I morti non sono in cielo

Ecclesiaste 9:5

I viventi infatti sanno che moriranno, ma i morti non sanno nulla; per loro non c'è più alcuna ricompensa, perché la loro memoria è dimenticata.

 

L'uomo ha scelto la morte in eterno, si vanta di aver avuto coraggio per scegliere la distruzione in eterno. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

36 messaggi in questa discussione

Ecclesiaste 8:8

Non c'è uomo che abbia potere sul vento per poterlo trattenere, o che abbia potere sul giorno della morte; non c'è congedo in tempo di guerra, e l'iniquità non può salvare chi la commette.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Giovanni 3:13

Nessuno è salito in cielo, se non colui che è disceso dal cielo: il Figlio dell'uomo.

 

Atti 2 :29 Fratelli, si può ben dire liberamente riguardo al patriarca Davide, che egli morì e fu sepolto; e la sua tomba è ancora al giorno d'oggi tra di noi

34 Davide infatti non è salito in cielo;

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 Deuteronomio 34

Mosè, servo del SIGNORE, morì là nel paese di Moab, come il SIGNORE aveva comandato. 6 E il SIGNORE lo seppellì nella valle, nel paese di Moab, di fronte a ***-Peor; e nessuno fino a oggi ha mai saputo dove è la sua tomba. 7 Mosè aveva centovent'anni quando morì; la vista non gli si era indebolita e il vigore non gli era venuto meno. 8 I figli d'Israele lo piansero nelle pianure di Moab per trenta giorni; si compirono così i giorni del pianto per il lutto per Mosè.

La vita dell'uomo é diminuita, massimo 120 anni. 

Dio non portò affatto Mosè in cielo. 

Tutti i morti sono nella tomba. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

Amazon.it: The Reliant Robin: Britain's Most Bizarre Car - Chapman, Giles -  Libri

come morire alla prima curva

l'auto meno sicura al mondo

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

Reliant Robin, sport estremo | Locos Engine

i morti sono lungo le strade

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Salmi 6:5

Poiché nella morte non c'è memoria di te;
chi ti celebrerà nel soggiorno dei morti?

Salmi 89:48

Qual è l'uomo che viva senza veder la morte?
Che scampi l'anima sua al potere del soggiorno dei morti? [

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, lagraziaviva ha scritto:

 

 

Aforismario: Aforismi, frasi e proverbi sul Sedere (o Culo)

 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, lagraziaviva ha scritto:

 

 

1.2. LA MISOGINIA DEL CRISTIANESIMO PAOLINO

 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Genesi 3:19

mangerai il pane con il sudore del tuo volto, finché tu ritorni nella terra da cui fosti tratto; perché sei polvere e in polvere ritornerai».

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
41 minuti fa, lagraziaviva ha scritto:

Genesi 3:19

mangerai il pane con il sudore del tuo volto, finché tu ritorni nella terra da cui fosti tratto; perché sei polvere e in polvere ritornerai».

 

Bancomat virtuale - Facciabuco.com

la fortuna di nascere donna

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Peccato che bisogna distruggere chi non ha rispetto per la propria vita. 

Ognuno sarà giudicato per le proprie opere, bene o male. 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 

Ponte Morandi, Di Maio: Aspi chiarisca perché voleva demolirlo. Atlantia:  dubbi pretestuosi - Rai News

implosione controllata del ponte di genova

bisogna distrugggere il vecchio per lasciare spazio al nuovo

dieci secondi di esplosivo ed il vecchio sparisce

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Numeri 23:19

Dio non è un uomo, perché possa mentire, né un figlio d'uomo, perché possa pentirsi. Quando ha detto una cosa, non la farà? O quando ha dichiarato una cosa, non la compirà?

Luca 21:36

Vegliate dunque, pregando in ogni momento, affinché siate in grado di scampare a tutte queste cose che stanno per venire, e di comparire davanti al Figlio dell'uomo».

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ecclesiaste 7:25

Io mi sono applicato in cuor mio a riflettere, a investigare, a cercare la saggezza e il perché delle cose, e a riconoscere che l'empietà è una follia e la stoltezza una pazzia;

1Corinzi 3:19

perché la sapienza di questo mondo è pazzia davanti a Dio. Infatti è scritto:
«Egli prende i sapienti nella loro astuzia»;

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Matteo 8:22

Ma Gesù gli disse: «Seguimi, e lascia che i morti seppelliscano i loro morti».

Si, gli uomini senza l'intervento di Dio sono già morti, perché sono senza Dio e senza il suo Spirito Santo che vivifica. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'inferno é già qui sulla terra, la gente soffre, é torturata, é maltrattata, fruttata, deportata, derubata della propria vita. Poi arrivano i religiosi, ti giudicano, ti condannano ad una punizione eterna nel fuoco chiamato inferno, I religiosi che giudicano il prossimo chi li distruggerà?! 

L'inferno non esiste, non abbiate paura, i morti sono nella tomba. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Apocalisse20:12 

E vidi i morti, grandi e piccoli, in piedi davanti al trono. I libri furono aperti, e fu aperto anche un altro libro che è il libro della vita; e i morti furono giudicati dalle cose scritte nei libri, secondo le loro opere. 13 Il mare restituì i morti che erano in esso; la morte e l'Ades restituirono i loro morti; ed essi furono giudicati, ciascuno secondo le sue opere. 14 Poi la morte e l'Ades furono gettati nello stagno di fuoco. Questa è la morte seconda, cioè lo stagno di fuoco. 15 E se qualcuno non fu trovato scritto nel libro della vita, fu gettato nello stagno di fuoco.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

I morti possono comunicare con i vivi?

Giobbe 14... ma l'uomo che giace più non s'alzerà,
finché durano i cieli non si sveglierà,
né più si desterà dal suo sonno... Siano pure onorati i suoi figli, non lo sa; siano disprezzati, lo ignora!

Eppure la stregoneria ha preso piedi di più. 

Questi maghi dicono di parlare con i morti, non sono capaci di indovinare 3 numeri per arricchirsi, invece sono abili ha spogliare i vivi per i morti che non sentono non sono in cielo non vedono e non parlano. 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La Verità non la sopporta nessuno. 

Tutti i cattolici credono che i loro cari siano in cielo, però vanno al cimitero per fare visita ai morti. 

Ecclesiaste 9:5

Infatti, i viventi sanno che moriranno; ma i morti non sanno nulla, e per essi non c'è più salario; poiché la loro memoria è dimenticata.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La mattina del 6 dicembre 1990, alle 9:48, l'MB-326 decollò dall'aeroporto di Verona-Villafranca per una missione di calibrazione di alcuni sistemi di difesa aerea, pilotato dal sottotenente Bruno Viviani, 24 anni, unico membro dell'equipaggio; Viviani aveva 740 ore di volo di esperienza, di cui 140 sull'MB-326.[6][7]

La missione prevedeva il sorvolo dell'abitato di Borgoforte per poi virare in direzione di Rovigo. Alle 10:22, il motore dell'Aermacchi iniziò a manifestare problemi tecnici, costringendo il pilota ad interrompere la missione ed a cercare di atterrare. L'aeroporto più vicino era quello di Ferrara, che però era dotato di una pista di lunghezza insufficiente (600 metri), quindi Viviani decise di dirigersi verso l'aeroporto di Bologna, a circa 40 km di distanza.[8][9]

Alle 10:23, il pilota contattò la torre di controllo di Bologna, dichiarò l'emergenza e chiese di poter atterrare sulla pista 30, ovvero in direzione nord-ovest.[10]

Alle 10:31, Viviani comunicò via radio che il motore aveva smesso di funzionare e che il velivolo era in fiamme e non rispondeva più ai comandi, dopodiché si lanciò col seggiolino eiettabile, atterrando con il paracadute sulle colline di Ceretolo, una frazione di Casalecchio, e riportando la frattura di tre vertebre.[3]

Un testimone oculare che si trovava presso l'aeroporto di Bologna assistette agli ultimi secondi di volo dell'Aermacchi ed osservò le fiamme che fuoriuscivano dall'ugello di scarico del motore, riuscendo a cogliere con la sua macchina fotografica il momento in cui il pilota si paracadutò.[8] La scena fu ripresa anche da un operatore della TV locale Rete 7, che nel corso di alcune riprese a Bologna notò casualmente l'aeroplano in difficoltà e lo inquadrò con la telecamera.[11]  

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Un giorno i morti risorgeranno e ognuno potrà dire perché sia morto. 

Se i morti uccisi parlassero, come dicono i maghi, i colpevoli non avrebbero scampo. 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963