Inizialmente credevo di aver letto male ...

Allora , mi sono aggiustato gli occhiali ed ho riletto !! Urka , e’ proprio vero !!  Sapete dove sarà giocata la finale di calcio della Supercoppa italiana tra Inter e Juventus ??  No, eh ?? Va bene , ve lo dico io : In Arabia !! Non e’ ancora chiaro se a Jeddah  o a Rhiadh , ma in Arabia Saudita .  Si si proprio in quel posto lì !! Quello dove Ben Salman , l’amico intimo del Caudillo , ha fatto uccidere Kashoggi , dove i diritti delle donne sono calpestati , quello dove  gli oppositori al regime vengono uccisi e dati in pasto agli animali etc etc etc . Nessuno sa niente ne sapeva niente . In Italia tutto tace eppure si tratta di una manifestazione di carattere sportivo dove l’interesse e’ solo ed esclusivo per l’Italia . Ah già , ma qui Renzi non c’entra niente e sono sicuro che tra poco sapremo che Salman ha indetto nuove elezioni democratiche , che Kashoggi morì per essere inciampato all’ingresso dell’ambasciata , alle donne arabe sarà vietato di portare il velo e vestirsi di nero ...!! E magari qualcuno ci dirà pure che una cosa sono le singole persone ed una cosa sono le manifestazioni istituzionali . Scusate , vado a farmi 4 risate ...!! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

12 messaggi in questa discussione

Per incentivare il rinascimento mi pare giusto che la partita di Supercoppa venga ospitata dal buon salam, ops scusate, Ben Salman.

Grazie Leopoldino!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mhmhmhmhmhm, cara Sanchina  , ieri per te e’ stata una giornata da dimenticare . Una Waterloo dove hai addirittura avuto la conferma , da parte di qualcuno che ti definì idio ta , il ribadire dello stesso giudizio . Il tuo commento di cui sopra ti pone sulla strada di altre conferme . La prima e’ la mia . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Tranquilla, ridicola boccuccia di rosa, confermo anch'io la sua idi ozia.

Riguardi "rinfreschiamo la memoria" e capirà il grado di idi ozia che ha raggiunto, visto che non riesce a capire nemmeno quello che ha letto ieri. Che sia colpa di Leopoldino? La sfrutta troppo?

A proposito: l'attestato di laurea lo ha poi ritrovato? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Per incentivare il rinascimento mi pare giusto che la partita di Supercoppa venga ospitata dal buon salam, ops scusate, Ben Salman.

Grazie Leopoldino!

Egregio, non sarà la prima ma la terza edizione della Supercoppa Italiana che si giocherà in Arabia Saudita negli ultimi anni. E forse, purtroppo, non sarà nemmeno l'ultima. Ho fatto una veloce ricerca: c'è un contratto tra la Lega Calcio e il regime saudita che prevede che almeno 3 edizioni si giochino in Arabia, ovviamente, immagino, con una lauta sponsorizzazione in petrodollari. Il contratto fu firmato ai primi di giugno 2018. Si era insediato solo da qualche giorno il Conte1, quindi presumo che le trattative con gli arabi fossero state condotte in epoca leopoldina, e la cosa non ci sorprende affatto. Presidente della Lega Calcio era Gaetano Miccichè, fratello del noto politico forzista. Ministro dello Sport di Gentiloni era il turborenziano Luca Lotti. La mia opinione è che lo sport è universale e dovrebbe unire i popoli, ma qui il trofeo si chiama Supercoppa Italiana e non Supercoppa Saudita (3 edizioni, per ora) o Cinese (4 edizioni). Nel 2002 la partita si giocò a casa di un altro tiranno sanguinario, buon amico dell'allora premier Berlusconi, nello stadio di Tripoli. E con ciò la lunga catena del parallelismo quasi perfetto, quasi euclideo tra il "caudillo" di Arcore e quello di Rignano, di cui spesso ho parlato nel forum, si completa con un altro imprevedibile anello. Non avrei nulla in contrario a far giocare all'estero alcune partite della serie A o turni preliminari della Coppa Italia. Naturalmente in paesi che rispettano i diritti umani. Ma mi pare appena ovvio che la finale di Coppa Italia e la Supercoppa Italiana si dovrebbero giocare sempre in Italia. È noto che siamo un popolo esterofilo e lo dimostriamo anche nello sport. I nostri campionati, non solo di calcio, sono pieni zeppi di giocatori e di allenatori stranieri, bravi, medi e scarsi, mentre i nostri club investono sempre meno nei vivai. Abbiamo visto diverse edizioni recenti del Giro d'Italia partire all'estero, anche in Francia, mentre non ho mai visto un Tour de France partito in Italia. Nel Giro del 2018 si corsero addirittura le prime tre tappe in Israele. Anche qui l'accordo fu stipulato in epoca leopoldina (2017). L'evento serviva a celebrare il 70simo anniversario dello Stato di Israele e in second'ordine Gino Bartali, premiato alla memoria dal governo israeliano per avere aiutato alcuni perseguitati ebrei durante la guerra. Ma  pare che ci siano molta retorica e un po' di leggenda intorno a questo episodio, c'è anche chi pensa che sia solo un falso storico. In ogni caso, se il Giro d'Italia si è corso  per 3 tappe in Israele, stato oppressore e terrorista, allora che dire su una Supercoppa Italiana che si gioca per la terza volta in Arabia Saudita, regime oppressivo, sanguinario e finanziatore di terroristi? Si può dire, a voler essere buoni, che siamo un paese poco serio, con politici e dirigenti sportivi che lo sono anche meno. 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Egregio, non sarà la prima ma la terza edizione della Supercoppa Italiana che si giocherà in Arabia Saudita negli ultimi anni. E forse, purtroppo, non sarà nemmeno l'ultima. Ho fatto una veloce ricerca: c'è un contratto tra la Lega Calcio e il regime saudita che prevede che almeno 3 edizioni si giochino in Arabia, ovviamente, immagino, con una lauta sponsorizzazione in petrodollari. Il contratto fu firmato ai primi di giugno 2018. Si era insediato solo da qualche giorno il Conte1, quindi presumo che le trattative con gli arabi fossero state condotte in epoca leopoldina, e la cosa non ci sorprende affatto. Presidente della Lega Calcio era Gaetano Miccichè, fratello del noto politico forzista. Ministro dello Sport di Gentiloni era il turborenziano Luca Lotti. La mia opinione è che lo sport è universale e dovrebbe unire i popoli, ma qui il trofeo si chiama Supercoppa Italiana e non Supercoppa Saudita (3 edizioni, per ora) o Cinese (4 edizioni). Nel 2002 la partita si giocò a casa di un altro tiranno sanguinario, buon amico dell'allora premier Berlusconi, nello stadio di Tripoli. E con ciò la lunga catena del parallelismo quasi perfetto, quasi euclideo tra il "caudillo" di Arcore e quello di Rignano, di cui spesso ho parlato nel forum, si completa con un altro imprevedibile anello. Non avrei nulla in contrario a far giocare all'estero alcune partite della serie A o turni preliminari della Coppa Italia. Naturalmente in paesi che rispettano i diritti umani. Ma mi pare appena ovvio che la finale di Coppa Italia e la Supercoppa Italiana si dovrebbero giocare sempre in Italia. È noto che siamo un popolo esterofilo e lo dimostriamo anche nello sport. I nostri campionati, non solo di calcio, sono pieni zeppi di giocatori e di allenatori stranieri, bravi, medi e scarsi, mentre i nostri club investono sempre meno nei vivai. Abbiamo visto diverse edizioni recenti del Giro d'Italia partire all'estero, anche in Francia, mentre non ho mai visto un Tour de France partito in Italia. Nel Giro del 2018 si corsero addirittura le prime tre tappe in Israele. Anche qui l'accordo fu stipulato in epoca leopoldina (2017). L'evento serviva a celebrare il 70simo anniversario dello Stato di Israele e in second'ordine Gino Bartali, premiato alla memoria dal governo israeliano per avere aiutato alcuni perseguitati ebrei durante la guerra. Ma  pare che ci siano molta retorica e un po' di leggenda intorno a questo episodio, c'è anche chi pensa che sia solo un falso storico. In ogni caso, se il Giro d'Italia si è corso  per 3 tappe in Israele, stato oppressore e terrorista, allora che dire su una Supercoppa Italiana che si gioca per la terza volta in Arabia Saudita, regime oppressivo, sanguinario e finanziatore di terroristi? Si può dire, a voler essere buoni, che siamo un paese poco serio, con politici e dirigenti sportivi che lo sono anche meno. 

Hai capito il Cazzaro ???  In men che non si dica , ha già risolto il caso . Ha istruito il caso , sentito le parti ed infine ha giudicato . Il colpevole e’ nientepopodimeno che ...(si si ...lui : Matteo Renzi). Il suo ragionamento e’ semplice e da grandissima prova di quanto sia enorme il fiuto politico di cui e’ impregnato . Dopo aver scoperto che il Cazzaro e’ un esperto in Letteratura , Economia , Filosofia , Sociologia , Matematica , Lingue straniere , Latino e Greco antico e moderno , Sport ( soprattutto Tennis , Calcio , Sollevamento Pesi , Atletica Leggera e Pesante ) oltre ad essere maestro di Scacchi , oggi ci appare pure come enorme esperto in Criminologia . In giorni 2 e ore 16 , ha stabilito chi e’ il “colpevole “ dell’effettuazione della finale di Supercoppa Calcio che si svolgerà in Arabia Saudita . Eccheccazzo , al Cazzaro non “gli si fa “.  Al suo cospetto , un altro grandissimo della materia , Davigo , scomparirebbe al suo confronto . Il ragionamento del Pulcinella e’ geniale : Siccome Renzi e’ stato in carica come presidente del consiglio fino al  2016 e , successivamente , durante il governo Gentiloni , il ministro dello Sport era Lotti ed essendo quest’ultimo oltre che un amico fraterno di Renzi , oltre a vivere nella stessa città , oltre ad essere clienti dello stesso supermercato , oltre ad essere ambedue tifosi della Fiorentina oltre che a possedere ambedue la maglia di Batistutta , la finale del 2021 in Arabia e’ frutto di una organizzazione manovrata da Renzi e, quelle su esposte , sono le prove schiaccianti . Quindi , secondo il Cazzaro , il reato e’ stato ascritti a Lotti come sicario , ma il mandante e’ stato ...Renzi . Immediatamente , il Panzanaro partenopeo , deposita immediatamente le motivaziini della sentenza che così recitano : Perché  anche se il contratto firmato tra la Lega Calcio, a giugno del 2019, quando Renzi aveva lasciato la carica tre anni prima, Renzi aveva detto a Lotti che così doveva essere . E così , secondo l’autorevole pupillo di Davigo e’ stato. La seduta e’ tolta !!  Ovviamente , sempre secondo il Cazzaro nessuno avrebbe potuto vidimare l’accordo delle 3 finali di Supercoppa in Arabia se non Lotti per colpa di Renzi . A beneficio di ciò , il Cazzaro , fornisce prova di quel che asserisce .  Nonostante che al momento della firma del contratto governasse il M5s insieme alla Lega , nessun esponente  di queste 2 forze avrebbe potuto , dopo soli pochi mesi governo , fare accordi affinché Supercoppa italiana si svolgesse in Arabia . Ecchekazzo !! Qua scompare definitivamente la figura del Commissario Closeau !! Purtroppissimo , però , il tempo c’era e ci sarebbe stato così come c’è stato , perché, al momento della stipula , la persona di governi provvista di delega allo Sport , era il sottosegretario Giorgetti , in quota Lega , e quindi di un partito che governava il Paese insieme al M5S . Il relativo contratto , come tutti i contratti che si rispettano , quando le stipule hanno una durata e quindi una cadenza che si dipana in più anni , e’ sottoposta al controllo dei contraenti che , di anno in anno , valutano la possibilità di proseguire se mantenerlo o meno , aumentare , diminuire o far rimanere intatte le quote  stabilite al momento della stipula . Quello che non si discute,  e quindi non mutano , sono le percentuali , stabilite al momento della stipula contrattuale , se , uno dei due contraenti intende recedere anticipatamente dall’obbligo contrattuale . Nel frattempo , però , le deleghe di Giorgetti passavano nelle mani del ministro Spadafora  del M5S che non risulta abbia messo in pratica nessun accorgimento del genere e che nessuno della sua parte politica si sia stracciato le vesti ed i capelli affinché lo “sconcio”  terminasse . Ovviamente anche il Cazzaro non trovo’ le parole per condannare ne Giorgetti ne Spadafora  perché ambedue soggetti che “sorreggevano” il governo di cui facevano parte gli scappati da casa a 5 stelle . Invece , ed ora sono serio , l’evento  s’inserisce in un percorso di rapido sviluppo e apertura dell’Arabia Saudita allo Sport. Di fatto altre manifestazioni sportive si sono già svolte nei Paesi Arabi e gli  spazi di manovra per un’evoluzione potranno esserci dunque anche sul piano calcistico. Lungi dall’affermare che siamo di fronte ad un Paese che non abbia immense lacune da colmare sul piano dei diritti civili, del rispetto delle donne e delle pari opportunità, ma miope altrettanto non sottolineare i passi in avanti di un Paese in pieno sviluppo sociale, culturale ed economico che il , Cazzaro di Napoli , se avesse anche per un giorno le chiavi del Paese,  spazzerebbe via in un attimo come soli gli idio ti del suo pari sanno fare . 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Gulp.....la ridicola pisana assomiglia sempre di più al sig fosforo. L'insonnia non la fa dormire e allora scrive.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, mark222220 ha scritto:

Hai capito il Cazzaro ???  In men che non si dica , ha già risolto il caso . Ha istruito il caso , sentito le parti ed infine ha giudicato . Il colpevole e’ nientepopodimeno che ...(si si ...lui : Matteo Renzi). Il suo ragionamento e’ semplice e da grandissima prova di quanto sia enorme il fiuto politico di cui e’ impregnato . Dopo aver scoperto che il Cazzaro e’ un esperto in Letteratura , Economia , Filosofia , Sociologia , Matematica , Lingue straniere , Latino e Greco antico e moderno , Sport ( soprattutto Tennis , Calcio , Sollevamento Pesi , Atletica Leggera e Pesante ) oltre ad essere maestro di Scacchi , oggi ci appare pure come enorme esperto in Criminologia . In giorni 2 e ore 16 , ha stabilito chi e’ il “colpevole “ dell’effettuazione della finale di Supercoppa Calcio che si svolgerà in Arabia Saudita . Eccheccazzo , al Cazzaro non “gli si fa “.  Al suo cospetto , un altro grandissimo della materia , Davigo , scomparirebbe al suo confronto . Il ragionamento del Pulcinella e’ geniale : Siccome Renzi e’ stato in carica come presidente del consiglio fino al  2016 e , successivamente , durante il governo Gentiloni , il ministro dello Sport era Lotti ed essendo quest’ultimo oltre che un amico fraterno di Renzi , oltre a vivere nella stessa città , oltre ad essere clienti dello stesso supermercato , oltre ad essere ambedue tifosi della Fiorentina oltre che a possedere ambedue la maglia di Batistutta , la finale del 2021 in Arabia e’ frutto di una organizzazione manovrata da Renzi e, quelle su esposte , sono le prove schiaccianti . Quindi , secondo il Cazzaro , il reato e’ stato ascritti a Lotti come sicario , ma il mandante e’ stato ...Renzi . Immediatamente , il Panzanaro partenopeo , deposita immediatamente le motivaziini della sentenza che così recitano : Perché  anche se il contratto firmato tra la Lega Calcio, a giugno del 2019, quando Renzi aveva lasciato la carica tre anni prima, Renzi aveva detto a Lotti che così doveva essere . E così , secondo l’autorevole pupillo di Davigo e’ stato. La seduta e’ tolta !!  Ovviamente , sempre secondo il Cazzaro nessuno avrebbe potuto vidimare l’accordo delle 3 finali di Supercoppa in Arabia se non Lotti per colpa di Renzi . A beneficio di ciò , il Cazzaro , fornisce prova di quel che asserisce .  Nonostante che al momento della firma del contratto governasse il M5s insieme alla Lega , nessun esponente  di queste 2 forze avrebbe potuto , dopo soli pochi mesi governo , fare accordi affinché Supercoppa italiana si svolgesse in Arabia . Ecchekazzo !! Qua scompare definitivamente la figura del Commissario Closeau !! Purtroppissimo , però , il tempo c’era e ci sarebbe stato così come c’è stato , perché, al momento della stipula , la persona di governi provvista di delega allo Sport , era il sottosegretario Giorgetti , in quota Lega , e quindi di un partito che governava il Paese insieme al M5S . Il relativo contratto , come tutti i contratti che si rispettano , quando le stipule hanno una durata e quindi una cadenza che si dipana in più anni , e’ sottoposta al controllo dei contraenti che , di anno in anno , valutano la possibilità di proseguire se mantenerlo o meno , aumentare , diminuire o far rimanere intatte le quote  stabilite al momento della stipula . Quello che non si discute,  e quindi non mutano , sono le percentuali , stabilite al momento della stipula contrattuale , se , uno dei due contraenti intende recedere anticipatamente dall’obbligo contrattuale . Nel frattempo , però , le deleghe di Giorgetti passavano nelle mani del ministro Spadafora  del M5S che non risulta abbia messo in pratica nessun accorgimento del genere e che nessuno della sua parte politica si sia stracciato le vesti ed i capelli affinché lo “sconcio”  terminasse . Ovviamente anche il Cazzaro non trovo’ le parole per condannare ne Giorgetti ne Spadafora  perché ambedue soggetti che “sorreggevano” il governo di cui facevano parte gli scappati da casa a 5 stelle . Invece , ed ora sono serio , l’evento  s’inserisce in un percorso di rapido sviluppo e apertura dell’Arabia Saudita allo Sport. Di fatto altre manifestazioni sportive si sono già svolte nei Paesi Arabi e gli  spazi di manovra per un’evoluzione potranno esserci dunque anche sul piano calcistico. Lungi dall’affermare che siamo di fronte ad un Paese che non abbia immense lacune da colmare sul piano dei diritti civili, del rispetto delle donne e delle pari opportunità, ma miope altrettanto non sottolineare i passi in avanti di un Paese in pieno sviluppo sociale, culturale ed economico che il , Cazzaro di Napoli , se avesse anche per un giorno le chiavi del Paese,  spazzerebbe via in un attimo come soli gli idio ti del suo pari sanno fare . 

