Argentina e popoli originari: il 2017 anno di brutali repressioni

«Noi abbiamo una legge… vivere su questa terra rispettando tutte le cose viventi», affermava nel secolo scorso Frank Fools Crow, sciamano Lakota Sioux della riserva indiana di Pine Ridge, South Dakota

In America Latina, per esempio, e in Argentina in particolare, le persecuzioni dei popoli indigeni e lo sfruttamento delle risorse naturali di cui loro sono i preziosi custodi, non si sono mai fermate: lo dimostra il 2017 appena trascorso. Quello che abbiamo salutato da pochi giorni è stato un anno vissuto all’insegna della repressione e dell’usurpazione delle terre e delle acque, come recita il titolo del recente articolo di Dario Aranda1 pubblicato da Pagina12. Un annus horribilis a dispetto della proroga, votata a settembre, della legge 26.160 che dovrebbe arrestare per un periodo limitato di tempo – quattro anni – gli sgomberi e le espulsioni delle comunità originarie del Paese dalle terre che tradizionalmente occupano."

http://www.monicazornetta.it/3804-2/

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

4 messaggi in questa discussione

Inviata (modificato)

Come vedete nessuno gli ha torto un solo capello, ammiro i nativi, sono popoli di cuore e che dicono pane al pane e vino al vino oltre a rispettare la natura in cui vivono, dovremo prenderli ad esempio invece di continuare lo sterminio solo perchè non si vogliono integrare alle 2 religioni che comandano su questa terra. A motivo di ciò mi riconosco molto più in loro che in tanti miei conterranei perchè credono nella Vita in cui siamo immersi e che Vive anche dentro di noi, senza santi e santificati, senza giuda nè dii crocifissi senza senso perchè il peccato originale non esiste, ma ci sono le schifezze che si fanno dopo a danno degli altri.

Ti voterò contro, non vado a votare ma se mi va quel giorno voto quello che più temi e gli stai facendo la propaganda contro sfacciatamente.

Papa Francesco è arrivato a Santiago del Cile, accolto dal presidente Bachelet

 

Modificato da frattalis

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, frattalis ha scritto:

credono nella Vita in cui siamo immersi e che Vive anche dentro di noi, senza santi e santificati

Apprezzabilissima....condivido pienamente....purtroppo l'uomo è troppo attratto dal denaro per fermarsi a guardare la natura intorno, il papa altro non è che la figura simbolica ed è già buono che questo trovi qualche parola di condanna verso alcune malefatte, c'era anche un altro papa che sembrava andare nella direzione giusta, luciani si chiamava, forse troppo, credo il caffè gli facesse male.......:ph34r:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

5 ore fa, sempre135 ha scritto:

Apprezzabilissima....condivido pienamente....purtroppo l'uomo è troppo attratto dal denaro per fermarsi a guardare la natura intorno, il papa altro non è che la figura simbolica ed è già buono che questo trovi qualche parola di condanna verso alcune malefatte, c'era anche un altro papa che sembrava andare nella direzione giusta, luciani si chiamava, forse troppo, credo il caffè gli facesse male.......:ph34r:

Lo so anche io: prima o poi quello che sia fa viene sempre a galla. Piaceva anche a me perchè diceva che il vero Dio era padre e madre insieme, molto vicino alla mia visione che chiamo Coscienza che è tutto e comprende tutto, e si ritrova con le credenze dei nativi: la Fede naturale dell'evidenza, per forza ci deve essere qualcosa di meraviglioso che ha Creato per uno Scopo e Vive nei nostri cervelli e quando moriamo sopravvive alla materia e tutto finisce Bene perchè Tutto proviene dal Bene. Era un papa buono ed ha lasciato un vuoto incolmabile che avrebbe portato la chiesa avanti di secoli.

Modificato da frattalis

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

BENE!!!!, sperando che i fatti futuri concretizzino le tue parole.

Il Papa: “Dolore e vergogna per il danno irreparabile degli abusi”

Francesco nel suo primo discorso in Cile chiede perdono per le violenze commesse dai preti: «Appoggiare con tutte le forze le vittime, impegnarsi perché non si ripetano». E invita le autorità politiche ad ascoltare i poveri e «i popoli indigeni i cui diritti devono ricevere attenzione»

 

http://www.lastampa.it/2018/01/16/vaticaninsider/ita/vaticano/il-papa-dolore-e-vergogna-per-il-danno-irreparabile-degli-abusi-7rsFIL2bRz8yiQX5vOhP5K/pagina.html

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora