Una gran bella notizia : nelle ricadute tecnologiche

La fusione nucleare e' gia' realta'. E parla italiano. ASG lo dimostra. La superconduttivita' risolverebbe uno degli handicaps dell'energia verde: il nodo della rete e del trasporto. Ed e' la chiave per realizzare il sogno della intensificazione ed estensione degli usi dell'elettricita'. L'italiana ASG e' davvero sulla dimensione edge( frontiera) delle tecnologie del futuro. Ottimo !! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

11 messaggi in questa discussione

Si spieghi meglio, ridicola marketta pisana, io non sono mica monolaureato.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, mark222220 ha scritto:

La fusione nucleare e' gia' realta'. E parla italiano. ASG lo dimostra. La superconduttivita' risolverebbe uno degli handicaps dell'energia verde: il nodo della rete e del trasporto. Ed e' la chiave per realizzare il sogno della intensificazione ed estensione degli usi dell'elettricita'. L'italiana ASG e' davvero sulla dimensione edge( frontiera) delle tecnologie del futuro. Ottimo !! 

grazie per l'informazione , mi deve essere sfuggita sentendo i TG e leggendo i quotidiani. forse che non ne siano ancora al corrente ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

(ANSA) - GENOVA, 07 LUG - L'Università giapponese di Chubu e la società ligure Asg Superconductors hanno siglato un accordo per lo sviluppo e promozione di tecnologia e cavi superconduttivi per trasmissione di energia su lunga distanza.

La trasmissione di corrente tramite tecnologia superconduttiva in un mondo più green e sostenibile, spiega Asg in una nota, avrà un ruolo primario nelle reti, tra energie rinnovabili e l'elettrificazione con la richiesta di 'decarbonizzazione' di processi industriali e mobilità. La trasmissione su lunghe distanze ha però un impatto ambientale, legato alla dissipazione e al riscaldamento del suolo, che grazie alla superconduttività viene nettamente ridotto, sono azzerate le dispersioni e ridotti i costi di installazione ed esercizio con molti vantaggi per ambiti interessati in modo pervasivo dalla elettrificazione come smart city e green port.

L'Università giapponese di Chubu negli ultimi 15 anni ha ricevuto supporto dal governo giapponese e dal mondo industriale per lo sviluppo di tali tecnologie, con tra l'altro la costruzione e messa in esercizio della più lunga linea dimostrativa di trasmissione superconduttiva tra un impianto fotovoltaico e un internet data centre di 1,5 chilometri. Asg, con 60 anni di esperienza nello sviluppo di magneti e sistemi per la fisica delle alte energie, fusione nucleare e applicazioni medicali - Mri, sta investendo per sviluppare nuove applicazioni superconduttive con tecnologia 'ad alta temperatura', come il filo in diboruro di magnesio (MgB2), che consentono di realizzare soluzioni innovative e con rapporto costo-prestazioni 'cost effective' per il trasporto di energia riducendo drasticamente dimensioni e dispersioni.

"La collaborazione l'università di Chubu ci consentirà di esplorare e sviluppare materiali superconduttivi ad alta temperatura, cavi e sistemi per l'accumulo di energia green, trasporto e processi industriali", ha dichiarato Sergio Frattini, ceo Asg Superconductors. (ANSA).
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

in definitiva: un cavo conduttore a bassa resistenza a temperatura ambiente.

la fusione nucleare che centra?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Calma sig Tiberio tra poco ce lo spiega.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quella dell'impiego del diboruro di magnesio come superconduttore non è una novità. La trasmissione dell'energia elettrica su lunghe distanze, con le conseguenti dissipazione per effetto Joule nei cavi, non è un problema specifico della green economy e delle fonti rinnovabili. Anzi la produzione eolica e fotovoltaica hanno in genere la caratteristica di una minore concentrazione rispetto alle fonti tradizionali. Essendo più distribuite sul territorio rispetto alle grandi centrali termoelettriche convenzionali o nucleari, il problema della trasmissione a distanza di grandi potenze è meno sentito. Il problema si pone o si porrebbe se decidessimo, per esempio, di realizzare grandi impianti solari nel deserto del Sahara e di importare l'energia in Europa (progetto Desertec). Ma al momento non vedo proprio come il diboruro di magnesio possa diventare un'alternativa alle linee HVDC (cavi in rame ad altissima tensione e corrente continua). Una cosa è un collegamento sperimentale o dimostrativo su una tratta di 1500 metri per alimentare, immagino con alcune decine o centinaia di kW, un data center. Altra cosa è trasportare decine di gigawatt per migliaia di km, in parte anche sotto il mare. Il superconduttore in diboruro di magnesio dovrebbe essere tenuto costantemente alla temperatura di 20 kelvin, ovvero 253 °C sotto zero, per tutta la sua lunghezza (migliaia di km), mediante migliaia di stazioni criogeniche che producano idrogeno liquido. Se in un singolo punto la temperatura supera quella critica (38 kelvin cioè meno 235°C) il diboruro esce dallo stato superconduttore e la linea va interrotta all'istante (cosa non facile) per impedire che il cavo fonda, anzi evapori stante l'enorme potenza in gioco. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ora mi aspetto le correzioni da parte della ridicola marketta pisana alias aria fresca.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Ora mi aspetto le correzioni da parte della ridicola marketta pisana alias aria fresca.

