Russia Ucraina

Se dovesse accadere e le cose dovessero peggiorare di giorno in giorno anziché contendersi una mal ragione attraverso una guerriglia con armi convenzionali, potrebbero passare ad un uso nin più convenzionale di quell armamento che nel secolo scorso gli americani privarono in Giappone. A quel punto i primi a farne le spese saremo noi europei occidentali e nel contesto peggiore in quel Paese come l'Italia dove sono installate decine di postazioni di armamento nucleare pronto ad essere lanciato verso i Paesi dichiarati nemici della Nato.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

7 messaggi in questa discussione

28 minuti fa, wronschi ha scritto:

dove sono installate decine di postazioni di armamento nucleare pronto ad essere lanciato verso i Paesi dichiarati nemici della Nato.

in realtà le cose sono più complicate, l'occupazione dell'Ucraina potrebbe dare origine ad azioni di lungo periodo di guerriglia  con azioni non necessariamente limitate al territorio dell'Ucraina, azioni appaltate a gruppi terroristici ben addestrati che potrebbero interessare il territorio Russo e per rappresaglia l'intero territorio Europeo (Italia compresa) ; non ci sono solo le atomiche che viaggiano con i missili, non è un mistero che esistono armi nucleari tattiche delle dimensioni di uno zaino in possesso sia degli USA che della Russia , parrebbe che un certo numero di questi "zaini" nucleari con la dissoluzione dell'ex Unione Sovietica siano andai persi....  immaginiamo lo scenario di "zaini" del genere in mano a terroristi   https://it.wikipedia.org/wiki/Bomba_atomica_da_zaino

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, wronschi ha scritto:

 

 

2 ore fa, etrusco1900 ha scritto:

 

 

Carissimi Etrusco e Wronschi – uno zaino esplosivo esplode e basta. I danni si limitano alla zona della esplosione ed al tipo di esplosivo. Decisamente più pericoloso uno zaino chimico batterio (non) logico sulle spalle di qualche istruito di turno. Gli si fa credere che nell'aldilà potrà disporre di soldi e donne. Il virus diciannove ha dimostrato la pericolosità delle armi chimiche e batteriche. Del resto anche all'epoca del medio evo per espugnare i castelli si avvelenavano gli acquedotti. Ma ancora prima, le antiche città di duemila e più anni fa sono state annientate da fanatici (isolati o di gruppo) con sistemi di poco costo ma grande ritorsione.   

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

1 ora fa, dune-buggi ha scritto:

uno zaino esplosivo esplode e basta. I danni si limitano alla zona della esplosione ed al tipo di esplosivo.

non si tratta di zaini pieni di tritolo, si tratta di mini armi nucleari in grado di distruggere una mezza città e rendere radioattiva l'altra metà, immagina l'uso terroristico di tali armi, immagina che gli attentatori annuncino in anticipo la loro azione dando una data, un'ora e  una lista di città possibili obbiettivi, immagina fughe in massa di centinaia di migliaia di persone da queste città e immagina le ritorsioni delle nazioni colpite con analoghe minacce e uso a sua volta , per ritorsione,  di   terroristi e di  zaini nucleari  ; tu dici:  "nel medio evo per espugnare i castelli si avvelenavano gli acquedotti" a quel tempo la cosa coinvolgeva un singolo castello ma adesso la posta in gioco rischia di essere l'intero pianeta; quando si inizia una guerra si sa come inizia ma non si sa come va a finire.

Modificato da etrusco1900
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La storia cambia si evolve , ma siccome il genere umano impara poco , spesse volte si ripete . Basta pensare all'influenza spagnola ... si cominciò ad averne notizia nel 1918 ma la prima guerra mondiale era ancora in corso .... Oggi similmente, è cominciata una pandemia e ci sono tensioni politiche molto forti , tensioni che per la verità già si protraevano da tempo ... già altre volte in quella zona vi erano state esercitazioni molto corpose .... si potrebbe azzardare a dire che in quelle zone la seconda guerra mondiale non sia mai finita veramente .... Sta di fatto che gli unici a rimetterci siamo noi occidentali , esportazioni bloccate = niente guadagni, prezzo del gas in aumento, prezzo del greggio sale di quattro cinque punti al giorno , i russi hanno molti amici presso i paesi produttori di greggio e fanno salire continuamente le quotazioni , le compagnie petrolifere sono di proprietà americana è i loro guadagni crescono continuamente a dismisura ..... quindi gli interessi in gioco ci sono . Per quale motivo le superpotenze dovrebbero rinunciare ad un fiume di denaro? 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

https://www.globalist.it/culture/2022/02/13/l-amarezza-di-gino-strada-non-siamo-ancora-in-grado-di-concepire-un-mondo-senza-guerra/?fbclid=IwAR2KyVRsSHEGsEzahKgs9cQO-OcC0Z26G93gGb6S7FobMB5CT9c6FAJy980

“La guerra piace solo a chi non la conosce” afferma Strada: “In Italia qualcuno se lo ricorda ancora com’era l’Europa nel dopoguerra. Un continente pieno di persone alla deriva, che si muovevano tra le macerie, senza sapere dove andare, cosa fare. Nessun governo, di nessun colore, dovrebbe essere autorizzato a prendere la decisione di andare in guerra. Si chiede l’opinione dei cittadini per la legge sulla caccia ma non per la caccia all’uomo. Se i cittadini venissero consultati sulla guerra sarebbero tutti contrari. Non ho mai visto una persona che abbia conosciuto la guerra, che l’abbia sperimentata su di sé, sulla sua famiglia, sui suoi amici, sulle sue cose, che la guerra l’apprezzi. Il problema è che la guerra è ancora la prima risposta nel bagaglio dei potenti, dei politici, dei governanti, di chi ha la borsa del denaro in mano. E questo è drammatico, perché abbiamo già visto nella storia come una guerra iniziata come locale, regionale e poi diventata una guerra globale. Abbiamo visto nella storia come una guerra iniziata con armi convenzionali può finire con la bomba atomica. Ancora sono sorpreso che ci sia questa accettazione della guerra come inevitabile”

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

potremmo passare dall'ennesima mutaz covid ad altra pandemia totalm sconosciuta e + letale. cmq bisogna consid quanto i contend han voglia di spingersi; potrebbe esser questione psicologica.

se nn interviene direttam dall'alto, ma molto alto, la divina provvid, potrebbe arrivare una situaz dagli esiti impreved x nn focalizz la parte econom ke inevitab peserebbe + dell'attuale.

Modificato da uvabianca111

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963