l'eu ha rovinato l'intero settore

Le sirene dei pescherecci della flotta di Chioggia hanno risuonato più di una volta, questa mattina, tra l’attracco del Mercato Ittico all’ingrosso, da dove sono partiti, e le Fondamenta delle Zattere di Venezia, dove sono arrivati. Un suono forte e deciso come la protesta alla quale hanno partecipato, insieme alle marinerie di tutto l’Alto Adriatico, arrivate anche dall’Emilia Romagna allo slogan di #salviamolapesca. E la pesca italiana, così, questa mattina si è fermata. Ad organizzare lo sciopero l’Alleanza Cooperative Pesca, contro le nuove norme comunitarie che rischiano di portare al collasso un settore da 35mila addetti più indotto e l’invasione delle tavole italiane di pesce straniero senza alcun controllo di qualità e di sicurezza per i consumatori. Due manifestazioni in contemporanea, visto che insieme a Venezia, il resto delle marinerie italiane ha raggiunto Mazara del Vallo dove, in Piazza della Repubblica, hanno raccontato le difficoltà che il settore incontrerebbe se l’Unione Europea non cambiasse idea.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

9 messaggi in questa discussione

Meglio, molto meglio che vadano al collasso i pescatori e le loro reti a strascico che il Mediterraneo. I provvedimenti dell'UE sono all'acqua di rose, servirebbero restrizioni durissime per salvare il nostro mare dall'ingordigia umana e dai disastri inenarrabili del libero mercato. Così come si sono stabiliti limiti alle emissioni di gas serra, è necessario e urgente stabilire limiti ai consumi di carne e di pesce. Quelli dei paesi ricchi andrebbero, come minimo, dimezzati di colpo. Con le proteine vegetali (legumi, etc.) il latte, i latticini e le uova, e una singola porzione di carne (insaccati inclusi) e una di pesce a settimana (al massimo 2 di pesce azzurro), si protegge l'ambiente e si protegge la salute. Inoltre va introdotto al più presto, con incentivi pubblici e pubblicità martellante, il consumo di proteine da insetti, molto più efficienti ed ecologiche da produrre. 

Non c'è niente da fare: il liberismo è quanto di peggio si possa teorizzare o immaginare per governare un pianeta che entro la prima metà  dell'anno prossimo avrà 8 miliardi di bocche da sfamare. Ripeto: non ci sono alternative. O adottiamo al più presto, a livello planetario, un rigido sistema di economia pianificata e ci abituiamo, con le buone o con le cattive, a ridimensionare tutti i consumi (drasticamente noi ricchi occidentali) ma in particolare quelli energetici e quelli alimentari (noi ricchi), o per l'umanità e per il pianeta NON C'È FUTURO.  

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
48 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

va introdotto al più presto, con incentivi pubblici e pubblicità martellante, il consumo di proteine da insetti, molto più efficienti ed ecologiche da produrre.

Fatevi spiegare dallo psichiatra del cialtronissimo peracottaro seriale fosforo31 quante spaghettate agli insetti il cazzaro napoletano si è sgargarozzato negli ultimi mesi.

Successivamente omaggiate il cialtronissimo peracottaro seriale fosforo31 con il più sonoro 

AMBECILLEEEEEEE

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

certamente  una soluzione bisogna trovarla , dare sempre la colpa all'Europa fa comodo ,mangiare insetti non è certo entusiasmante.Ma  nella storia dell'umanità siano la prima generazione che si può permettere di buttare il cibo (cosa impensabile fino a non molti anni fa ) forse bisognerebbe cominciare da questo,anche se abitudini ormai radicate sono difficili da perdere

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
16 minuti fa, hoodrobin0 ha scritto:

certamente  una soluzione bisogna trovarla , dare sempre la colpa all'Europa fa comodo ,mangiare insetti non è certo entusiasmante.Ma  nella storia dell'umanità siano la prima generazione che si può permettere di buttare il cibo (cosa impensabile fino a non molti anni fa ) forse bisognerebbe cominciare da questo,anche se abitudini ormai radicate sono difficili da perdere

Condivido. Il libero mercato si basa sullo spreco. E lo spreco spesso è premeditato allo scopo di tenere alti i prezzi. Come risolvere il problema? È molto semplice. Abolendo il libero mercato. In un'economia pianificata lo Stato dovrebbe determinare, entro un certo margine perché la qualità va premiata, il prezzo al dettaglio e quello all'ingrosso di tutti i generi alimentari essenziali. Dopodiché ai cittadini viene data una carta magnetica ricaricabile da usare per tutti gli acquisti alimentari, essenziali e non. Per ogni singolo o per ogni famiglia sono definiti dei tetti ragionevoli di spesa mensile per i vari generi alimentari e sul consumo totale. Superato, per esempio, il tetto di spesa per la carne o per gli alcolici, o per i dolciumi e le bevande zuccherate, su ogni successivo acquisto di quel tipo viene applicata una pesante sovrattassa. Si otterrebbe il duplice  scopo di evitare gli sprechi e di evitare i consumi eccessivi di cibi poco ecologici e/o poco salutari. 

