolto . Con tutto questo , anche lei , così come chi ha partecipato a questa discussione , sfuggite dal nocciolo della questione che io , aime’, avevo portato alla attenzione purtroppo non rendendomi conto di quanta distanza , ideologica e culturale , mi separa da voi rendendomi orgogliososo di esserlo . Su Greganti , lo ammetto . Se il suo era un tentativo di strapparmi una discreta risata , c’è riuscito in pieno . 

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, lelotto2 ha scritto:

Questo cambiamento, in peggio, fa il paio con quello che avviene oggi nelle scuole. E cioè che non é più l'allievo ad essere educato ed eventualmente punito dai propri genitori, ma il maestro. Che ormai ha sempre torto a prescindere.

Scusi eh !! Ma che c’entra ?? 😊😊

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, lelotto2 ha scritto:

Non sono comunista ma non mi risult a che il PCI fosse colpevole come gli altri. Potresti postare dei documenti del'epoca che lo possano dimostrare un qualche modo?

Domanda: come mai tempo addietro eri un ammiratore del pool M.P. ed ora ne parli così male?

Cosa é successo ultimamente per farti cambiare idea in maniera così repentina?

 

Si è innamorato.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

NON SO SE SIETE MESSI A PARTE , OVE MAI VI AGGIORNO !

 

Per l'ex pm di Mani Pulite Colombo le carceri andrebbero abolite

Intervista all'HuffPost: "L'articolo 27 della Costituzione dice che 'le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità'"

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
29 minuti fa, mariellasikelia ha scritto:

NON SO SE SIETE MESSI A PARTE , OVE MAI VI AGGIORNO !

 

Per l'ex pm di Mani Pulite Colombo le carceri andrebbero abolite

Intervista all'HuffPost: "L'articolo 27 della Costituzione dice che 'le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità'"

 

Questo vuol dire tutto e niente.

Non credo intenda farli ospitare in un albergo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
12 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Questo vuol dire tutto e niente.

Non credo intenda farli ospitare in un albergo.

Perché vuole abolire le carceri, dopo aver mandato in cella tanta gente?
«Non credo più che la prigione sia educativa, mi sono accorto che generalmente non serve alla sicurezza dei cittadini, e vedo che raramente rispetta le persone che ci vivono. A chi è pericoloso va impedito di poter agire a danno degli altri, ma gli vanno comunque garantiti i diritti previsti dalla Costituzione. Se il carcere garantisse spazio vitale, igiene, salute, istruzione, attività fisica e rapporti affettivi, come in altri Paesi, sarebbe meno difficile riguadagnare il trasgressore a rapporti armoniosi con la società. Ma, se guardiamo al carcere in Italia, vediamo che costituisce, salvo rare eccezioni, solo vendetta: imbarbarisce, e crea rancore, e cioè disponibilità a commettere di nuovo reati».

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, mark222220 ha scritto:

Mi permetto di correggerla anche io: Berlusconi e forza Italia  arrivarono subito dopo mani pulite e fu una triste eredità che ci lascio mani pulite stessa. Lasci perdere il pci e il suo da lei supposto non coinvolgimento nelle tresche tangentare  . Se il suo è un tentativo di fare un po’ di umorismo , mi associo volentieri , sennò mi ripeto , lasci perdere . Nordio e la Parenti non essendo facenti parte del pool , mai ebbero accesso alla gran massa delle carte in cui il pci era coinvolto . Con tutto questo , anche lei , così come chi ha partecipato a questa discussione , sfuggite dal nocciolo della questione che io , aime’, avevo portato alla attenzione purtroppo non rendendomi conto di quanta distanza , ideologica e culturale , mi separa da voi rendendomi orgogliososo di esserlo . Su Greganti , lo ammetto . Se il suo era un tentativo di strapparmi una discreta risata , c’è riuscito in pieno . 

Se vuol farsi una risata, faccia pure.

Non cambia la realtà dei fatti !  Chi indagò sul PCI e non furono certo i "giudici rossi", ma di ben altra ventura (Titti si candidò poi in Forza Italia e Nordio sappiamo come sia "simpatizzante" di destra) non trovarono nulla. Tutto quello che entrò nelle casse del PCI era scritto nero su bianco.  

2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

È quello che pensavo.

Troppi carcerati e poche carceri.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

49 minuti fa, mariellasikelia ha scritto:

NON SO SE SIETE MESSI A PARTE , OVE MAI VI AGGIORNO !

 

Per l'ex pm di Mani Pulite Colombo le carceri andrebbero abolite

Intervista all'HuffPost: "L'articolo 27 della Costituzione dice che 'le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità'"

 

Colombo è un utopista e ha fatto bene a lasciare la magistratura in anticipo perché per fare quel mestiere bisogna essere realisti. Ci sono altri in Italia che oggi invocano l'abolizione del carcere, ma non sono utopisti, sono servi o pennivendoli a libro paghe di ricconi con seri problemi con la giustizia. In ogni caso, con buona pace di Colombo, il carcere non è affatto contrario al senso di umanità e alla Costituzione. Esso nasce con le prime forme di convivenza civile. Nell'antichità non era nemmeno considerato una punizione ma un mero luogo di reclusione in attesa della punizione (ad continendos homines, non ad puniendos). Le punizioni erano ben altre. In effetti, limitarsi a chiudere in una cella chi ha fatto saltare in aria Borsellino e 5 agenti di scorta, sotto il balcone della mamma del giudice, con arti e brandelli di carne sparsi tra i rami degli alberi, è un atto di grande umanità e di immensa generosità e clemenza da parte della società. Mentre mettere ai domiciliari un corrotto come Formigoni, che si è mangiato miliardi dalla sanità causando chissà quali e quanti problemi e sofferenze ai malati e agli anziani, è una roba da paese di Pulcinella o da repubblica delle banane. 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, valenxxxlsb ha scritto:

Il secondo, un altro fatto inoppugnabile, il PCI non fu coinvolto nella vicenda per il semplice motivo che non aveva "fondi neri", tanto è vero che l'allora PM Nordio (sappiamo tutti chi è e che oggi va tanto di moda), e la stessa Titti Parenti nulla trovarono.  L'unica cosa che emerse fu Greganti che confessò l'incasso di una tangente e del suo uso personale. Per il quale pagò!

ecco forse le cose non andarono proprio così. Greganti si autoaccusò di per dedizione al partito, e non volle mai fare i nomi dei reali destinatari di quella tangente. Sul fatto che non esistessero fondi neri  ci sono sempre stati forti dubbi, infatti Greganti si autooccusò di quella tangente, perché era  la sola che non fosse riuscitio a fare sparire.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Colombo è un utopista e ha fatto bene a lasciare la magistratura in anticipo perché per fare quel mestiere bisogna essere realisti. Ci sono altri in Italia che oggi invocano l'abolizione del carcere, ma non sono utopisti, sono servi o pennivendoli a libro paghe di ricconi con seri problemi con la giustizia. In ogni caso, con buona pace di Colombo, il carcere non è affatto contrario al senso di umanità …

Bene !! Il Cazzaro di Napoli ha già fatto fuori uno dei 4 eroi …!! Ahshahahah 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
18 ore fa, il.pignonista ha scritto:

ecco forse le cose non andarono proprio così. Greganti si autoaccusò di per dedizione al partito, e non volle mai fare i nomi dei reali destinatari di quella tangente. Sul fatto che non esistessero fondi neri  ci sono sempre stati forti dubbi, infatti Greganti si autooccusò di quella tangente, perché era  la sola che non fosse riuscitio a fare sparire.

Beh, certo, ognuno ha il diritto di pensarla come vuole ed immaginare chissà quali retroscena. E' più o meno lo sport italiano. Di fatto, carte processuali alla mano, Greganti fu condannato e riscontrato che l'ammontare della tangente fu usata per l'acquisto di un appartamento o che altro intestati a suo nome. Il resto sono supposizioni senza alcuna prova.

 

3 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, valenxxxlsb ha scritto:

Beh, certo, ognuno ha il diritto di pensarla come vuole ed immaginare chissà quali retroscena. E' più o meno lo sport italiano. Di fatto, carte processuali alla mano, Greganti fu condannato e riscontrato che l'ammontare della tangente fu usata per l'acquisto di un appartamento o che altro intestati a suo nome. Il resto sono supposizioni senza alcuna prova.

 

Guardi , non e’ in discussione il diritto individuale di immaginare quel che  vuole . Ci mancherebbe !! Qua si parla di dati certi !! Immagino non le sarà difficile comunicare al forum per quale motivo il Compagno Greganti fu condannato a 3 anni e 7 mesi . Pensi un po’ che io , nella mia immaginazione , ho creduto che lo fosse stato perché faceva il corriere di mazzette per il PCI dell’epoca . Quando si dice l’immaginazione …!!!

Vicende giudiziarieModifica

Il suo nome è soprattutto ricordato nell'inchiesta Mani pulite. Arrestato nel 1993, dopo che l'imprenditore Lorenzo Panzavolta, che curava i rapporti della Ferruzzi di Raul Gardini con i partiti, aveva raccontato ai magistrati di Milano di essere stato contattato da lui quando la società cercava di ottenere l'appalto per la desolforazione delle centrali dell'Enel previo il pagamento di una tangente da 1 miliardo 246 milioni di lire,[1] quando era ancora un militante del PCI. Arrestato, rifiutò qualsiasi collaborazione con i magistrati del pool di mani Pulite, non rivelando nulla malgrado i ripetuti interrogatori a cui fu sottoposto e i 6 mesi di carcerazione preventiva. Tale comportamento gli valse il soprannome di Compagno G e fu definito come il perfetto comunista che non molla mai[2][3].

Nel 1995, Giuliano Peruzzi, consulente della Lega delle cooperative fino al '92, dichiarò al procuratore veneziano Carlo Nordio: «Greganti era notoriamente il cassiere del Pci-Pds incaricato di raccogliere i finanziamenti illeciti provenienti dalle fonti più svariate. Essenzialmente fondi neri costituiti dalle cooperative o mazzette provenienti dagli imprenditori ... Pagato Greganti, tutti sapevano che il consenso del Pci era un fatto acquisito, pertanto sia gli appalti nazionali sia le esportazioni verso l'Est avevano il beneplacito di questa forza politica» [4]

Rinviato a giudizio, venne condannato a 3 anni e 7 mesi per finanziamento illecito al suo partito, pena successivamente patteggiata e ridotta a 3 anni e confermata dalla Corte di Cassazione nel marzo 2002. Poiché fece 6 mesi di carcerazione preventiva a San Vittore nel 1993, scontò in carcere i restanti 2 anni e 6 mesi. L'8 maggio 2014 è stato nuovamente arrestato per tangenti legate all'Expo 2015 (anche se l'inchiesta era nata da altre vicende, tesa a smascherare la "cupola degli appalti").[5]

 

 

Note
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Purtroppo  con certa  propaganda   sono passati da  eroi, ricordiamo certi  leghisti  tirare  le  monetine a  quelli che   loro   indagavano , ad  essere  dei  torturatori  di  anime presunte   innocenti... ma  questa  è certa  Italia .   Purtroppo  loro  sono passati,  ma  la corruzione   ed i corrotti  rimangono  anche  in  Parlamento

Modificato da barbablu16

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'ex pm riscrive la storia di Mani Pulite: «L'inchiesta nasce a Palermo, con Falcone e Borsellino, ucciso per quel che poteva ancora scoprire»

(da L'Espresso)

https://espresso.repubblica.it/archivio/plus/2020/01/16/news/antonio-di-pietro-bettino-craxi-giulio-andreotti-285339587/?ref=fbpr&fbclid=IwAR2oyInYgahzR3Kb2YwKCD22sVIvYhU0EDOEDC6itiNQiCeyK3Cag5iEcI0

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
20 ore fa, valenxxxlsb ha scritto:

Beh, certo, ognuno ha il diritto di pensarla come vuole ed immaginare chissà quali retroscena. E' più o meno lo sport italiano. Di fatto, carte processuali alla mano, Greganti fu condannato e riscontrato che l'ammontare della tangente fu usata per l'acquisto di un appartamento o che altro intestati a suo nome. Il resto sono supposizioni senza alcuna prova.

 

Forattini: politici tutti buffi, mi tolgono lavoro - Photostory Curiositá -  ANSA.it

9_9

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963