Se io fossi il Presidente del Consiglio ...,

Approfittando della meravigliosa lotta intestina che sta devastando gli scappati da casa a 5 stelle , revocherei immediatamente la garanzia posta dallo Stato sul prestito di 2,5 milioni a favore del Falso Quotidiano . Così , tanto per mettere in chiaro qualcosetta si potrebbe immediatamente prendere un piccione con una fava . 1)! Archibugiare e dare il colpo di grazia al Mo Vi Mento . 2) decretare definitivamente il fallimento del grande Marco , di Infosannio e pure del Cazzaro di Napoli che dovrebbe limitarsi a leggere “Topolino”. 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

13 messaggi in questa discussione

Ciao Mark (come il pilota di moto .?.) buona domenica. Permetti alcune domande in fuori tema. Come simbolo hai la testata di uno dei numerosi scio/kki giornali italiani. NON è l'unico, ve ne sono altri del medesimo basso livello. Poi anche nei tuoi nomi precedenti avevi la foto di un certo “marco riccioluto” a me antipatico. Quello che NON riesco a capire è perché lo poni come simbolo e poi (giustamente) lo combatti negli scritti. Forse di politica io capisco ancora meno di quel poco che capisco di galli e di galline. - Ciao Mark buona giornata da d/b a presto e grazie per le risposte (ove possibile).-   

Modificato da dune-buggi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, dune-buggi ha scritto:

Ciao Mark (come il pilota di moto .?.) buona domenica. Permetti alcune domande in fuori tema. Come simbolo hai la testata di uno dei numerosi scio/kki giornali italiani. NON è l'unico, ve ne sono altri del medesimo basso livello. Poi anche nei tuoi nomi precedenti avevi la foto di un certo “marco riccioluto” a me antipatico. Quello che NON riesco a capire è perché lo poni come simbolo e poi (giustamente) lo combatti negli scritti. Forse di politica io capisco ancora meno di quel poco che capisco di galli e di galline. - Ciao Mark buona giornata da d/b a presto e grazie per le risposte (ove possibile).-   

Guarda bene lo sguardo dell’idio ta !! A quel punto avrai la risposta che cerchi . Ciao e buon pomeriggio .

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Da Live 

ITALIA6 Luglio 2020

Quali sono i giornali che ricevono soldi pubblici (e quanti soldi)

di Roberto Pianta

I nomi e le cifre sono stati diffusi dal governo

 

I dati sono stati resi pubblici sul sito del Dipartimento per l’informazione e l’editoria, organo della Presidenza del consiglio dei ministri: è l’elenco dei giornali che hanno ricevuto contributi dallo Stato nel corso del 2019.

Questo qui sotto è l’elenco delle dieci testate che hanno ricevuto le cifre più alte.

1) Dolomiten: 2,8 milioni di euro (al lordo della ritenuta);

 

2) Famiglia cristiana: 2,8 milioni di euro;

 

3) Libero quotidiano: 2,6 milioni di euro; 

) Avvenire: 2,5 milioni di euro;

 

5) Italia oggi: 1,8 milioni di euro;

 

6) Il manifesto: 1,4 milioni di euro;

 

7) Il Quotidiano del Sud: 1,3 milioni di euro;

 

8) Cronacaqui.it: 1,09 milioni di euro; 

9) Corriere Romagna: 1.06 milioni di euro;

 

10) Il Foglio: 834mila euro.

 

Il pagamento riguarda la rata di anticipo del contributo per il 2019 “in favore delle imprese editrici di quotidiani e periodici” che abbiano titolo al contributo da parte dello Stato.

L’annuncio dell’avvenuto pagamento da parte dello Stato era stato già dato il 3 giugno 2020, ma pochi se ne sono accorti: alla notizia hanno dato risalto la testata online Il Post (in questo articolo) e prima ancora l’osservatorio DataMediaHub, che da anni analizza il mercato dei media vecchi e nuovi.

