si inventono ancora le "torture"

Torturati con un ferro rovente sulla coscia, bruciati con le sigarette su tutto il corpo, e con una pallottola nello stomaco. Sono solo alcune delle storie, tragiche, raccolte questa mattina dal medico anestesista , che da un mese si trova a Lampedusa, a seguire per Medici senza Frontiere gli sbarchi dei migranti.

Anche se, sappiamo, trattasi di fandonie. Perché le ferite se le procurano facendo i delinquenti in Libia. Non ha senso il fatto che chi paga migliaia di euro venga ‘torturato’ dagli scafisti, che hanno tutto l’interesse a trattare bene il cliente.

Questi sono miliziani o banditi che si procurano ferite di arma da fuoco e poi arriva l’anestesista di un’organizzazione che ha aiutato dei terroristi e ci racconta ***.

questi per esempio,sono scappati dalle torture dei par

rucchieri libici!!!

PARRUCCHIERE-672x372.jpg

questi invece,sono scappati dai campi di calcio libici:

E2qtT24WUAYsOpW-300x146.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

0 messaggi in questa discussione

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963