capitandeimieistivali

chi sarebbe   il criminale   ?  chi salva  o  chi sequestra  ?

Carola #Rackete ha agito nell’adempimento del dovere di salvataggio previsto dal diritto nazionale e internazionale del mare.

Non c’è molto da aggiungere alle parole con cui le nostre istituzioni hanno ufficialmente dissipato tutti i dubbi sul comportamento di #Carola: ha avuto il coraggio di agire per la vita, fine. Una scelta che dovrebbe sempre essere riconosciuta come giusta. Eppure, il rispetto della legalità e l’etica dell’umanità, due principi inscindibili dello spirito democratico, non camminano sempre sugli stessi binari, come è avvenuto oggi in Tribunale.

Nel nostro ordinamento, la legge ancora impone morte: mancano empatia ed una più attenta interpretazione del bene pubblico, nonché un'applicazione dell'articolo 10 della Costituzione che rispecchi lo spirito con cui la carta stessa è stata scritta.

Sono più di 1500 le persone che ci hanno lasciato quest’anno, mentre attraversavano il Mediterraneo, il Mare nostro. È a loro che va il pensiero in questa giornata, in cui si è affermato, anche se in un breve istante, che la loro vita ha la stessa dignità di quella di chiunque altra/o. Una cosa purtroppo non così scontata.

De André canta "anche se piangeranno con te, la legge non può cambiare".

La legge invece può cambiare, prendiamoci questa responsabilità.

#6000Sardine

Modificato da barbablu16
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

4 messaggi in questa discussione

Carola Rackete era stata delegittimata in ogni modo per aver salvato, da comandante della Sea-Watch3, 257 persone.

Definita prima una "sbruffoncella", poi un "capitano fuorilegge". Nella narrazione di Salvini, Carola Rackete era diventata una delinquente alla guida di una nave pirata, una complice dei trafficanti, una comunista figlia di papà. Il solito fango populista.

Ora il GIP ha archiviato le accuse a carico di Carola Rackete: salvare vite è un dovere e Sea-watch ha agito in coerenza con la legge del mare: salvare e mettere al sicuro nel porto più vicino.

3 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963