pie illusioni

si pensa davvero che elettrificando il trasporto, in occidente, si risolva il problema del surriscaldamento ?

chi convincerà gli Innuit a tornare alla slitta con i cani?

ai Lapponi a tornare alla slitta con le renne?

al montanaro, anche di casa nostra, ad andare in alpe con i suoi piedi e non con il 4x4 ?  fare le transumanze con i cani da pastore invece dei camion ?

chi convincerà il contadino orientale a lavorare le risaie con il bue ?

l'africano dovrebbe tornare a fare km per una tanica di acqua e spegnere il generatore a benzina che alimenta la pompa e gli permette d'avere una lampadina/caricabatterie cellulare?

si pensa davvero di chiudere le miniere di carbone, le piattaforme e i pozzi di gas/petrolio?

vogliamo davvero fermare i mercantili che ci portano cazziatelle con mesi di viaggio sputazzando il peggio del peggio ?

vogliamo davvero fermare le grandi navi che ci portano a spasso nei mari ?

vogliamo davvero vivere in case con 18°C in inverno e 30°C d'estate ?

e potrei andare avanti.

tutto questo in pochi decenni. ragazzi mettiamoci l'animo in pace, ognuno di noi faccia qualcosa nel nostro piccolo ma non aspettiamoci grandi risultati

 

 

 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

13 messaggi in questa discussione

Ci sono i batteri che si nutrono di metano,  vorrà dire che ci adegueremo ai gas tossici pure noi, sig Tiberio.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Domande legittime, provo a rispondere.

Il problema del riscaldamento globale purtroppo non si risolve in anni o decenni. Anche se soluzioni rapide ma artificiali e rischiose di "ingegneria climatica" (o geoingegneria) sono state proposte. Come il Solar Radiation Management (SRM) che consiste nello schermare la superficie della Terra dai raggi solari spruzzando in atmosfera grandi quantità di aerosol o solfuri che avrebbero un effetto analogo a quello delle ceneri vulcaniche volatili. L'eruzione del Pinatubo (Filippine) nel 1991 fece abbassare la temperatura globale di quasi mezzo grado per un paio di anni. Abbattere le emissioni di gas serra serve per il momento solo a impedire che il problema si aggravi e che vengano superati certi punti di soglia (o di non ritorno) oltre i quali gli effetti sul clima potrebbero essere drammatici e irreversibili. Queste emissioni non dipendono solo dai trasporti. In Europa il 30% circa delle emissioni viene dai trasporti. Soprattutto da quelli stradali, il resto viene per lo più da aerei e navi, mentre il treno è il mezzo pubblico oggi più ecologico. Anche perché è già elettrificato. Quindi non dobbiamo elettrificare solo i trasporti ma quasi tutto. E l'elettricità dobbiamo produrla quasi tutta con fonti rinnovabili a zero emissioni.

Non sarà necessario tornare alla slitta o alle lunghe marce a piedi (anche se ci farebbero bene) né rinunciare al camion e al fuoristrada. Dovunque possa andare un veicolo a motore termico (es. un trattore o una motoslitta) potrà andarci anche un analogo veicolo elettrico (a batteria o a fuel cell a idrogeno). Sempre che si realizzi una efficiente infrastruttura di colonnine di ricarica o di distributori di idrogeno. Sono già in commercio fior di 4×4 elettrici a batteria e di veicoli pesanti a fuel cell (es. i camion a idrogeno della Hyundai). Naturalmente solo l'idrogeno verde è a emissioni zero. Lo si ricava dall'elettricità (prodotta dalle rinnovabili) e dall'acqua per elettrolisi

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Segue dal post precedente.

Il generatore che alimenta la pompa per estrarre l'acqua o il caricatore del cellulare può benissimo essere elettrico a batteria. Oppure a idrogeno se si desidera una maggiore autonomia.

Le miniere di carbone vanno chiuse al più presto, i pozzi di gas possono servire ancora per qualche tempo per coprire i buchi di erogazione di fotovoltaico ed eolico, i pozzi di petrolio serviranno solo ad alimentare l'industria petrolchimica (che andrà decarbonizzata il più possibile) non più per produrre energia e CO2 con la combustione (nelle centrali termoelettriche e nei motori termici per i trasporti. Le navi del futuro saranno elettriche a idrogeno, come gli aerei di linea. Sopravviveranno per qualche tempo gli aerei militari turbojet.

Le abitazioni e i condomini saranno riscaldati e rinfrescati per lo più con l'elettricità, ovvero con efficienti e versatili sistemi a pompa di calore. 

In difesa del pianeta (cioè la nostra unica casa) ciascuno deve dare il suo, ma i risultati dipenderanno soprattutto dalla volontà politica e dal coraggio dei politici nel contrastare enormi interessi economici e lobby di potere. 

 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Produrre solo auto elettriche con batterie made in cina … è assurdo e pericoloso. L'estrazione del litio del coltan e degli altri elementi avviene senza nessun (nessun) rispetto ambientale ed umano. Documentarsi come e dove vengono estratti e lavorati le materie base. Come e dove vengono assemblate le batterie. Come e dove verranno smaltite a fine ciclo lavorativo che è di pochi anni. Il serbatoio della benzina o del gpl costa poco e dura come la vita dell'auto. A fine vita dell'auto viene smaltito e riciclato con poca spesa. Teniamo presente che di litio, coltan, altri materiali elettronici ci sono scorte solo per dieci / quindici anni e poi si torna al carretto di legno trainato dalle due suocere.   

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
22 ore fa, tiberio1946 ha scritto:

 

 

9 ore fa, fosforo311 ha scritto:

 

per quale motivo non utilizzare la trazione a "suocera" ... come alimentazione si usano gli scarti dell'orto (all'asinello do quella buona) e le deiezioni della suocera le metto nel "digestore a metano" così ottengo il gas per uso cucina e per il riscaldamento ... kama/sutra ....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, dune-buggi ha scritto:

Produrre solo auto elettriche con batterie made in cina … è assurdo e pericoloso. L'estrazione del litio del coltan e degli altri elementi avviene senza nessun (nessun) rispetto ambientale ed umano. Documentarsi come e dove vengono estratti e lavorati le materie base. Come e dove vengono assemblate le batterie. Come e dove verranno smaltite a fine ciclo lavorativo che è di pochi anni. Il serbatoio della benzina o del gpl costa poco e dura come la vita dell'auto. A fine vita dell'auto viene smaltito e riciclato con poca spesa. Teniamo presente che di litio, coltan, altri materiali elettronici ci sono scorte solo per dieci / quindici anni e poi si torna al carretto di legno trainato dalle due suocere.   

Il problema che poni è molto serio e concreto d/b. Viene chiamato "paradosso delle batterie" e ne ha parlato Riccardo Iacona in una recente trasmissione tv. Le auto elettriche a batteria dovrebbero proteggere l'ambiente e il clima e invece potrebbero inquinare e creare ingiustizia sociale e sfruttamento dei poveri nonché distorsioni del mercato. Infatti la filiera produttiva delle batterie al litio oggi è tutt'altro che equa e sostenibile per quanto riguarda l'estrazione delle materie prime, mentre la produzione finale è quasi un monopolio della Cina. Al momento è del tutto impensabile elettrificare con questo sistema tutto il parco automobilistico mondiale. Però ci sono alcune risposte. Si studiano e si sperimentano nuove batterie con nuovi materiali, molto più abbondanti e molto meno inquinanti, come il sodio e l'alluminio, inoltre si cerca di portare il riciclo delle batterie a percentuali vicine al 100%. Poi c'è l'alternativa dell'idrogeno verde come combustibile assolutamente pulito che alimenta le auto elettriche a fuel cell. Soluzione oggi scartata dalle grandi case automobilistiche ma che potrebbe rientrare presto in gioco. In ogni caso io penso che una vera economia verde debba fondarsi sul principio della parsimonia. Quindi la mobilità elettrica individuale dovrà ridimensionare drasticamente quella basata sui motori termici. Sia come numero di veicoli in circolazione sia come potenze (e prestazioni) dei veicoli. Personalmente ritengo che l'automobile dovrebbe cessare di essere un mezzo di trasporto di massa ed essere destinata solo a chi ne ha realmente bisogno per motivi di lavoro, salute e simili. Mentre andrebbe privilegiato il trasporto collettivo (specie il treno) che è molto più efficiente sotto il profilo energetico. Per non parlare del fatto che in una società digitale dovrebbero muoversi le in.formazioni e le idee più che le persone e le merci. In una economia verde il commercio mondiale dovrebbe essere largamente ridimensionato, tornando il più possibile alla produzione locale con ampio riciclo e riuso dei prodotti e dei materiali riusabili e riciclabili. Non c'è altro modo, a mio avviso, per vivere in modo sano e decoroso in 8-10 miliardi su questo generoso ma piccolo pianeta. 

Modificato da fosforo311
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

 

Ciao Fosforo, il grande Nikola Tesla (morto in circostanze strane) diceva che le energie appartengono ai popoli, non ai ricchi. Dopo la sua morte gli agenti segreti hanno fatto sparire numerosi documenti e ricerche futuristiche. Il suo laboratorio di ricerche è stato sabotato più volte ... NIKOLA TESLA ... interessante *** futuristico, al pari di Leonardo da Vinci.- 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, dune-buggi ha scritto:

Ciao Fosforo, il grande Nikola Tesla (morto in circostanze strane) diceva che le energie appartengono ai popoli, non ai ricchi. Dopo la sua morte gli agenti segreti hanno fatto sparire numerosi documenti e ricerche futuristiche. Il suo laboratorio di ricerche è stato sabotato più volte ... NIKOLA TESLA ... interessante *** futuristico, al pari di Leonardo da Vinci.- 

Nikola Tesla è uno dei giganti dell'elettromagnetismo, a livello di Maxwell, Faraday e pochi altri. Non a caso il tesla è l'unità di misura (nel Sistema Internazionale) dell'induzione magnetica (il campo B, che in sostanza è il vero campo magnetico). È un'unità molto grande per le applicazioni più comuni quindi si usa spesso un suo sottomultiplo che porta il nome di un altro grande scienziato: il  gauss. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Teniamo presente che di litio, coltan, altri materiali elettronici ci sono scorte solo per dieci / quindici anni e poi si torna al carretto di legno trainato dalle due suocere.   

Xxxxxx 

Io tengo presente che negli anni 70, correva voce in tutto il mondo che i giacimenti di petrolio entro 10/15 anni si sarebbero esauriti.

In quel periodo tutte le dune buggy arrugginite viaggiavano a targhe alterne.

Siamo nel 2021 e stiamo ancora parlando dei prezzi al barile, bello, lucido pieno fino all'orlo.

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

 

Gentilissimo Collega di Tastiera, domani domenica, vado alla diga a riparare la porta del pollaio di Demetra, prima che mia sorella prepari un brutto scherzo ai danni della mia persona fisica e (quasi) morale.

Gentilissimo Collega di Tastiera, informo che la mia auto negli anni della austerity (millenovecento settantatre / settantacinque ed anche dopo) era stata la fiat centoventisei cabrio mucca.

Ciao risata di montagna da auto da sabbia, da Demetra (mia sorella) e da Davide (me medesimo).

Prova a vedere che razza di auto sarebbe stata la fiat centoventisei cabrio mucca .....

p.s. la fiat campagnola ex esercito con badile e piccone fosforescenti sul fascione posteriore non è mai esistita, anzi, è esistita solo come fantasia nei miei sogni di scrittore foru/mista.  

  

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

Carretto Legno Metallo usato in Italia | vedi tutte i 40 prezzi!

meglio un carretto di legno ...

... a trazione  - suocera - 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963