continua l'allarme malattie infettive

Una malattia che sembrava dimenticata. Ma che è tornata a colpire E il cui nome, da solo, basta ad evocare paure profonde. Stiamo parlando della scabbia.

Un’infestazione contagiosa della pelle che, la scorsa settimana, ha reso necessario bonificare un intero reparto dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Rovigo, attivando il monitoraggio sulle decine di pazienti ricoverati e avviando la profilassi su medici, infermieri e familiari venuti in contatto con i due casi accertati.

Ma sono numerosi i casi di scabbia che si sono registrati, in questi anni, in Polesine. Soltanto negli ultimi tre mesi, il campanello d’allarme è suonato due volte, interessando tre scuole della  provincia.

Ma non è l’unico caso di sindrome creduta sconfitta che torna ad affacciarsi. E’ il caso della poliomielite: la Regione Veneto ha segnalato “il rischio che il virus venga reintrodotto in Italia”. In cima alla lista delle preoccupazioni anche la tubercolosi, e la stessa scabbia. Ma non sono soltanto le malattie esotiche a preoccupare. In Italia, infatti, lo scorso anno si è registrato anche un aumento del morbillo, passato dagli 862 casi del 2016 a ben 4.991 *** confermate. 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

5 messaggi in questa discussione

Siamo in attesa del colera, e se non scoppia qualche caso lo faranno scoppiare apposta, saranno già pronti milioni di vaccini "gratis" ? Me lo ha detto la merla....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, frattalis ha scritto:

Siamo in attesa del colera, e se non scoppia qualche caso lo faranno scoppiare apposta, saranno già pronti milioni di vaccini "gratis" ? Me lo ha detto la merla....

... a proposito di merli, oggi é il primo dei 3 giorni della merla ma nn mi pare faccia un freddo eccessivo...

sia ben kiaro ke il colera nn ce lo porta in dono la massa ke ci invade ma siamo noi ad avere la fabbrica dei vibrioncini e siamo sempre noi ad infettare i poveri migranti ke sbarcano sani come pesci.  a riprova son tutte le vaccinazioni necessarie x difenderci da tali inghippi ke càpitano, stranamente, piaccia o no ai compagnucci, da quando han iniziato a sbarcare sti enormi flussi di extcmt  in casa nostra...

 

2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

per ora "bastano" dodici vaccini...tra qualche anno,ci obbligheranno a farne almeno una trentina......con i beneplacido europei..dell onu,e di qualche monsignore...ah,quasi dimenticavo le societa' farma.......

2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, director12 ha scritto:

Una malattia che sembrava dimenticata. Ma che è tornata a colpire E il cui nome, da solo, basta ad evocare paure profonde. Stiamo parlando della scabbia.

Un’infestazione contagiosa della pelle che, la scorsa settimana, ha reso necessario bonificare un intero reparto dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Rovigo, attivando il monitoraggio sulle decine di pazienti ricoverati e avviando la profilassi su medici, infermieri e familiari venuti in contatto con i due casi accertati.

Ma sono numerosi i casi di scabbia che si sono registrati, in questi anni, in Polesine. Soltanto negli ultimi tre mesi, il campanello d’allarme è suonato due volte, interessando tre scuole della  provincia.

Ma non è l’unico caso di sindrome creduta sconfitta che torna ad affacciarsi. E’ il caso della poliomielite: la Regione Veneto ha segnalato “il rischio che il virus venga reintrodotto in Italia”. In cima alla lista delle preoccupazioni anche la tubercolosi, e la stessa scabbia. Ma non sono soltanto le malattie esotiche a preoccupare. In Italia, infatti, lo scorso anno si è registrato anche un aumento del morbillo, passato dagli 862 casi del 2016 a ben 4.991 *** confermate. 

 

Sei mai stato in giro per lavoro in Africa/Meddle East?O Magari in Senegal o Nigeria?Per non parlare del Togo?Tutti quei posti li ho girati per decenni.Voi NON sapete quanto sia impestata la popolazione.Loro hanno gli anticorpi formati per molte malattie,NOI NO.

2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Molti italiani infatti, si guardano bene dal recarsi in zone ad alto rischio per la loro salute, altrimenti sono costretti a seguire tutta una prassi farmacologica come del resto i militari in missione.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora