Dal barcone in Libia al dottorato, la favola del professore Alagie

Inviata (modificato)

Una storia meravigliosa di cui tutti noi dovremo esserne orgogliosi, non è in Italia che è diventato un vero Uomo ma in Africa, qui da noi ha solo cercato aiuto umanitario momentaneo per poterci ritornare a testa alta, e buttare fuori a calci chi gli ha rinnegato i suoi sacrosanti diritti umani e gli voleva rubare il futuro. Riappropriarsi delle proprie origini e tradizioni e soprattutto dei propri diamanti e beni è ciò che si dovrebbe augurare ad ogni profugo ed emigrante che a bordo di un barcone rischia la propria vita per ricevere solo un ricovero e del cibo che manco gli piace, aiutare significa soprattutto reintegrare con dignità lo straniero ONESTO, affinchè cambi la storia del suo paese, non soltanto integrare qui in Italia

Per me stessa e per la mia famgilia vorrei questo: poter ritornare nella mia terra natia incolume, se un domani la mia Patria per colpa del susseguirsi di malgoverni finisse nelle mani di gente spietata.

http://www.lastampa.it/2018/01/13/italia/cronache/dal-barcone-in-libia-al-dottorato-la-favola-del-professore-alagie-AeUrDGBgjXkoGflx7IAIqK/pagina.html

Modificato da frattalis

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora