calci e pugni ma non è condannato

Il   condannato  doveva   essere    quella   persona  in  borghese    che  non  si  è  qualificato....pertanto  poteva  essere  una  aggressione   di   un  qualunque  incivile  alla  diretoreto...

PRATO. Sembrava uno dei tanti casi di resistenza a pubblico *** che finiscono con una scontata condanna, e invece un video ha smontato la versione fornita in aula da un poliziotto già in servizio alla Questura di Prato e ha convinto il giudice Angela Fedelino ad assolvere un senegalese di 43 anni che era accusato di aver picchiato il poliziotto. Lo straniero secondo il giudice ha reagito a ripetute provocazioni.

I fatti risalgono al luglio 2015. Il senegalese sta viaggiando su un treno nella tratta Firenze-Prato quando viene avvicinato dal poliziotto in borghese che gli chiede i documenti. Il poliziotto dirà poi di essersi qualificato e di aver mostrato il tesserino. Sta di fatto che tra i due inizia una colluttazione ed è il poliziotto ad aver la peggio con una prognosi di 8 giorni. Segue denuncia per resistenza e lesioni a carico del senegalese.

Durante il processo, però, c'è il colpo di scena. L'avvocato difensore del senegalese, Stefano Lorenzetti, chiede di recuperare le immagini registrate dalle telecamere del treno, che raccontano una storia molto diversa. L'audio non si sente, ma si vede il poliziotto che si avvicina al senegalese e dice qualcosa ma non mostra alcun tesserino. Secondo l'avvocato difensore è il poliziotto il primo ad alzare le mani, spintonando lo straniero. Dopo aver visto le immagini il giudice ha assolto il senegalese dal reato di resistenza perché il fatto non sussiste e dal reato di lesioni perché il fatto non costituisce reato.

A scatenare

la lite tra il poliziotto e il senegalese potrebbe essere stato un diverbio accaduto qualche minuto prima, quando il poliziotto, libero dal servizio, aveva redarguito alcuni passeggeri senza biglietto e il senegalese non aveva gradito i termini usati dal poliziotto, facendoglielo notare.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

mastica  amaro  il celoduro   ma  purtroppo  il delinquente  era  nostrano

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963