Il fanatismo religioso dei testimoni di Geova

Dicono che l’uomo sia un animale ragionevole, ma nei testimoni di Geova questa ragione viene messa da parte per lasciare spazio a un fanatismo cieco e irrazionale. Sono persone degne di rispetto, ma resta un mistero come facciano a credere a tutte le dottrine fantasiose narrate loro da un manipolo di uomini americani. Sarà il desiderio e la speranza di trovare una terra promessa, ma su questi sentimenti la Watch Tower ci specula in maniera biasimevole. 

Il loro fanatismo è palese quando predicono la fine del mondo. Il loro fondatore, Charles Taze Russell, fissò la data per il 1914. Ebbe solo il tempo di vedere il fallimento della sua previsione prima di morire due anni dopo. Il suo successore, Rutherford, era convinto che la fine sarebbe giunta nel 1925. Fece anche costruire in California la villa di Beth-Sarim per accogliere il ritorno dei patriarchi del Vecchio Testamento. Non ritornò nessuno e la villa diventò la sua dimora. Knorr, terzo presidente della Watch Tower, per poco non disintegrava l'organizzazione con la sua previsione per il 1975. Mentre l'ultimo presidente, Franz, si limitò a dire che probabilmente non saremmo giunti all'anno 2000. Siamo giunti lì e anche oltre. 

I fallimenti escatologici non li hanno scoraggiati, perché tutto il loro impianto dottrinale si basa sulla fine dei tempi. Solo che hanno smesso di fissare date e si limitano a parlare del disastro mondiale in modo generico, rivestendo i messaggi biblici di nuovi significati, riaprendo la selezione degli eletti che andranno in cielo, inventandosi fantasiose sovrapposizioni generazionali che serve per procrastinare l'Apocalisse in un futuro sempre più lontano. E in attesa di giardini paradisiaci dove leoni e agnelli scorrazzeranno amichevolmente tra loro, i fedeli continuano a contribuire per alimentare le finanze di un movimento più simile a una multinazionale commerciale che a una organizzazione religiosa. 

I testimoni di Geova hanno assunto le stimmate da tribunale inquisitorio. Giudicano, condannano, sentenziano, pontificano. Si sono proclamati arbitrariamente portavoce ufficiali di Dio. Apostrofano i governi politici con prediche che sono ai limiti della sedizione. Bollano le altre religioni del mondo con titoli calunniatori e diffamatori. Denigrano i media che fanno luce sul loro operato. Si sentono autorizzati a parlar male di tutti, ma nessuno può parlar male di loro, perché partono subito denunce e querele. 

I testimoni di Geova non ammettono mai i propri errori. Devono salvaguardare una verginità che è andata ormai perduta. Hanno derubricato la *** a semplice peccato di imperfezione umana. Negano sempre tutto. Gli anziani hanno insabbiato i casi di ***? È una fake news. I tribunali hanno condannato la Watch Tower a risarcire le vittime degli abusi sessuali? È una fake news. Le ricerche affermano che hanno un'origine massonica? È una fake news. Per loro gli unici articoli che dicono il vero sono quelli che parlano bene di loro, il resto sono solo menzogne.

Il loro fanatismo raggiunge vette da codice penale quando negano ai fedeli le trasfusioni di sangue. Non sono poche le vittime di questa deriva. Si parla di trentamila morti dagli anni Cinquanta a oggi. I pochi casi di sangue infetto, che hanno provocato danni alla salute di chi è stato trasfuso, sono il loro cavallo di battaglia contro le trasfusioni di sangue, dimenticando che milioni di persone sono state salvate dalle provvidenziali emotrasfusioni. Pensate cosa sarebbe successo se questi pazienti avessero seguito le direttive dei testimoni di Geova! 

La legge da tempo sta indagando sulla pratica dell'ostracismo dei testimoni di Geova. È stata perfino presentata una interrogazione parlamentare. Ci si chiede come sia possibile tollerare un movimento che va contro i principi democratici e costituzionali rovinando le famiglie a causa di questa pratica inumana. Sempre più associazioni che si occupano delle vittime delle sette stanno lanciando l'allarme. Le politiche del corpo direttivo stanno generando parecchi problemi di natura psicologica e sociale. Con la loro propaganda su un fantomatico conflitto universale chiamato Armagheddon stanno seminano un terrorismo psicologico molto pericoloso nella mente dei loro adepti privati della capacità di pensare. 

Basta infatti discutere con un testimone di Geova per notare che fa continui riferimenti ai versetti biblici. Segno che il loro pensiero è stato cancellato per essere riformattato dal pensiero unico della Watch Tower, che dice loro cosa devono dire e come lo devono dire. La loro personalità è annullata. La loro volontà è sminuita. Il loro senso critico è atrofizzato. I loro pensieri sono codificati entro schemi prestabiliti, come se recitassero un copione. Un copione scritto dal corpo direttivo e imposto come modello di pensiero, pena richiami e puniscono verso chi mostra di avere un pensiero libero e non conforme al gregge. 

Personalmente, credo che siamo davanti ad un movimento di invasati e di esaltati. Una religione di stampo fondamentalistico e massonico che predica una verità fabbricata da un gruppo di uomini che predicano bene e poi razzolano male. Un laboratorio di sperimentazione ideologica applicato su larga scala su fedeli che, inconsapevolmente, subiscono un condizionamento mentale che genera un fanatismo cieco, irrazionale e, per molti versi, parecchio presuntuoso.

https://messaggerosociale.blogspot.com/2021/09/il-fanatismo-dei-testimoni-di-geova.html

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

Più che fanatismo religioso parlerei della credulità delle persone....senza andare "troppo in là"....i sacerdoti convinsero la gente ad urlare più forte il nome di barabba che non quello di gesù, e già anche su questo si basava la continuità del loro potere, sopra tutto danaroso, e lo vediamo ancora su ogni credo, quanto la gente tenga di più a quello che porta in tasta questo, che non la vera fede, lo abbiamo visto nella chiesa, nei talebani, in ogni forma, e anche i testimoni non sono da meno, non è una linea, è un insieme atte a creare la propria disponibilità ad aumentare il conto in banca, una sorta di politica anche quello.....:D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963