Urka.....


POLITICA
Open, la bestia renziana aveva una darkroom. Carrai: “In una settimana fatti 600 fake”. Lo sfogo di Bianchi un anno dopo: “Due milioni per quel referendum del ***”

I messaggi tra l'imprenditore e il presidente della Fondazione agli atti dell'inchiesta svelano le strategie per influenzare il voto referendario. Carrai metteva su l'ufficio ("non pubblico") che agiva nell'ombra sui social. E intanto Renzi spingeva per averlo a capo della cybersecurity. “Da 10 anni Casaleggio e Grillo lavorano alle loro piattaforme...e quegli *** del Pd investono 1,2 milioni su cartelloni comunali". Il rapporto con la stampa: "Querele e citazioni, una al giorno". "Non siamo Berlusconi, ma qualche giornalista"...

di Thomas Mackinson  18 Novembre 2021   

Una vera e propria “dark-room” per influenzare nell’ombra il voto degli italiani sulle riforme costituzionali. Fuori dal web, querele e citazioni “a raffica” contro giornalisti e articoli sgraditi. Le carte dell’inchiesta su Open documentano le azioni degli uomini di strettissima fiducia di Matteo Renzi, l’imprenditore Marco Carrai e il presidente di Open Alberto Bianchi che erano mente e braccio della Fondazione costituita per sostenerne l’ascesa. Agli atti dell’inchiesta su Open c’è una lunga chat tra i due che esplicita il modo di operare dei fedelissimi dell’ex premier accusati insieme a Renzi, Boschi e Lotti di finanziamento illecito (Bianchi e Lotti anche di corruzione). La messaggistica, riprodotta in 900 pagine, è stata scandagliata da Il Domani, e conferma quanto scritto da questo giornale sulla natura e lo scopo dell’ormai famosa “bestia” renziana. E molto altro ancora.

Alla vigilia del voto del 4 dicembre 2016 i sondaggi non buttano bene, e così si sfogava Bianchi con Carrai: “Da 10 anni Casaleggio e Grillo lavorano alle loro piattaforme, e noi spendiamo 1,2 milioni su cartelloni. Salvo poi chiedere a Carrai e Open di rimediare a forza di quattrini alle loro distrazioni del ***”. “E negli ultimi 30 giorni!”, aggiunge. E ancora: “Ma tu lo sai che mentre la mia supercarta di credito viene bloccata per eccesso di spesa su Facebook quegli *** del Pd investono 1,2 milioni su cartelloni comunali che dopo vengono strappati e ricoperti?”.

Cosa succedeva di diverso, in quei 30 giorni? Che “a forza di quattrini” Carrai aveva messo in piedi quella che lui stesso, nella chat, definisce la “dark-room”, cioè una struttura che lavorava nell’ombra per influenzare tramite i social il consenso attorno al voto su cui Renzi e il suo “giglio” si giocavano l’osso del collo: governo, segreteria del Pd, l’intera carriera politica che in caso di sconfitta ha giurato di lasciare, salvo non farlo. La famosa “bestia”, per le cronache, quella che era arrivata a costare la bellezza di 330mila euro al mese e prosciugherà nel giro di una manciata di mesi i finanziamenti raccolti da Bianchi&C.

Le sue fondamenta prendono forma il 5 ottobre 2016, quando Carrai chiede a Bianchi di reperire uno spazio adeguato allo scopo. “Hai un immobile a uffici da affittare a Firenze? Mi serve tutto pronto entro venerdì. È per la dark room (..). Mi serve per tre mesi. Entro venerdì ci devo andare quindi mi serve pronto. Allacciamenti compresi. Non sarà una cosa pubblica” precisa a Bianchi, che è anche l’uomo che paga le spese di Open, tramite i finanziamenti che via via raccoglie.

La sede “non sarà pubblica” per almeno due motivi. Il primo è che dentro quell’ufficio, individuato poi in via Giambologna e successivamente trasferito in via Giusti, lavoreranno 10 persone con la mansione di imbastire la guerriglia social a sostegno del “sì”, ricorrendo anche ad armi non convenzionali. Per le quali, non a caso, viene ingaggiato l’ex hacker Andrea Stroppa, già consulente di Carrai, che – come riporta Il Domani – in passato fu indagato e poi assolto per aver partecipato a un’associazione a delinquere finalizzata alla realizzazione di accessi abusivi a sistemi informatici che nel 2013 colpì siti di polizia e carabinieri, del Viminale e di politici come Beppe Grillo e Massimo D’Alema. Lo stesso termine darkroom (“camera scura”) in ambiente informatico-digitale sta a indicare un’attività che per definizione non può e non deve esser fatta alla luce del sole. Quale fosse, lo esplicita lo stesso Carrai due settimane dopo: “In una settimana hanno fatto 600 fakes, che non avevano fatto nei sei mesi precedenti nessuno”, annuncia entusiasta il 18 ottobre. I “fakes”, per intenderci, sono proprio quei profili social fittizi creati appositamente per orientare il consenso e per colpire gli avversari viralizzando i post propagandistici: quelli che Renzi ha sempre negato di usare e invece ha utilizzato, dopo aver accusato per anni, pubblicamente, i grillini di farlo.

C’è poi un secondo motivo di riservatezza. Carrai ha sempre negato di lavorare per Renzi, ma dalla corrispondenza con Bianchi su ogni affare, carte di credito e spese della Fondazione comprese, pare proprio il contrario. I loro rapporti finiscono sui giornali soprattutto quando, proprio nel 2016, Renzi tenta in ogni modo di promuovere Carrai, socio di una società di cybersecurity, a capo dell’ufficio che a Palazzo Chigi si occupa della difesa cybernetica del Paese. Ed ecco un altro motivo di prudenza: sarebbe stato difficile spiegare che, nel frattempo, Carrai stava imbastendo una “darkroom” renziana, pagata coi soldi di Open, per imbastire campagne di troll, boot e profili falsi. Per questo l’operazione non deve lasciare impronte, specie sui computer. Carrai chiede a Bianchi di dotare il gruppo di lavoro darkroom dei i pc da cui sferrare gli attacchi per sostenere il leader. Chiede a Bianchi di provvedere alla svelta, ma con l’accortezza di non comparire direttamente: “Per comprare i computer come faccio? Pago io e poi riprendo i soldi o meglio pagare direttamente come Open per non far girare soldi tra me e la Fondazione?”.

C’è un’altra questione scottante: il trattamento da riservare a giornali e giornalisti. Nelle ultime settimane, si sa, Renzi ha annunciato querele a tutto spiano. Dalla messaggistica si capisce che non è una novità, ma una scelta strategica fatta a tavolino già molti anni prima. Pochi mesi dopo il referendum, siamo a febbraio 2017, Bianchi annuncia a Carrai di aver mandato questo appunto a Matteo Renzi per rispondere a notizie sgradite o ritenute diffamanti: “Il disegno mi pare semplice e chiaro: *** su tutti. Carrai allora e sempre¨ boschi¨ poi Lotti, Tiziano. Domani Bonifazi e Bianchi (domani verranno fuori le intercettazioni di *** – ***! – che dice che per arrivare a Renzi bisognava andare da Bianchi). Io risponderei: querele e citazioni una al giorno da parte di tutti contro chiunque metta in dubbio la ns onesta. A raffica. E poi è vero che non abbiamo i giornali e le TV e non siamo Berlusconi ma qualche giornalista”. E l’altro risponde: “Se mi mettono nel mezzo querelo di sicuro”. Renzi prenderà il consiglio alla lettera. Alla fine il referendum lo perde, neppure la macchina della propaganda social con darkroom incorporata è bastata. E Bianchi un anno, il 12 novembre 2017dopo tira le somme, ricordando a Carrai i “due milioni spesi per quel referendum del *** e i social, senza averli”.


×

Cambia impostazioni ***
***

SEIF S.p.A. C.F. e P.IVA 10460121006   © 2009-2021 Il Fatto Quotidiano

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

5 messaggi in questa discussione

I giornalisti stranieri hanno quasi sempre una visione più oggettiva delle schifezze italiche e riescono a quantificarle meglio. Noi ci siamo ridotti come quegli sfortunati che abitano da decenni presso una discarica di rifiuti. Di certi squallidi personaggi e dei loro metodi nauseabondi non riusciamo quasi a percepire la puzza. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ahahahahah , ah si sì , il Falso Quotidiano !! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

No, il domani. 😊

La messaggistica, riprodotta in 900 pagine, è stata scandagliata da Il Domani, e conferma quanto scritto da questo giornale sulla natura e lo scopo dell’ormai famosa “bestia” renziana. E molto altro ancora

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ahaha.ha ha scritto:

No, il domani. 😊

La messaggistica, riprodotta in 900 pagine, è stata scandagliata da Il Domani, e conferma quanto scritto da questo giornale sulla natura e lo scopo dell’ormai famosa “bestia” renziana. E molto altro ancora

Sconvolgenti !! Mai sentire registrazioni più sconvolgenti di queste …!! Ma vai a caga re , vai !!  Ahahahahahah

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi spiace, stupida gallina pisana, non posso farlo per lei, ma se ha difficoltà le consiglio le prugne americane.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963