Dovrebbe prima di tutto spiegare che cappio significa:

La fusione nucleare è già realtà. E parla italiano. 

L'Italia è nel consorzio ITER tramite la UE e fornisce alcuni componenti del faraonico e ultracostoso reattore sperimentale in costruzione in Francia. I superconduttori sono usati per il confinamento magnetico del plasma in cui si dovrebbe innescare la fusione, ma le bobine del gigantesco Tokamak di ITER usano leghe diverse da diboruro di magnesio e lavorano a temperature ancora più basse, irraggiungibili con l'idrogeno liquido ma solo con l'elio liquido. Dire che la fusione nucleare è già realtà, ovvero che sarebbe stata dimostrata la fattibilità scientifica di una centrale a fusione (la fattibilità ingegneristica e quella commerciale sarebbero eventuali tappe successive) oggi è vendere aria fritta. Proprio in questi giorni una fuga di notizie rivela che l'esperimento di primo plasma, previsto dopo vari rinvii alla fine del 2025, avrebbe subito un ulteriore rinvio di almeno un anno. E ultimamente è uscito un libro che pare destinato a spegnere molte illusioni: La favola della fusione nucleare. 

https://www.springer.com/gp/book/9783030643430

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Prima deve guardare la cornice vuota dove i suoi genitori speravano di racchiudere una monolaurea, poi deve sorridere pensando a me che spalo kakke di giovenca come lei, infine tenterà di ricomporsi  e solo allora ci spiegherà come funziona

La fusione nucleare è già realtà. E parla italiano. 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Ora mi aspetto le correzioni da parte della ridicola marketta pisana alias aria fresca.

Imbexxilke x 2 ed idio ta x 10,  io non debbo correggere proprio un bel niente . Questo adempimento , Gianni ,devi chiederlo a Pinotto che , con una faccia tosta alla Mario Merola alle prese di una sceneggiata napoletana , ha categoricamente smentito gli scienziati della Chubo University ed una società tra le più importanti del mondo come la ASG  Superconductor.  Caz.z.o vuoi da me ?? Rivolgiti con fiducia al Panzanaro seriale Fosforuccio. Io , e sempre tu lo voglia permettete , mi fido assai di più degli scienziati che del Cazzaro Napoletano . Te fai pure la scelta che vuoi , ma poi non lamentarti se vieni considerato la sorella molto ma molto meno intelligente del fratello disturbato . 

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

16 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Imbexxilke x 2 ed idio ta x 10,  io non debbo correggere proprio un bel niente . Questo adempimento , Gianni ,devi chiederlo a Pinotto che , con una faccia tosta alla Mario Merola alle prese di una sceneggiata napoletana , ha categoricamente smentito gli scienziati della Chubo University ed una società tra le più importanti del mondo come la ASG  Superconductor.  Caz.z.o vuoi da me ?? Rivolgiti con fiducia al Panzanaro seriale Fosforuccio. Io , e sempre tu lo voglia permettete , mi fido assai di più degli scienziati che del Cazzaro Napoletano . Te fai pure la scelta che vuoi , ma poi non lamentarti se vieni considerato la sorella molto ma molto meno intelligente del fratello disturbato . 

Mi perdoni, ridicola marketta pisana, ma lei ha parlato di fusione nucleare o di cavi conduttori?

E visto che lei si fida degli scienziati della chubo universiy dovrebbe anche spiegarci in cosa il "cazzaro napoletano" li ha smentiti, così giusto per dimostrare che lei è 222270 volte idi.ota, e non 222271 come io credo abbia meritato con questo post.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963