Sta tornando …!!

2 messaggi in questa discussione

Però voglio tornare serio almeno fin quando la tutta idio ta Sanchina non riterrà di intervenire :  Nel Pd avevamo fatto un percorso, sbagliato o giusto che sia, è stata comunque una stagione che ha avvicinato decine e decine di migliaia di persone alla politica, aprendo ad uno spaccato con momenti esaltanti e straordinari per il partito. Avevamo raggiunto , come partito , quasi il 41% ed eravamo alla guida di 17 regioni su 20 e sfido chiunque a dire il contrario. Oggi D’Alema ci ha definito una malattia, e per me che ormai da circa due anni mi sono messo di lato ad osservare, è una offesa che ferisce profondamente e che dovrebbe ferire nello stesso identico modo chi legittimamente e’ rimasto nel PD.  E per chi stesse riflettendo se aprire o meno di nuovo un confronto con il Pd per capire se ci fossero ancora margini per partecipate , ebbene, questa uscita di D’Alema è una doccia fredda che ci fa allontanare ancora di più e ci riporta a rivedere quel periodo come essenziale per la politica italiana, in generale, e per il Pd, in particolare. Mai cosa fu quindi più giusta !! Noi non eravamo una malattia, eravamo qualcosa che cercava di portare un cambiamento, che ci sia riuscito o meno è altra storia. Ma malattia proprio no, non lo meritiamo. Grazie a D’Alema per averci ricordato perché ci eravamo messi in gioco.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
13 ore fa, mark222220 ha scritto:

Ricordando quel passato  - (26.09,2007)

 

E' opinione comunemente diffusa che la satira sia o possa essere
solo di sinistra, forse perché sono sempre disponibili a farne uso
ma mai a subirla? Ma che senso avrebbe fare delle satira sulla destra,
quando è la sinistra al governo e la destra all'opposizione? Beh in
considerazione di questo fatto ho pensato di postare una poesia, beh
più che una poesia una pasquinata, ed è per questa ragione che mi scuso
per l'uso di un romanesco chiaramente maccheronico

L’Unione in cucina

Passanno per i forum stamatina
n’ho visto uno caruccio la cucina
così me passato ‘n der cervello
‘n pensiero che me pare bello
de pija tutto il governo ed all’istante
piazzallo dentro ‘n grande ristorante
pe falli cucinà? Che siamo matti??
Li sbatto dentro e je fo fa’ da piatti.
Con Prodi beh, nun se po fa’ ecezione
nun je poi de cambià destinazione
ormai pe’ tutti la sua fine e quella
un piatto d’affettati, mortadella.
Con Rizzo che de dorci è molto ghiotto
me pare loggico de facce no zuccotto
ma siccome me ce mancava er sale
lo zuccotto l’è andato presto a male.
Er problema se presenta con Mastella,
mica ce l’hai ‘sì grande la padella
e l’unico foco grande che l’accetta
l‘è quello dello spiedo, la porchetta,
del nostro rosso antico, Bertinotti
ce famo ‘na confezione de biscotti
così s’encazza e va’ puro su de giri
dentro na bella confezione de crumiri.
E con il ministro li, il Padoa Schioppo
ce femo un granne sugo con lo gnocco
si lo so’ bene che se chiama Schioppa
ma che ce faccio, er sugo con la gnocca???
E con D'Alema che l’è la più gran sola
femo ‘na bella occhiata en casserola
ma perché proprio l’occhiata ce se pija?
Nun l’hai guardato ‘n faccia? Je somija.
E Pecoraro Scanio, quant’è bello
‘na bella tajata, de rucola e culatello.
Che ce facciano der tenero Fassino?
ma chiaro er tonno che taji cor grissino
ma a ripensacce ed a guardallo bene
je famo fa er grissino che conviene,
e de Di Pietro in cucina che se fa’?
Ma er piatto der giorno, er baccalà,
e con la Bindi che ce fai con quella??
Ma pare logico no scorfano ‘n padella,
m'è rimasta la Turco e che ce faccio
nun trovo soluzioni, manco a braccio
E più la guardo, più la cosa se fa dura:
Ragazzo!Valla à getta drento a spazzatura
Che dite? Me so’ scordato de Bersani,
ohhhhh ma nun volemo resta’ sani????

 

:D

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2023Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963