vi ricordate la frase dell'infermiera: tu che ci sei venuto a fare in italia? ebbene BUFALA!!

Inviata (modificato)

È il direttore generale del Rummo, Renato Pizzuti, a spiegare – in una nota – i passi che sta compiendo l’ospedale il giorno dopo le frasi postate sul proprio profilo Fb dal mediatore culturale Musah Awudu, 37enne ghanese.

Come volevasi dimostrare, le accuse dell’africano all’infermiera di Benevento erano una fake news. Ovviamente i media di distrazione di massa non hanno neanche chiesto conferma all’accusata, hanno pari pari riportato le dichiarazione del diversamente bianco. Che, come sappiamo, ha sempre ragione.

La direzione del nosocomio ha dato seguito alle verifiche interne dopo la bizzarra denuncia del mediatore culturale – un nuovo metodo per parassitare i contribuenti – annunciate il giorno prima: «Dall’ascolto degli operatori presenti sul luogo – prosegue Pizzuti nella nota – emergerebbe una realtà dei fatti diametralmente opposta a quella raccontata. La dipendente ha concretamente dimostrato, attraverso una pregressa attività di volontariato in Africa, una profonda sensibilità all’accoglienza di chi, a causa di guerre e povertà, è costretto a lasciare la propria terra. Per questo, in presenza di un’accusa tanto infamante, ha presentato denuncia (per diffamazione). La difesa intransigente dell’umana dignità e la condanna di ogni intolleranza, non può e non deve condurre a condanne sommarie, non suffragate da prove tangibili».

Modificato da director12
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

guardatelo il furbetto 

mediatore-musah-672x372.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Ma io non me la prendo con loro, non è colpa loro se sono qui perchè la MAFIA dalle loro parti in pieno accordo con la nostra, stà  facendola propaganda che se rischiano la vita su di un gommone e li pagano profumatamente poi qui trovano una casa ed un lavoro a tempo indeterminato in giacca e cravatta, alcuni si sono venduti perfino i capi di bestiame e sono morti affogati. A tanti gli conviene perchè sono dei malviventi incalliti che nei loro paesi li mettono direttamente a morte, altri si convertono al fanatismo pur di avere un posto sul gommone, e molte ragazze vengono imbarcate anche assieme ai loro bambini a gratis ma dovranno scontare 30 mila euri facendo le battone sui nostri marciapiedi.

I profughi che stanno venendo invece per le vie legali hanno effettivamente bisogno di aiuto e sono VERI.

Modificato da frattalis

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora