la strage delle partite iva continua

IL MESSAGGIO DI MATTARELLA - "La nostra economia appare in forte recupero dopo la crisi, anche grazie all'espansione dei consumi delle famiglie. La ripartenza vede protagoniste le imprese, grandi e piccole, che hanno resistito a momenti durissimi. Hanno saputo rilanciare la propria attività e l'occupazione, che tuttavia presenta ancora criticità, incluso l'ambito del lavoro autonomo, particolarmente colpito". Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio inviato alla presidente della Confesercenti, Patrizia De Luise.

e quindi??????? bla bla bla bla bla......

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

11 messaggi in questa discussione

Dica, sig Frizz, dica, cosa vorrebbe essersi sentito dire? Che le avrebbe mandato la pensione o un assegno sostanzioso?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Dica, sig Frizz, dica, cosa vorrebbe essersi sentito dire? Che le avrebbe mandato la pensione o un assegno sostanzioso?

lo stesso trattamento dei dipendnte della pa.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Perché non ha mai concorso per diventare un pa, sig Frizz.

Non si sentiva all'altezza?

Ha concorso ma è stato bocciato?

Perché non è andato alle dipendenze di un privato?

Perché non s'è buttato in politica come il kapitone?

E allora di che si lamenta?

Modificato da ahaha.ha

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
21 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Perché non ha mai concorso per diventare un pa, sig Frizz.

Non si sentiva all'altezza?

Ha concorso ma è stato bocciato?

Perché non è andato alle dipendenze di un privato?

Perché non s'è buttato in politica come il kapitone?

E allora di che si lamenta?

bastava dire:mettiti nel sindacato..e facevi prima!! una bella felpa rossa con le scritte del sindacato..e da saldatore..uno senza far nomi,passa al vestito griffato e arriva  in audi a6!!! a spese degli  operai.er  il megafono? lo lascia a barbacaccablu e al panzone lugure

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
15 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Questa è proprio invidia, Sig Frizz.

cè la rapper quella che suona,balla canta e...altro,che  cerca dei volontari nel palco...su..su...fatte sotta!!e aprila la boccuccia!! ahahahahah

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

È già stato alle dipendenze della rapper, Sig Frizz?

Si è licenziato lei o è stato licenziato?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 ore fa, director12 ha scritto:

una bella felpa rossa

la polverini l'aveva nera la felpa.....:D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, sempre135 ha scritto:

la polverini l'aveva nera la felpa.....:D

pure batman era tutto nero

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ieri 10mila casi e 72 morti e il governo non muove un dito. Vedremo la soglia oltre la quale inizierà a muoversi. Ovvero quante bare e quanti intubati faranno battere ciglio alla sfinge di palazzo Chigi. Negli ultimi 2 giorni la Germania registra 100mila casi e 548 decessi, il Regno Unito 75mila casi e 415 decessi. E questi due paesi non hanno molti meno vaccinati di noi in rapporto alla popolazione: appena circa 6 e 5 punti percentuali in meno rispettivamente. Mattarella e Draghi dicono, giustamente, che nessuno Stato può affrontare da solo i mutamenti climatici, ma serve uno "sforzo mostruoso" (G.Parisi) a livello mondiale. E invece nei vertici e nelle conferenze globali si fanno solo annunci e chiacchiere. Secondo me servono uno sforzo e un coordinamento globale anche contro la pandemia, mentre da quasi due anni ogni Stato procede di testa sua. Il risultato è che nonostante i vaccini ci ritroviamo quasi al punto di partenza. L'OMS dovrebbe monitorare la situazione ed emettere regole da applicare in tutto il mondo. Ispirandosi logicamente a quei paesi che ottengono i risultati migliori, come la Cina. Per es. se l'OMS decidesse che si devono chiudere i cinema e i teatri, li si dovrebbe chiudere in tutto il mondo.

Premesso ciò, consideriamo il caso peggiore, forse improbabile ma certo plausibile. E certamente da considerare da parte dei leader politici seri e lungimiranti. Ovvero che nei prossimi anni e decenni non si riesca ad arginare in modo accettabile né la pandemia né il cambiamento climatico. A livello economico precipiteremmo in una crisi globale senza precedenti e senza uscite. Ci scorderemmo ogni effetto rimbalzo, l'inflazione impoverirebbe quasi tutti, ci resterebbero recessione, disoccupazione e miseria. 

Ebbene, direttoretto, la mia domanda pertinente a questa discussione è: che succederebbe in uno scenario del genere alle partite IVA? E più in generale alle imprese private e alla banche private? È del tutto evidente che in una crisi economica del genere la mano invisibile e irrazionale ma soprattutto egoistica del libero mercato ci condurrebbe dritti nel baratro. L'unica possibilità sarebbe attuare un'azione economica razionale, coordinata, collettiva. Ovvero porre al centro dell'economia lo Stato. Ma non certo come mero elargitore di sussidi e mera pompa di liquidità, che diventerebbero poco più che carta straccia. Lo Stato dovrebbe gestire, indirizzare e coordinare le attività, nazionalizzare praticamente tutto e dare uno stipendio minimo a tutti. Faccio un esempio. Se i cinema e i bar fanno crescere i contagi (e certamente li fanno crescere), lo Stato dovrebbe chiudere i cinema e i bar e collocare altrove chi ci lavora. Se le auto a benzina e gasolio incrementano l'effetto serra (e certamente lo incrementano) lo Stato dovrebbe chiudere le fabbriche di auto a benzina e gasolio e mettere i dipendenti a fare auto elettriche (molto spartane) e pannelli solari. In altri termini lo Stato dovrebbe gestire la DECRESCITA facendo in modo da renderla la più equa e la meno infelice possibile. Dovremmo diventare tutti come la Cina? Sarebbe il minimo. Probabilmente, volenti o nolenti, dovremmo tornare a un modello economico simile a quello della fu Unione Sovietica. Sarebbe il male minore. Per tanti sfortunati ed emarginati sarebbe forse anche un bene, un progresso tangibile. 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mah , che dire ?? La Pandemia e’ un grosso problema , la CO2 altrettanto .  Ma sono il niente rispetto al dover leggere sti post del Cazzaro napoletano che , per risolvere sti problemi, come soluzione unica e primaria , invoca quelli della Cina e dell’ex Unione Sovietica e , come dessert, per la decrescita , un rinfrescante ricorso , a quello di Cuba . Stikazzi !!  Ahahahahah

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963