L'entomofagia è stata, e presso alcuni popoli lo è tuttora, fondamentale nell'alimentazione umana. Nella preistoria, prima dell'introduzione dell'agricoltura e dell'allevamento, ci si nutriva prevalentemente di frutta ed erba selvatica e di insetti. La carne da cacciagione e il pesce erano di solito minoritari nella dieta, perché non era sempre facile procurarseli. I coproliti, cioè gli escrementi fossili pietrificati dei nostri antenati, sono in genere ricchi di insetti digeriti. Soprattutto formiche e coleotteri, ma anche pidocchi, acari e zecche. Ci si spulciava a vicenda, come le scimmie, e ci si nutriva dei parassiti. Cibi naturali, sani e ricchi di proteine. Entro 10 anni al massimo li mangerà pure Sauro24. E non deve fare lo schizzinoso. Anche perché le lucertole sono ghiotte di insetti. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Meglio, molto meglio che vadano al collasso i pescatori e le loro reti a strascico che il Mediterraneo. I provvedimenti dell'UE sono all'acqua di rose, servirebbero restrizioni durissime per salvare il nostro mare dall'ingordigia umana e dai disastri inenarrabili del libero mercato. Così come si sono stabiliti limiti alle emissioni di gas serra, è necessario e urgente stabilire limiti ai consumi di carne e di pesce. Quelli dei paesi ricchi andrebbero, come minimo, dimezzati di colpo. Con le proteine vegetali (legumi, etc.) il latte, i latticini e le uova, e una singola porzione di carne (insaccati inclusi) e una di pesce a settimana (al massimo 2 di pesce azzurro), si protegge l'ambiente e si protegge la salute. Inoltre va introdotto al più presto, con incentivi pubblici e pubblicità martellante, il consumo di proteine da insetti, molto più efficienti ed ecologiche da produrre. 

Non c'è niente da fare: il liberismo è quanto di peggio si possa teorizzare o immaginare per governare un pianeta che entro la prima metà  dell'anno prossimo avrà 8 miliardi di bocche da sfamare. Ripeto: non ci sono alternative. O adottiamo al più presto, a livello planetario, un rigido sistema di economia pianificata e ci abituiamo, con le buone o con le cattive, a ridimensionare tutti i consumi (drasticamente noi ricchi occidentali) ma in particolare quelli energetici e quelli alimentari (noi ricchi), o per l'umanità e per il pianeta NON C'È FUTURO.  

 

Innanzitutto una premessa : solo tentare in una scala di valori di accostare Draghi /Figliuolo  al duo Giuseppi/Arcuri e’ da mentecatti. Il Cazzaro dovrebbe ccendere 10 candele al giorno a San Gennaro  ed a Renzi che ha voluto entrambi per sostituire i pagliacci su esposti. Ma lo sappiamo , il Cazzaro “pende “.  Pende dalle 👄 di Calandrino Travaglio essendo incapace di esprimere una sua idea diversa da quella del pluripregiudicato.  M detto ciò , metto sull’avviso urti idirumisti su cosa capoterebbe loro se alla guida del Paese ci fossero degli idio ti che invece piacciono tanto al Cazzaro . Intanto iniziamo a dire che il Pulcinella Partenopeo e’ un pezzodimmerda .o dimostra quando ad inizio post afferma subito che se i pescatori e chi vive sui prodotti ittici , possono pure andare al macero . A lui non gliene frega un caz.z.o se qualche decina e decina di migliaia di persone che vivono ed operano nel settore , scompaiano dalla faccia della terra . Per lui possono pure suicidasi in massa . Segue una patetica critica all’Ue per i provvedimenti adottati senza però dire che e’ stato fatto il massimo per provvede i milikni di cittadini europei che su questo mercato ci vivono insieme alle loro famiglie . Ha fatto il massimo perché deve pure cautelarsi dalla concorrenza sleale e truffaldina che le viene fatta da tutti quei Paese Orientali  Cina in testa , che diventerebbe la regina del mercato  pur avendo il concetto di stato “liberista” anche se lo mistifica dietro una economia popolare . Distruggerebbe la libera impresa come esiste in tutta Europa e nei Paesi occidentali democratici e vi trasportereste , tuqur , in un regime tipo Maduro con  decine e decine di milioni italiani poveri . Di sicuro con un numero colossale rispetto a quello già oggi esistente .  Cari forumisti , e qui si disvela il vero volto del Pezzodimmerda , non tanto perché vi farebbe mangiare gli spaghetti al coleottero o le tagliatelle ai bachi , ma , addirittura ,lo farebbe pure con le cattive se necessario.  In una stanzìna del carcere fro Popolo dove , sotto tortura , vi farebbe ingurgitare sciami di vespe , cavallette, beci da pesca , calabroni etc etc . E chi continua a rifiutarsi , botte da orbi !!  Segue,  poi , la solita copiaincolkatura dal un sito internet favorevole alla limitazione di carne e pesce . Niente di più facile . Ma detto che personalmente , invece di abituarmi a mangiare vermi probabilmente di Stato pure quelli , lotterei affinché un maggior quantitativo di carne e pesce fosse a disposizione anche di coloro più sfortunati ( e sempre che non vi siano controindicazioni di salute . Non date retta al Cazzaro. Esistono pure tantissime pubblicazioni dove si dice il contrario di quel copiaincolkatu dal Pulcinelka. Non e’ affatto vero che le proteine di natura animale , se consumate in modo giusto e corretto , nuocciono alla salute . Tutt’altro . Ma giare la carne ed il pesce una/due volte alla settimana non solo non e’ nocivo  e’ auspicabile . Ovviamente  alternando carboidrati , farinacei ,  frutta , verdura e latticini .  Io spero e *** affinché un giorno si possa arrivare a questo . Il Cazzaro e quelli come lui pensino alle braciate con i serpenti a sonagli. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Una piccola nota al mio post precedente. Definendo sia il prezzo all'ingrosso che quello al dettaglio dei generi alimentari essenziali (entro un certo margine di variazione in modo da premiare la qualità), lo Stato eviterebbe la speculazione dei grossisti e gli eccessivi profitti dei distributori da un lato, e garantirebbe la giusta remunerazione ai produttori (coltivatori, allevatori, pescatori), che oggi in genere sono sottopagati, dall'altro lato. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
50 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

