in toscana cè un nuovo scienziato virologo

“Crescono i contagi: la variante Omicron è meno dannosa ma più contagiosa delle precedenti. L’unica soluzione è il vaccino. E per questo ho parlato ieri con Roberto Speranza. La mia proposta e semplice: la terza dose deve essere fatta 5 mesi dopo la prima dose e non dopo la seconda dose. Così il leader di Italia Viva Matteo Renzi, nella sua ultima e-news, lancia l’idea di una ‘accelerata’ alle vaccinazioni.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

Leopoldino è arrivato in ritardo, sig Frizz, non trova?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, ahaha.ha ha scritto:

Leopoldino è arrivato in ritardo, sig Frizz, non trova?

come sempre..quello che doveva cancellare le province...difatti i presidente e assessori si sono adeguati lo stipendio..all'istat'? none..raddopinadolo!! eora pontfica sul virus..sai talk show che avra' visto per informarsi??? ahahahaha

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si aspetti una smentita dalla gallina pisana, Sig Frizz.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Si aspetti una smentita dalla gallina pisana, Sig Frizz.

io sono qui..smentisca pure...ma mi sa che abbandona per ko tecnico

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Le prescrizioni mediche dei pinocchi della politica vanno prese col beneficio dell'inventario, ancora di più delle loro promesse. In ogni caso cambierebbe poco perché al momento in Italia si somministrano solo Pfizer e Moderna che tra prima e seconda dose prevedono, se non erro, solo tre settimane, contro le 12 di Astrazeneca. Quest'ultimo nessuno lo voleva più (io invece mi sono trovato bene) e così abbiamo regalato la rimanenza (1,5 milioni di dosi) alla Tunisia. A mio avviso, servirebbe un minimo di trial clinici prima di somministrare tre dosi in 5 mesi, anche se non dovrebbero esserci grossi problemi. Forse il maggiore sarebbe legato agli approvvigionamenti.  Alla media di 7 dosi l'anno sarebbe difficile assicurarli. Ma il punto vero è un altro. Tutti i vaccini oggi in produzione, che io sappia, furono studiati per il ceppo originario di Wuhan. Credo che non andremo da nessuna parte se pensiamo di uscire dalla pandemia usando i vaccini come se fossero farmaci terapeutici, ovvero incrementando la frequenza di somministrazione per sopperire alla loro graduale perdita di efficacia con il passare del tempo e con il sopraggiungere di nuove varianti. Rischiamo di avvitarci in un inseguimento senza fine. Questo virus non va inseguito, va prevenuto. E la ricetta più sicura è sempre la stessa: mascherina, distanza, igiene delle mani. Applicando queste semplici norme in ogni angolo del pianeta e con rigore "cinese", avremmo eradicato il virus da un pezzo. È matematico: questa profilassi fa abbassare Rt, e allora, tenendo dappertutto Rt<1 per un tempo sufficientemente lungo, diciamo due o tre volte il tempo massimo di permanenza del virus in un portatore, cioè in un infetto vivo, che è dell'ordine di un mese o due al massimo (valori superiori sono rarissimi), la circolazione virale avrebbe subito una decrescita esponenziale e avremmo eradicato il virus da un pezzo. 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
13 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Le prescrizioni mediche dei pinocchi della politica vanno prese col beneficio dell'inventario, ancora di più delle loro promesse. In ogni caso cambierebbe poco perché al momento in Italia si somministrano solo Pfizer e Moderna che tra prima e se

vedremo se allo scoccare della mezzonotte i tuoi compaesano metteranno in pratica i tuoi consigli...preziosi...gia'..a napoli...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963