Nada Cella: l'indagata minaccia chi ha fatto riaprire le indagini

Nada Cella era una bella ragazza che fu barbaramente uccisa nel 1996 nello studio del commercialista per il quale lavorava, dopo 25 anni il caso è arrivato a una svolta. Un cold case riaperto con l’iscrizione nel registro degli indagati di una donna accusata di omicidio: Anna Lucia Cecere, innamorata del suo datore di lavoro, il commercialista nel cui ufficio a Chiavari è stata uccisa la povera Nada.

Una criminologa ha fatto luce su alcuni aspetti e lo ha fatto riaprire, anche il datore di lavoro di Nada, Marco Soracco, e sua madre sono indagati per falsa testimonianza. La Cecere era innamorata del commercialista e avrebbe visto Nada come rivale

L'indagata è un’ex insegnante che non vive più a Chiavari da tempo. Il suo nome figurava nelle prime indagini perché corteggiatrice di Soracco e per la presenza dei suoi bottoni sulla scena del delitto. La criminologa Antonella Pesce Delfino ha riaperto le indagini recandosi proprio a casa della Cecere che in seguito le ha inviato messaggi audio con minacce. «Brutta s… bugiarda. Cosa sei venuta a fare oggi a casa mia, chi ti manda, su cosa stai indagando? Non fare la finta tonta, s… Ma come facevi sapere tutti i c… miei? hai paura, eh? Adesso son qua, non ti preoccupare… Senti, non fare la finta tonta. Eh? Hai capito con me? Ora faccio riaprire il caso, stai tranquilla. Anzi ho saputo adesso da Chiavari, ho parlato adesso con la polizia di Chiavari che forse è stato già riaperto il caso. Stai tranquilla, ti ci trascino per i capelli. Poi ti faccio fare le domandine e gli indovinelli: indovina indovinello».

La mamma di Nada ha così commentato la svolta nelle indagini: «Vorrei sapere perché mia figlia è stata massacrata in quel modo. So solo che mia figlia andava a lavorare e che è stata uccisa. Un evento che mi ha cambiato la vita».

Speriamo di essere vicini alla verità, sono passati 25 anni!

nada cella.JPG


Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

E noi dovremmo continuare a pagare le forze dell'ordine che non ci tutelano in niente e che 

intervengono solo dopo morte?Ma che giustizia èh?

Capisco che abbiano le mani legate..ma allora assumiamo solo dei bodyguard!

...o dei cani da difesa..PUNTO//

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963