L'entomofagia è stata, e presso alcuni popoli lo è tuttora, fondamentale nell'alimentazione umana. Nella preistoria, prima dell'introduzione dell'agricoltura e dell'allevamento, ci si nutriva prevalentemente di frutta ed erba selvatica e di insetti. La carne da cacciagione e il pesce erano di solito minoritari nella dieta, perché non era sempre facile procurarseli. I coproliti, cioè gli escrementi fossili pietrificati dei nostri antenati, sono in genere ricchi di insetti digeriti. Soprattutto formiche e coleotteri, ma anche pidocchi, acari e zecche. Ci si spulciava a vicenda, come le scimmie, e ci si nutriva dei parassiti. Cibi naturali, sani e ricchi di proteine.

Il cialtronissimo peracottaro seriale fosforo31 blatera di abolire l'economia di mercato, di instaurare un rigido sistema di economia pianificata, di kodak moment delle banche. Un delirio che solo un team di ottimi psichiatri riuscirebbe a decifrare.

Purtroppissimo per il cialtronissimo peracottaro seriale fosforo31 , dietro al novel food

https://www.labiotech.eu/trends-news/edible-insects-mealworm-approval/

the use of insects in animal feed has already reached the mainstream, with Nestle launching a Swiss version of its Purina pet food in November that included protein from black soldier fly larvae

troviamo Nestlé, che notoriamente è una manifestazione su scala planetaria della Rivoluzione di Ottobre.

Nemmeno a dire che Nestlé

https://www.nestleprofessional.com/news/nestle-expands-novel-food-service-training-program-youth-worldwide

basa sui ggggiovani le campagne di comunicazione che promuovono i propri prodotti. Capito? I gggggiovani sono stati scelti per promuovere brevetti e prodotti di Nestlé.

Vi ricorda qualcosa?

   

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Cosa dicono le norme comunitarie sig Frizz?

Vogliono eliminare le attività ittiche, oppure cercano di evitare lo sfruttamento intensivo dei mari?

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ahaha.ha ha scritto:

Cosa dicono le norme comunitarie sig Frizz?

Vogliono eliminare le attività ittiche, oppure cercano di evitare lo sfruttamento intensivo dei mari?

 

quindi l'europa ha ragione...ovviAMENTE DIMENTICANDO CHE L'ITALIA è UNA PENISOLA...E CHE PRIMNA HA  *** NETE IL DIAMETRO DELLE VONGOLE...POI LE SARDINE PICCOLE....poi la reti,.allagare  i le maglie...continuando_:rigettare  amare il pescato....finito li'?? sul pescato in vietnan...tutto bene..quello si puo' importare  e mangiare (magnatelo te)...anche se puzzolente  e pieno di prodotti inquinanti...l'eu finisce li'?? magari:la curvature delle banae.. e quelle dei cetrioli,.,.l'olio della tunisia non tracciabile,ovviamente,e importato in italia senza tasse!!! i lvino?? ma quando mai  a base alcolica?? meglio bere u nsurrogato..quello buono,francese,e d'annata lo bevono a bruxelles...la lista è ben piu' lunga....cercate te il rimanente.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963