“È morto Luc Montagnier”, ma è mistero: c'è chi smentisce e chi conferma

Sta girando la notizia della morte di Luc Montagnier, premio Nobel per la medicina nel 2008, noto per aver partecipato ad alcune proteste No-Vax e No Green pass anche a Milano.
Il giornale francese, France Soir, ha scritto un articolo sulla sua morte, ma non altre testate,  dall'altra parte non sono arrivate neanche smentite ufficiali.
La morte di Montagnier, che ha 89 anni, sarebbe avvenuta l'8 febbraio all'ospedale di Neuilly-sur-Seine circondato dai suoi familiari, ma il caso è diventato un giallo perchè un sito Mediamass, ha smentito che Montagnier sia morto ma non è ritenuto una fonte autorevole.  

Anche Bufale.net, sostiene che:  "arrivano sostanzialmente segnali non molto incoraggianti da persone che in Italia sono vicine al medico e che, per questioni di privac y e rispetto verso la famiglia del medico, preferiscono restare anonime". mentre  Byoblu, conferma la notizia sulla base di "nostre fonti vicine alla famiglia del professore".

montagnier.JPG

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

LA NOTIZIA E' STATA QUASI IGNORATA PERCHE' GLI SAREBBE TANTO MA TANTO PIACIUTO COMUNICARE , A RULLO DI TAMBURO E SQUILLO DI TROMBE " IL PREMIO NOBEL NO VAX LUC MONTAGNIER E' DECEDUTO CAUSA COVID ". DAL MOMENTO CHE COSI' NON E' STATO , TUTTI MA PROPRIO TUTTI ERANO MOLTO INFASTIDITI , HANNO GIRATO LA TESTA DA UN'ALTRA PARTE . NON GLI E' PIACIUTO IL COPIONE !!

ECCO PERCHE' IL DETTO NON DETTO !!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

anche un premio nobel, arrivato a 89 anni, può rimbambire e Montagner lo era rimbambito.

Lo hanno usato i no vax per i loro luridi giochi.

Come sia morto è cosa che non ci riguarda e, soprattutto, non ci interessa.

La cosa importante è che adesso i no vax non potranno più approfittare di lui per le loro farneticazioni.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Montagnier avrà pure avuto dei meriti, non per nulla gli è stato assegnato il Nobel. Ma non si può passare sotto silenzio il suo sostegno a teorie antiscientifiche come l'Omeopatia, una pratica "medica" inutile, quando non dannosa se usata in luogo di valide cure messe a disposizione della scienza medica.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora