sicurezza e prevenzione in città ed in casa

Le ripetute esplosioni di gas, gli infortuni elettrici, la struttura di certi incroci, la mancanza del rispetto (manca il rispetto, le norme ci sarebbero) delle norme di sicurezza, e molto altro. La faciloneria nel fare, nel credere che certe cose capitano solo agli altri. Regali per bambini, utensili da cucina, bricolage, giardinaggio, per concludere gli alberi di natale. Vedere il filmato “incendio albero di natale vigili del fuoco”. Consultare i siti del IMQ (istituto marchio qualità), o più semplicemente “la banda dei sei” (sicurezza in casa). Gli ospedali sono intasati dal covid, non hanno spazio per curare gli infortuni da faciloneria e leggerezza.    

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

7 messaggi in questa discussione

Il marchio Geprüfte Sicherheit (in italiano: sicurezza verificata) o GS è un marchio di certificazione per apparecchiature. La sua presenza indica che l'apparecchio è conforme ai requisiti di sicurezza tedeschi ed europei.  La differenza sostanziale tra il marchio GS ed il marchio CE è che la conformità ai requisiti di sicurezza europei è stata verificata ed accertata da un gruppo indipendente approvato dallo stato. Il marchio è basato sul GPSG (Geräte- und Produktsicherheitsgesetz, in italiano: decreto per la sicurezza dei prodotti e degli apparecchi).  La verifica della conformità del prodotto al marchio può essere fatta presso molti laboratori, come BG-PruefZert, TÜV, NEMKO, KEMA ed IMQ.  Sebbene il marchio GS sia stato ideato pensando di utilizzarlo nel mercato tedesco, lo si può trovare in tantissimi prodotti elettronici e macchinari sparsi in tutto il mondo.  

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

IMQ è la società italiana di prove e certificazioni per la sicurezza e la qualità di prodotti e aziende.
Sorta nel 1951 per volere dei principali organi scientifici e tecnici nazionali, da più di 50 anni si occupa di verificare e certificare la non pericolosità dei materiali e degli apparecchi elettrici e a gas, sottoponendo i prodotti a rigorosi controlli e continui esami e autorizzando l’uso del marchio IMQ solo a quelli che risultano pienamente in regola con le norme di sicurezza e affidabilità.  Accanto a tale attività dal 1988 IMQ gestisce anche il CSQ, un sistema di certificazione dei sistemi di gestione aziendale che l’ha portata a confermare il suo ruolo strategico anche in ambito europeo e internazionale. L‘IMQ svolge delle attività di valutazione della conformità ai sensi di atti legislativi nazionali anche in recepimento di direttive comunitarie.  Il suo lavoro si rivolge quindi:  – ad aziende e imprese interessate a valorizzare la qualità dei loro prodotti o del loro operato,  – ai consumatori ai quali permette di avere un immediato strumento di scelta (i marchi di sicurezza e di qualità) di prodotti e di aziende.   

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

brico , casa , giardino , camper , vacanze , il tema è sempre aperto , interessante il sito - sicurezza elettrica (vito barone) , ed anche energoclub / energopedia , oltre ai già citati in precedenza - buona visione      

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 14/12/2021 in 13:54 , dune-buggi ha scritto:

Le ripetute esplosioni di gas,

molte delle esplosioni di gas si potrebbero evitare se tutti i fornelli usati per cuocere i cibi avessero la termocoppia, quel dispositivo che chiude il gas se una pentola traboccando fa spengere la fiamma e se fosse obbligatorio avere nelle abitazioni il sensore delle fughe gas collegato a una elettrovalvola che chiude il gas in caso ci sia gas nell'aria, tutte tecnologie esistenti e di basso costo che certi non hanno perché non sono obbligatori; per quanto riguarda gli infortuni elettrici, molti infortuni  si potrebbero evitare se gli impianti domestici fossero fatti bene, con gli interruttori sulla fase e non sul neutro e tutte le abitazioni avessero l'interruttore differenziale ( il cosiddetto salvavita)

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, etrusco1900 ha scritto:
2 ore fa, etrusco1900 ha scritto:

molte delle esplosioni di gas si potrebbero evitare se tutti i fornelli usati per cuocere i cibi avessero la termocoppia, quel dispositivo che chiude il gas se una pentola traboccando fa spengere la fiamma e se fosse obbligatorio avere nelle abitazioni il sensore delle fughe gas collegato a una elettrovalvola che chiude il gas in caso ci sia gas nell'aria, tutte tecnologie esistenti e di basso costo che certi non hanno perché non sono obbligatori; per quanto riguarda gli infortuni elettrici, molti infortuni  si potrebbero evitare se gli impianti domestici fossero fatti bene, con gli interruttori sulla fase e non sul neutro e tutte le abitazioni avessero l'interruttore differenziale ( il cosiddetto salvavita)   

ottime osservazioni. Anche chiudere il rubinetto centrale del gas uso cucina alla sera o quando si va in ferie. La semplice rotellina sui fornelli non sempre chiude bene. Giusto il discorso fase / neutro sugli interruttori. Giusto mettere interruttori bipolari (fase e neutro) sui grossi utiliizzatori (lava biancheria e piatti ; forni da cucina ; ecc.ecc - prima di pulirli o altre operazioni, azionarli sempre) ; sensori fughe di gas e sensore termocoppia ; ed altro ancora come suggerito nelle rubriche da me e da te riportate. Ciao Etrusco a presto.    

Modificato da dune-buggi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963