 

Molti dei nomi dei giornali nella top10 sono piuttosto noti. Si noterà che al primo posto c’è Dolomiten, il quale, come si evince dal nome, è una testata in tedesco e conosciuta per lo più in provincia di Bolzano. Per legge infatti il contributo è previsto anche per le “imprese editrici che editano quotidiani e periodici espressione di minoranze linguistiche”, come spiega lo stesso Post. Ma ci torneremo.

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

i contributi sottobanco, dai privati intendo, non si sapranno mai...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

TANTO PER MEGLIO CHIARIRE ....!!
 

Non c'è niente di drammatico nell'appartenere alla famigerata casta dei giornali: purché chi vi appartiene non combatta una battaglia contro la famigerata casta dei giornali. E' il caso de Il Fatto, sotto la cui testata c'è scritto che «Non riceve alcun finanziamento pubblico» anche se non è vero, anzi, è decisamente falso.

 

Affianco alla citata frasetta, infatti, in piccolo, si legge «Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv. in L.270/02/2004) Art. I comma I Roma Aut. 114/2009» che in lingua italiana significa che il quotidiano, dopo averne fatto richiesta, fruisce delle «tariffe postali agevolate per i prodotti editoriali».

Trattasi dei pure famigerati «contributi indiretti» che riguardano le tariffe postali e che nel caso rappresentano, con quelle elettriche telefoniche, «la fetta più grossa distribuita a tutti i giornali»: la definizione è di una celebre puntata di Report andata in onda il 23 aprile 2006.

Sono agevolazioni di cui può giovarsi chi ne faccia richiesta, s'intende: è, anche, il caso de Il Fatto. Ed è il caso, per fare esempi notevoli, de La Repubblica-Espresso che nel 2004 hanno ricevuto 12 milioni di euro, Rcs e Corriere della Sera 25 milioni di euro, Il Sole 24 Ore della Confindustria 18 milioni di euro, Mondatori 30 milioni di euro.

 

Restando ai soli abbonamenti, per ogni copia spedita, Il Sole 24 Ore invece di 26centesimi ne spende solo 11. La differenza ce la mette lo stato. Nel 2004, nel caso, ci ha messo 11 milioni e 569 mila euro. Ma questi erano appunto i dati del 2004. E oggi? E, per quanto c'interessa, nel caso de Il Fatto? Dipende dallo scaglione di sconto.

Il quotidiano diretto da Antonio Padellaro vanta 45mila abbonamenti dei quali soltanto ottomila sono cartacei: gli altri - riferiscono fonti interne al giornale - sono tutti online, spediti in formato Pdf. Lo sconto dipende dal peso fisico del giornale, che nel caso è attorno ai 200 grammi e appartiene quindi allo scaglione che prevede uno sconto del 50 per cento; la tariffa di 26 centesimi per copia scende perciò a 13. Ergo, fanno poco più di mille euro. Al giorno.

 

Calcolando le 312 uscite annuali de Il Fatto (che il lunedì non è in edicola) fanno circa 325mila euro che non vengono pagati e che le Poste si fanno rimborsare dallo Stato, cioè dal contribuente, come si dice. 

 

E un Beppe Grillo? Come lo direbbe? Più o meno come lo fece il 6 marzo 2008 sul suo blog, mentre preparava il Vaffa-day del 25 aprile successivo: «Berlusconi, De Benedetti, la Confindustria e il salotto buono di Rcs si fanno pagare i costi del telefono, della luce e dei francobolli per le spedizioni. Sono contento. I più ricchi imprenditori italiani lo sono anche per merito nostro. Quando lo psiconano leccherà un francobollo gratis per spedire Panorama, penserà a noi con affetto sincero».

