Questo commento sui fatti di SM Capua a Vetere lo trovo esemplare ...


Quello che è successo il 6 aprile 2020 nel carcere di Santa Maria Capua Vetere non può restare impunito. 
La cronaca dei fatti, orrendi, è descritta minuziosamente e documentata dalle immagini delle telecamere di sorveglianza, nell’ordinanza di 2350 pagine del GIP che sta indagando 108 persone, tra agenti penitenziari e dirigenti carcerari e del DAP, che ha disposto la carcerazione di 8 persone, 18 agli arresti domiciliari, 53 sospesi dal servizio tra i quali il provveditore alle carceri della Campania che ha ordinato la mattanza. 
Quando si è scatenata la violenza dello “Stato” la protesta dei detenuti, durante il lockdown ristretti in locali sovraffollati, senza misure di prevenzione e protezioni individuali, senza acqua potabile, si era già spenta senza violenze né danni, come testimoniato dal comandante delle guardie carcerarie di SMCV.
I più facinorosi degli agenti, viceversa, nei giorni seguenti sollecitavano i dirigenti centrali a dare “un segnale forte”, che non aveva alcuna ragione.
Pestaggi ripetuti e prolungati, sodomizzazioni coi manganelli, umiliazioni, dolore e sangue inferti a freddo nei confronti di inermi. Tanto da far dire alla Procuratrice di SMCV che l’unico precedente cui ci si poteva richiamare era la macelleria messicana della Caserma Diaz durante il G8 del luglio 2001 a Genova.
Oggi, a differenza di allora, c’è il reato di tortura, introdotto durante il governo Renzi, anche questa è uguaglianza, bischeri. 
E la ministra della Giustizia Cartabia parla di Costituzione calpestata.
Il ministro della Giustizia, dal quale dipendeva il DAP in quel 6 aprile 2020, era il grillino Alfonso Bonafede, il quale, difronte a quell’orrore umano e allo scempio della legge che avrebbe dovuto far rispettare, dichiarava, per bocca del suo sottosegretario (grillino) in risposta ad una interrogazione parlamentare, che la mattanza era stata “una doverosa azione di ripristino della legalità”. Vergogna infinita! 
Coprendo indecorosamente i dirigenti da lui nominati. Come Francesco Basentini messo a capo del DAP e costretto alle dimissioni poco prima della caduta del Conte 2 dalle pressioni della parte più responsabile di quella maggioranza. Della sua nomina, più che discussa, si sta occupando la Commissione Antimafia. 
La reticenza e le bugie di Bonafede perché di SMCV non si parlasse più, sono state pari a quelle del governo di destra sul G8 di Genova nel 2001. Se la Procura locale non fosse andata avanti oggi tutto sarebbe rimasto impunito. 
Su questo riflettano le vedove di Conte che, sedicenti di sinistra, non si sono accorti che Conte e Bonafede su SMCV si sono comportati come Berlusconi e Fini sul G8 di Genova. Solo un anno fa tenevano ancora bordone alla destra che faceva sbarramento a qualunque provvedimento di alleggerimento delle carceri per via del Covid. 
Naturalmente si trattava di “punti di riferimento imprescindibili per i progressisti”. 
Il derby non è tra Conte e Grillo, ma tra chi serve per far rinascere il Paese e i due, che è meglio si tolgano di torno entrambi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

Mi perdoni ridicola marketta pisana 222257 volte idi-ota, cosa disse Leopoldino in merito all'interrogazione sui fatti di SMCV?

ZITTO PURE LUI?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Come fai a vivere senza cervello? Giovedì sarò Santa Maria Capua Vetere per portare la solidarietà a donne uomini della Polizia Penitenziaria che lavorano in condizioni difficili e troppo spesso inaccettabili. La Lega sarà sempre dalla parte delle Forze dell'Ordine. Bedda Matrix"

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963