Signor ministro della malattia, le scrivo una lettera e le dimostro con i fatti …

Signor ministro della malattia, le scrivo una lettera e le dimostro con i fatti … che gli ospedali italiani (e veneti) sono organizzati e gestiti per non funzionare, oppure per male funzionare … - chiedono (anzi impongono) al singolo cittadino, anche al vecchietto, di disporre di posta elettronica, collegamento internet, computer, telefono ultimo modello. Questo, dicono i vostri dirigenti, per tenere sotto controllo la situazione. Anzitutto i vostri dirigenti imparino il rispetto verso la persona, l'evolversi della situazione avverrà subito dopo. Sarebbe come mettere i buoi dietro il carro … oppure preferisce mettere il carro davanti ai buoi. Ritornando al tema … voi chiedete (pretendete) dal singolo modernità e collegamento, ma se un ammalato viene trasferito da un reparto ad un altro per l'evolversi delle cure … allora i due reparti non sono in grado di comunicarsi e scambiarsi le cartelle cliniche, ciascuno geloso e possessivo del proprio fascicolo. Signor ministro della malattia, le ho pestato i piedi, si è inciampato e si è fratturato … sono lieto e sereno, tanto neppure lei capisce nulla di organizzazione del rispetto verso la persona. Appena apre vado dal calzolaio a far risuolare le scarpe ed aggiungere un puntale metallico … per meglio lasciare il segno. - firmato d/b e si ricordi che la sanità veneta non è questo luccichio e questo splendore che cercano di far credere. Si tratta solo di un pochino di vernice, basta della carta vetrata per grattare un poco e compare la ruggine.   

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

11 messaggi in questa discussione

il calzolaio mi restituisce le scarpe rinforzate lunedi, si aspetti nuove pedate alle terga

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il problema del "digital divide" degli anziani (che non riguarda solo gli anziani ma tutte le persone che non hanno un computer e una connessione o che hanno difficoltà a usarlo) è molto serio e molto sottovalutato. Lo Stato dovrebbe predisporre, almeno per i prossimi 20 anni, una possibilità alternativa di accedere ai vari servizi per la via tradizionale (cartacea) in modo semplice e chiaro. Io ho una vicina ultra 80enne, vedova, autosufficiente in quasi tutto eccetto che gli strumenti digitali. È una prof.ssa in pensione con 2 lauree ma non si è mai impratichita col computer, un po' per repulsione caratteriale un po' per difficoltà oggettive (le tremano un po' le mani e ha difficoltà con la tastiera). Allora quando ha bisogno bussa alla nostra porta e noi le scriviamo mail, le stampiamo documenti, etc., ma non tutti hanno dei vicini disponibili a dare una mano. 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La domenica andando alla messa, ho incontrato Torquato. (… Torquato, ma chi è costui …). Torquato è il calzolaio della borgata, bravo e scrupoloso artigiano, prosegue la attività ereditata dal nonno e forse anche più in là. Dicevo, Torquato mi ha garantito la riparazione delle mie scarpe da combattimento con punte e tacchi rinforzati. Con le modifiche apportate potrò schiaffeggiare alle terga persino il ministro della malattia ed alcuni assessori regionali. Schiaffeggiare alle terga … poiché per certi personaggi il sopra ed il sotto, il davanti ed il dietro sono tra di essi intercambiabili (parola di Torquato, così lui disse). - sempre Torquato mi fa un esempio “meccanico / sanitario”. Se lui porta la sua auto a far riparare in concessionaria, le riparazioni eseguite e la scheda tecnica finale vengono comunicate al computer centrale della sede centrale. Qualora lui parta per un viaggio e la vettura si guasti in una qualsiasi città italiana, sia in regione che fuori regione, la seconda officina si collega con il computer centrale. Così la seconda officina sa subito dove mettere le mani, quali riparazioni eseguire in garanzia e quali fuori garanzia. - Tornando agli ospedali. Per quale motivo gli ospedali, almeno a livello regionale, non sono collegati tra di loro. Se una persona torna ad ammalarsi in una città diversa dalla prima, i secondi medici cadono dalle nuvole e non sanno come agire sul si o sul no. Alle volte anche all'interno del medesimo ospedale, non si parlano neppure tra reparto e reparto. (capitato a me lo scorso anno in un mese di ricoveri e trasferimenti interni). Buona domenica a voi tutti, grazie per avere letto il mio scritto ed un saluto al mio amico Torquato, il calzolaio della borgata di montagna.   

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Colpa delle scarpe sig auto da sabbia. Non aveva le scarpe giuste.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Il problema del "digital divide" degli anziani (che non riguarda solo gli anziani ma tutte le persone che non hanno un computer e una connessione o che hanno difficoltà a usarlo) è molto serio e molto sottovalutato. Lo Stato dovrebbe predisporre, almeno per i prossimi 20 anni, una possibilità alternativa di accedere ai vari servizi per la via tradizionale (cartacea) in modo semplice e chiaro. Io ho una vicina ultra 80enne, vedova, autosufficiente in quasi tutto eccetto che gli strumenti digitali. È una prof.ssa in pensione con 2 lauree ma non si è mai impratichita col computer, un po' per repulsione caratteriale un po' per difficoltà oggettive (le tremano un po' le mani e ha difficoltà con la tastiera). Allora quando ha bisogno bussa alla nostra porta e noi le scriviamo mail, le stampiamo documenti, etc., ma non tutti hanno dei vicini disponibili a dare una mano. 

Un personaggio veneto, famoso per essere antipatico, pretende che tutti siano collegati via computer. Ma quando persino gli stessi uffici comunali, regionali, ospedalieri ... non sono in grado di collegarsi ... come può il singolo cittadino aiutarsi ed essere aiutato. Ottimo l'esempio della tua vicina di casa, due lauree, quaranta anni di esperienza con gli allievi che ha aiutato a divenire uomini e donne adulte, ma si trova a disagio (si trova a disagio) davanti ad una tastiera di plastica e fili elettrici. Ciao Forforo, buona domenica, a presto.    

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma lei è registrato in "sanità a km 0" sig auto da sabbia? A me sembra di no.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
In questo momento, ahaha.ha ha scritto:

Ma lei è registrato in "sanità a km 0" sig auto da sabbia? A me sembra di no.

il mio ospedale di riferimento si chiama - www.malbech.piave.it - tutta la zona della sinistra Piave produce ottimi vini. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non è vero che gli ospedali non si parlano via internet, sig auto da sabbia.

Io mi sono fatto sostituire il  pendolino vecchio con uno nuovo a Padova, ora lo sanno tutti gli ospedali d'Italia.😠

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
16 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Non è vero che gli ospedali non si parlano via internet, sig auto da sabbia.

Io mi sono fatto sostituire il  pendolino vecchio con uno nuovo a Padova, ora lo sanno tutti gli ospedali d'Italia.😠

io adopero un orologio a cu/cu costruito da un artigiano del legno di Calalzo

... (conosce Calalzo ....)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Calalzo? Ma è ancora abitato?

premiata ditta Toffoli, giochi didattici in legno, località san Giovanni, frazione di Calalzo. Mi riferisco a quando si viveva felici e giovani, esisteva ancora la lira. A quegli anni risale il mio orologio a cu/cu e funziona ancora ... gatti permettendo.- 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963