Ora: se Il Fatto fruisca anche di agevolazioni per la luce e per il telefono noi non sappiamo, anche se non stupirebbe né scandalizzerebbe. Ma per i francobolli, come detto, sì, c'è scritto in testata. Padellaro e Travaglio posso ringraziare a loro volta.
Invece si lamentano. Su Il Fatto di ieri, a pagina 10, compare un riquadrino titolato «Un colpo ai giornali» in cui si condanna «la riduzione delle tariffe postali che riguardano 8000 testate».

 

Cioè: abbattono il grosso dei soldi elargiti alla casta giornalistica (Grillo ci promosse un fallito referendum) e a Il Fatto non sono contenti. Per niente: «L'intervento», si legge, «cancella i 50 milioni di euro di rimborsi alle Poste e rischia di incidere anche sui costi degli abbonamenti in corso, penalizzando i gruppi che si affidano meno all'edicola».

 

Esempi da fare? Eccoli: «Il Sole 24 Ore o Italia Oggi». Basta. Il Fatto dimentica di citare Il Fatto. E Marco Travaglio, probabilmente, spera che qualche grillino dimentichi ciò che disse lui stesso arringando la folla del 25 aprile 2008, quando tuonò contro i finanziamenti all'editoria (tutti i finanziamenti all'editoria) pur scrivendo sull'Unità che percepiva dei contributi diretti milionari, allora come oggi. Ora invece scrive su Il Fatto, che i contributi li percepisce indiretti. E ha un bel contratto con la Rai, pagata con il canone.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
18 ore fa, mark222220 ha scritto:

Guarda bene lo sguardo dell’idio ta !! A quel punto avrai la risposta che cerchi . Ciao e buon pomeriggio .

personalmente NON si vede nulla, la foto rimane troppo piccola ...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quindi anche noi riceviamo contributi statali con le detrazioni fiscali, vero ridicola marketta pisana?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Vai a caga re , Sanchina . Non sai un caz.z.etto di niente figurarsi di editoria . Sparisci Fetecchiona . Il tuo posto è la stalla e le mucche sperando che anche lì tu non crei danni come gli eventi catastrofici ,a cui sei stata recentemente accostata , sanno fare  Puoi dimenarti quanto vuoi , ma il caz.z.etto in Kulo ce lo hai te. Oramai e’ diventata voce di popolo ...!!

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Bellissima, ridicola marketta pisana, quando si inkazza diventa bellissima.

Che rossetto ha usato oggi?

Appena si riprende dimostri quali e quanti  soldi prende il fatto Quotidiano dallo stato.

E subito dopo per confermare quanto dirà ci mostri la monolaurea.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Se te invece di essere una irrecuperabile vai assona oltre che fetecchiona , sapresti che i finanziamenti all’editoria , all’epoca , si dividevano in diretti ed indiretti . Ma siccome “l’adirata” sei te che oramai sei sballottata da dx a manca senza soluzione di continuità , non leggi perché sei solo impegnata ad insultare. E te insulti quando nemmeno ti ca go di striscio . E quindi diventi una monumentale idio ta oltre  a fare ridicole figure di mer da che, purtroppissimo per te , la maggioranza assoluta del forum ha velocemente inquadrato nella tua persona . Vedo che insisti con la laurea . Appena mostrerai il tuo titolo di studio ti prometto che te la invio così il tuo mantra , che ti serve per toglierti dai vari impacci a cui ti sottopongo , si dissolverà nell’etere . Ma te , razza di idio ta , non lo farai mai proprio per questo motivo . Ed ancora , e sempre purtroppissimo per te , anche questo e’ stato recepito ed ora , all’idio  ta , ti stanno appellando pure come imbexxille e sciagura atmosferica. Eh si , proprio una bella reputazione . Ed in tuo soccorso non viene nessuno se si eccettua , ovviamente e per ragioni chiarissime , l’altro campione del forum . Il Cazzaro di Napoli Fosforuccio O’Ge nio !!

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'ho detto prima e lo ripeto ora, quando si arrabbia diventa bellissima, quasi come la sig.ra Giorgia Meloni.

Anche oggi guadagna un altro scatto, passando da 222251 volte idi.ota a 222252 volte idi-ota nel tentativo di evitare di   mostrare la sua monolaurea (che non ha), sapendo benissimo (glielo ho detto io stesso) che non ho conservato la pagella di quinta elementare.

Mentre io dico che non ho più la pagella lei continua a sostenere di averla e di sorridere pensando a  me che spalo le kakke delle giovenche come lei, mentre lei guarda  la monolaurea tenendo stretta stretta la manina di Alessandro.

Mi permetta inoltre di ricordarle che sono migliaia le volte che ha detto che non mi avrebbe più kagato (nemmeno di striscio😊) ed invece è ancora qui, piangente, a lamentarsi per gli scappellotti che le distribuisco giornalmente sulla zucca.

Ridicola marketta pisana, le auguro buon pomeriggio anche se, non sapendo come  dimostrare quanti soldi riceve il Fatto dallo stato, ha preferito mostrare la parte più bella e colorata del suo angelico volto corrucciato. La bocca.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 Non e’ vero che abbia detto che non ti caghero’ più . Ho detto che ti caghero’ quando ho voglia di darti una lezione . Ma te sei la solita bugiarda oramai spernacchiata dalla maggioranza asoluta del forum . Se poi ti crea felicità aumentarmi il numero dell’idio ta fai pure . Potrei farlo pure io nei tuoi confronti . Ma sarebbe pari e patta . Quello che non e’ pari e patta e rappresenta , purtroppissimo per te , un notevole sbilancio negativo per te ,, e’ che sei stata sotterrata da improperi da una folla plaudente . E non c’è manco bisogno di mandarti 🐪, viste le numerose pubblicazioni in cui tanti forumisti ti hanno omaggiato di cotanti “complimenti . Quindi pensa per te ed occupati di chi ti sbertuccia A me non ci devi manco pensare vista l’enorme differenza che si pone tra i due stati . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
44 minuti fa, mark222220 ha scritto:

 Non e’ vero che abbia detto che non ti caghero’ più . Ho detto che ti caghero’ quando ho voglia di darti una lezione . Ma te sei la solita bugiarda oramai spernacchiata dalla maggioranza asoluta del forum . Se poi ti crea felicità aumentarmi il numero dell’idio ta fai pure . Potrei farlo pure io nei tuoi confronti . Ma sarebbe pari e patta . Quello che non e’ pari e patta e rappresenta , purtroppissimo per te , un notevole sbilancio negativo per te ,, e’ che sei stata sotterrata da improperi da una folla plaudente . E non c’è manco bisogno di mandarti 🐪, viste le numerose pubblicazioni in cui tanti forumisti ti hanno omaggiato di cotanti “complimenti . Quindi pensa per te ed occupati di chi ti sbertuccia A me non ci devi manco pensare vista l’enorme differenza che si pone tra i due stati . 

Già nelle prime due righe c'è la bugia ridicola marketta pisana.

Lo ha detto più volte anche se fa finta di non ricordarselo.

Ha detto pure che era lei a bastonare me ed invece era  ed è il contrario.

Continua a dire che c'ha la monolaurea, (come lo diceva pure net00, ricorda); non l'ha mai mostrata lui e non la mostra lei per l'ovvio motivo che non c'è l'ha.

Dice che sono 10 personaggi che mi hanno chiamato idi-ota, ai quali ho sempre risposto per le rime. Dei primi quattro ne ho parlato io e degli altri sei le ho chiesto documentazioni, mai arrivate.

Insomma lei continua a parlare a vanvera e trova grande soddisfazione nel leggere le dispute che sostengo con altri interlocutori,  per il semplice motivo che quando è lei a scontrarsi con me, se ne esce sempre con le ossa ammaccate.

Buon pomeriggio, ridicola boccuccia di rosa pisana, posso sapere il colore del rossetto che oggi ha messo sulle labbra?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora