crollo della nostra ricchezza..tra le cause....

Dal 2008 al 2020 (ultimo dato disponibile) le rimesse dei lavoratori stranieri in Italia ai loro Paesi di origine hanno toccato la cifra esorbitante di 78,8 miliardi di euro. Lo rivela un’analisi del Centro Studi ImpresaLavoro, presieduto dall’imprenditore Massimo Blasoni, realizzata su elaborazione dei più recenti dati Banca d’Italia.

Significa che più di cento miliardi sono usciti dall’Italia da quando è iniziata l’immigrazione. Il che spiega il crollo della nostra ricchezza: Inutile che un paio di milioni di immigrati lavorino, se poi l’altra metà viene mantenuta con sussidi e anche quelli che lavorano sottraggono Pil esportando ricchezza all’estero: se i due milioni di lavoratori fossero italiani, questi cento miliardi sarebbero rimasti in Italia a creare lavoro e ricchezza.

rimesse-parma.jpg

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963