Parliamo di Giuseppi ?? Si , però abbinato ai bravi ragazzi , eh ??


Non si può dimenticare che stiamo parlando di un borghese piccolo piccolo, come ce ne sono milioni in Italia e miliardi nel mondo, il quale, presa coscienza della propria condizione marginale, non ha lottato per il suo riscatto e quello dei suoi simili, ma ha scelto la strada dell’affermazione personale. E l’ha fatto attraversando le scorciatoie riservate degli studi legali d’affari, fino ad essere scelto, per le sue doti funamboliche e di soldatino obbediente, per fare il PdC.   Non si può neanche dimenticare che l’avvocato è stato in sartoria, per mesi, dopo lo sfratto da palazzo Chigi, per scrivere e limare nei particolari lo statuto del “nuovo” M5S, i cui articoli riguardanti l’elezione del Presidente, che si era tagliato su misura, sono stati rinviati dal giudice al mittente, come un paio di pantaloni a campana. Un avvocaticchio non in grado di difendere neanche sé stesso e che però , boriosamente , di era dichiarato avvocato degli italiani . La vicenda della sospensione di Conte dalla presidenza del M5S si può leggere in due modi : La maggior parte dei media mettono in rilievo la nemesi che colpisce duramente chi aveva fatto del giustizialismo la sua cifra identitaria, usando ed abusando di un rapporto perverso con la parte malata della magistratura. C’è chi se ne compiace e chi, solo oggi, prende cinicamente le distanze dal goffo avvocatino di provincia che, fino a ieri, aveva dipinto come un *** politico di levatura europea.  In pochi segnalano, al di là della sorte del M5S, che ci si trovi difronte ad un ulteriore atto di invasione del potere giudiziario nel campo della politica. Un potere che da anni condiziona i destini di persone e partiti, fino ad arrivare a sovrastare, condizionare e indurre correzioni alla stessa volontà popolare. Con l’inchiesta Open, si è tentato di decidere in Tribunale cosa possa essere o non debba essere considerato un partito. Oggi si vuole decidere con una sentenza quali debbano essere le modalità di elezione dei propri organi dirigenti da trascrivere nello Statuto di un partito.   Si può, forse si deve, sorridere per questa vicenda, pensando che uno stupido è chi reca un danno ad altri senza ricavarne alcun vantaggio. Non bisogna ripetere l’errore, fatto per quasi venti anni nei confronti di Berlusconi, di delegare la sconfitta dell’avversario politico alle sentenze di un Tribunale. Il M5S sta già morendo, per la consunzione di una fase politica buia, non c’è bisogno di maramaldeggiare. Questi , il funerale , se lo sono fatti da soli così come Renzi , a suo tempo , ce lo aveva già detto . C’è bisogno di imparare e di tornare a fare politica limpida. Imparare, per quanto riguarda il PD, che la linea politica perseguita fino ad oggi, di considerare il M5S l’alleato strategico e Conte il riferimento imprescindibile di questa alleanza contro natura, non è solo sbagliata ma perché quell’accozzaglia di scappati da casa non può essere considerata un elemento strutturale della politica italiana sul quale giocare il futuro. Pena il suicidio, come le antiche regine vedove davanti alla pira del re. 
Se si vuole offrire un governo all’Italia ci si deve dimostrare responsabili delle sorti di un intero Paese, non degli interessi di un gruppo trasversale che pensa di conservare il proprio potere rappattumando di qua e di là pezzi di una alleanza già morta.  Un’alleanza nata per iperrealismo, ora annegata in un mare di realismo.                      
         M.U. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963