LEGA : ce l'abbiamo Durigon

3 messaggi in questa discussione

Francamente uno con quella faccia e con quella panza, spaparanzato su una  poltrona, mi fa schifo solo a guardarlo. Un elogio ai 5stelle che ne chiedevano le dimissioni fin dal caso del generale della finanza messo a suo dire dalla Lega (a indagare sulla Lega). E un elogio al Fatto Quotidiano che ha raccolto 160.000 firme per far dimettere questo buffone che voleva cancellare i nomi di Falcone e Borsellino per sostituirli con quello di Arnaldo Mussolini. Come  ricorda Travaglio, il fratello minore del duce non era solo un fascista, era un fascista corrotto:

https://www.adnkronos.com/90-anni-fa-il-delitto-matteotti-nella-borsa-la-prova-della-tangente-al-fascismo_duDInkEF4C0jGUbHf6lXU

Se questa gentaglia vince le elezioni, per gli italiani seri e onesti sarà molto meglio emigrare in Afghanistan.

Modificato da fosforo311
3 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

il fatto che sia scemo lo dimostra il fatto che avrebbe potuto fare intitolare al fratello del crapone che so ... una via, una piazzetta, un pisciatoio e NON far togliere i nomi di Falcone e Borsellino che TUTTI considerano degli eroi (mafiosi esclusi e il panza)

e come lui i suoi capi che non l'hanno preso subito per le orecchie e fatto inginocchiare sui fagioli, vuol dire che la cosa non li ha disturbati per niente.

meditate gente meditate

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma  continua a  far politica  è sempre  parlamentare  ed ha  incarichi  importanti nel  partito  fascioleghista

 Si è dimesso!

C’è voluto quasi un mese di silenzi assordanti, goffi balbettii e 160.000 firme, e oltre tre mesi di vicende maleodoranti e mai chiarite, ma alla fine il leghista Claudio Durigon si è dimesso da sottosegretario del governo.

Si chiude una delle pagine più cupe della storia politica recente, nella quale un membro di primo livello delle istituzioni si è permesso di sporcare due grandi italiani come Falcone e Borsellino col fango del fascismo e col nome di Mussolini.

E, nonostante tutto questo, in questi oltre 20 giorni nessuno - NESSUNO - gli ha chiesto ufficialmente di fare un passo indietro.

C’è voluta una sollevazione popolare per fare quello che in un Paese appena più civile di questo sarebbe stato costretto a fare cinque minuti dopo aver pronunciato quell’abominio.

Ma alla fine è successo: da domani Durigon non è più un membro di questo governo.

Tardi, tardissimo. Ma meglio tardi che mai.

Si respira già aria più pulita.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora