inflazione
LE DOMENICHE A PIEDI

forse i più giovani non ricordano o non le hanno mai vissute,  ho ritrovato questo vecchio articolo che ne parla https://stradafacendo.tgcom24.it/2013/10/25/domeniche-a-piedi-40-anni-fa-i-primi-blocchi-nel-1973-si-vendevano-piu-auto-di-oggi/#:~:text=E nel 1973 si vendevano più auto,-venerdì%2C 25 ottobre&text=Sono passati 40 anni dalle prime “domeniche a piedi”.&text=Il 2 dicembre del 1973,milioni di litri di carburante.

non c'è niente di nuovo sotto il sole, a quel tempo l'amento improvviso del prezzo del petrolio fece partire la grande inflazione che provocò dopo pochi mesi un rialzo generalizzato dei tassi di interesse, con gente che si trovò a pagare rate di mutuo conteggiate a tassi di interessi vicino al 20 per cento;

in questi giorni è partita la crisi del prezzo del gas che si ripercuote sui trasporti  ( visto che tute le merci viaggiano, sia le materie prime, sia i prodotti finiti)  e sul  sul prezzo finale di tutte le  merci

Visti i precedenti del 1973 è facile immaginare quello che accadrà... che ne pensate?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

13 messaggi in questa discussione

Ciao Etrusco, hai fatto bene a ricordare la vecchia “austerity” della fine settantatre / inizio settantaquattro. Stop alla circolazione auto, riscaldamenti delle case ridotti, merce contingentata nei negozi, illuminazione stradale a luci alternate, ed altro ancora. Per le strade degli originali e buffi mezzi di locomozione artigianali mossi a pedali. Magari tornasse la fantasia, l'improvvisazione, l'artigianato di un tempo, magari nei mesi estivi ove il desiderio di stare all'aperto è maggiore. Per tornare concreti … allora come oggi i ricchi si arricchiranno impoverendo i poveri. Togliere un euro a cento poveri per dare cento euro ad un solo ricco. Come con il vaccino che poi vaccino non è. Dare cento dosi a cento persone per far guadagnare ad un solo ricco cento euro.- Ciao a presto da d/b.-  

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
53 minuti fa, etrusco1900 ha scritto:

forse i più giovani non ricordano o non le hanno mai vissute,  ho ritrovato questo vecchio articolo che ne parla https://stradafacendo.tgcom24.it/2013/10/25/domeniche-a-piedi-40-anni-fa-i-primi-blocchi-nel-1973-si-vendevano-piu-auto-di-oggi/#:~:text=E nel 1973 si vendevano più auto,-venerdì%2C 25 ottobre&text=Sono passati 40 anni dalle prime “domeniche a piedi”.&text=Il 2 dicembre del 1973,milioni di litri di carburante.

non c'è niente di nuovo sotto il sole, a quel tempo l'amento improvviso del prezzo del petrolio fece partire la grande inflazione che provocò dopo pochi mesi un rialzo generalizzato dei tassi di interesse, con gente che si trovò a pagare rate di mutuo conteggiate a tassi di interessi vicino al 20 per cento;

in questi giorni è partita la crisi del prezzo del gas che si ripercuote sui trasporti  ( visto che tute le merci viaggiano, sia le materie prime, sia i prodotti finiti)  e sul  sul prezzo finale di tutte le  merci

Visti i precedenti del 1973 è facile immaginare quello che accadrà... che ne pensate?

Bei tempi, eravamo giovani di belle speranze.

Sembrava che il petrolio bastasse ancora per 10 anni ed invece siamo ancora qui a riempire i serbatoi con i suoi derivati.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Bisogna ovviamente accelerare il più possibile sulle rinnovabili. Lo Stato deve farsi imprenditore, l'Ente Nazionale Idrocarburi (ENI) deve ridenominarsi in ENER: Ente Nazionale Energie Rinnovabili, bisogna interrompere subito i contributi, i bonus, i sussidi a pioggia (eccetto quelli destinati alla povera gente come il Rdc) che generano inflazione, imporre una pesante patrimoniale ai ricchi, punire in modo spietato gli evasori, e concentrare tutte le risorse pubbliche e private sulla svolta ecologica (e non sulla finzione ecologica di Draghi e Cingolani). Lasciando perdere i palliativi come il quasi esaurito metano nazionale, e le centrali nucleari che in Italia non potrebbero erogare un watt prima del 2035 e che al caro bollette gli fanno un baffo. 

Premesso ciò, è chiaro che nell'immediato l'unica risposta seria e plausibile alla crisi energetica è la stessa degli anni '70, ovvero il taglio drastico dei consumi. L'intervento dello Stato, cioè il bonus bollette, è artificiale, non risolve il problema, anzi lo peggiora generando ulteriore inflazione e deficit. Se invece crollano i consumi di energia, per i produttori c'è poco da fare: devono abbassare i prezzi.

Ci sono due problemi.

L'austerità dovrebbe essere concordata a livello europeo per essere efficace sui prezzi, ma l'Europa è in mano ai capitalisti, ai liberisti e ai fanatici del profitto e della crescita. La decrescita della produzione e dei consumi, in primis quelli energetici, sarebbe invece il modo migliore per rifondare il sistema economico in chiave green.

L'altro problema è la resilienza, oggi molto più bassa che negli anni '70. Sia del sistema economico, sia dei cittadini e consumatori. Negli anni '70 l'economia era ancora in buona parte in mano allo Stato, oggi basta un aumento prolungato del prezzo del carburante per far fallire una compagnia aerea o marittima privata. Mentre gli italiani degli anni '70 o avevano visto la guerra, ovvero la fame, la miseria e le candele, o erano figli di chi aveva visto la guerra e dunque non erano viziati, nonostante il boom economico. All'epoca non fu affatto un sacrificio rinunciare all'auto o alla vespa per la bicicletta o il motopiedi. Gli italiani di oggi hanno i piedi stanchi ma soprattutto il cervello stanco. Sono molto pessimista sul futuro.

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

mamma ogni qualvolta ci son probab periodi di ristrettezza, rammenta proprio quei tempi: o...biciclette o pedibus calcantibus.

xò ricorda pure un periodo in cui lei ed amici andavano in discoteca alle 19 x uscirne alle 23 riempiendo gli autobus  come fosse un'ora di punta e, nonost  auto in garage, tanto  divertim.  invece ricorda un triste natale con strade e negozi senza luci di festa...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, uvabianca111 ha scritto:

ricorda un triste natale con strade e negozi senza luci di festa

strade senza luce,  ci siamo nuovamente come nel  1973 https://messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2022/02/10/news/tutte-le-luci-spente-ponti-palazzi-e-monumenti-al-buio-per-protestare-contro-l-energia-alle-stelle-1.41216742  per ora i comuni  fanno azioni simboliche , temo che  presto queste cose diverranno nuovamente presenti tutte le notti in tutte le città  con un lampione acceso  uno si e uno  no, potremmo essere alle soglie di una guerra termonucleare, eravamo tutti preoccupati dal virus, pensavamo che tutti i problemi del pianeta  fossero il virus  e non vedevamo quello che  politicamente stavano preparando; queste crisi militari sono ovviamente volute, fanno parte di una strategia, mi chiedo se anche il virus ,  per caso? ,  non facesse parte di questa strategia.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 ore fa, etrusco1900 ha scritto:

forse i più giovani non ricordano o non le hanno mai vissute,  ho ritrovato questo vecchio articolo che ne parla https://stradafacendo.tgcom24.it/2013/10/25/domeniche-a-piedi-40-anni-fa-i-primi-blocchi-nel-1973-si-vendevano-piu-auto-di-oggi/#:~:text=E nel 1973 si vendevano più auto,-venerdì%2C 25 ottobre&text=Sono passati 40 anni dalle prime “domeniche a piedi”.&text=Il 2 dicembre del 1973,milioni di litri di carburante.

non c'è niente di nuovo sotto il sole, a quel tempo l'amento improvviso del prezzo del petrolio fece partire la grande inflazione che provocò dopo pochi mesi un rialzo generalizzato dei tassi di interesse, con gente che si trovò a pagare rate di mutuo conteggiate a tassi di interessi vicino al 20 per cento;

in questi giorni è partita la crisi del prezzo del gas che si ripercuote sui trasporti  ( visto che tute le merci viaggiano, sia le materie prime, sia i prodotti finiti)  e sul  sul prezzo finale di tutte le  merci

Visti i precedenti del 1973 è facile immaginare quello che accadrà... che ne pensate?

 

Ora le polveri sottili, nel 1973 il petrolio Quando Bergamo restò quasi a  piedi - Cronaca, Bergamo

io ricordo

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

Vecchi ricordi datati 13 dicembre 1973 “La Vendetta del Cavallo” –  Carrozze&Cavalli

giornali di allora

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

Austerity, cos'è cambiato - La Stampa

foto e città di allora

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quell' anno avevamo ritrovato però, il piacere di dialogare anche con gli sconosciuti e rinforzato le amicizie.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Quell' anno avevamo ritrovato però, il piacere di dialogare anche con gli sconosciuti e rinforzato le amicizie.

 

e l'economia volava

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Quell' anno avevamo ritrovato però, il piacere di dialogare anche con gli sconosciuti e rinforzato le amicizie.

 

a sentire i pareri di ki visse quel periodo, pare, tutto somm, ke nn fosse così brutto.  kissà se la generaz success e viziata saprebbe apprezzare una libertà sconosciuta...  

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 11/2/2022 in 10:02 , etrusco1900 ha scritto:

Visti i precedenti del 1973 è facile immaginare quello che accadrà... che ne pensate?

che allora ancora non c'erano fascisti che capeggiavano i negazionisti come fanno oggi....:D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Un tempo a mezza notte tutti i locali dovevano chiudere al pubblico. Ristoranti, cinema, discoteche, ed altro. Dopo le nove di sera le insegne dei negozi dovevano essere spente. Ora anche alle tre di notte, a negozio chiuso, luci al massimo. La illuminazione stradale dopo le nove di sera funzionava alternata, un faro si ed uno no. All'estero le luci stradali illuminano verso il basso, in italia si spara luce verso il cielo, con spreco di energia ed inquinamento luminoso.   

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963