 

E.C.  Giugno 2018 e non Giugno 1019

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ohibò, il cazzaro pisano finalmente si accorge che non si parla dei primi di giugno 2019 ma dei primi di giugno 2018, anche se, perennemente in confusione, retrodata al medioevo (giugno 1019) il contratto Lega calcio - Arabia Saudita. Per l'esattezza siamo al 5 giugno 2018, il giorno stesso in cui il governo Conte 1 otteneva la fiducia al Senato, il giorno dopo l'avrebbe ottenuta alla Camera.

https://www.gazzetta.it/Calcio/05-06-2018/supercoppa-juve-milan-si-gioca-arabia-saudita-gennaio-270666249857.shtml

Le trattative con gli arabi erano in corso da tempo, quindi è chiaro che Conte, il M5S, Giorgetti, etc., non c'entrano nulla con quell'affare se non nella fantasia bacata del pisano. C'entrano, invece, il governo Gentiloni (quello che Crozza imitava come il prestanome anzi il burattino di un predecessore) e il ministro dello Sport Lotti. Ma abbiamo il vago sospetto che gli eccellenti rapporti personali tra un noto pinocchio di Rignano e il regime saudita abbiano giocato un ruolo. Anche l'allora presidente della Lega Calcio Micciché fu eletto governante Gentiloni. Per concludere, rinfreschiamo la idee al falsario sul regime saudita:

https://www.amnesty.it/dieci-cose-da-sapere-arabia-saudita/

Dopo una Supercoppa Italiana giocata a casa del colonnello Gheddafi e tre a casa del satrapo Bin Salman, uno che andrebbe preso per li orecchie e portato davanti a un Tribunale internazionale invece di essere adulato da un politucolo italiano, ci manca solo che andiamo a giocarla in Corea del Nord. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ripeto Cazzaro ,  non fare il furbastro con me . Quindi , siccome Conte ed il suo governo non c’entrano nulla per colpa del tempo ( eravamo nel 2018, nda ), c’entra Renzi che era dal 2016 che non era più pdc. Fai una cosa Cazzaro : Metti le mani nella porcilaia e dopo accarezzati le guance .   
P.S. Rammento che la partita di Supercoppa italiana , si svolse a Jedda (Arabia Sauduta )Il 27/12 2018. Il governo dell’avvocaticchio Conte , ebbe quindi 8 mesi di tempo per liberarsi dallo sconcio provocato dall’altro Matteo solo se lo avesse voluto . Ma , purtroppissimo per il Cazzaro , il dono della Divina Provvidenza , insieme agli scappati da casa , non mossero una foglia.               
P.S.  Quando ti deciderai ad informare il forum per chiedere scusa di non aver mantenuto il giuramenti che non avresti più letto . Ma la tua famiglia, come ti ha educato ?? Che principi ti ha dato ?? Ti ha spiegato cosa vuol dire essere intellettualmente onesti ?? Mi sa di No !! Ancora a distanza di 4 anni sei uno spergiuro  meritevole di sputi in faccia. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Suvvia ridicola pisana, la smetta con questa storia che il sig fosforo legge le sue epistole      idi ote, nonostante avesse promesso di non leggerle più.

Anche lei ha promesso una infinita' di volte che non mi avrebbe più kagato ed invece  viene un giorno sì e l'altro pure a visitare il mio sito.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Ohibò, il cazzaro pisano finalmente si accorge che non si parla dei primi di giugno 2019 ma dei primi di giugno 2018, anche se, perennemente in confusione, retrodata al medioevo (giugno 1019) il contratto Lega calcio - Arabia Saudita. Per l'esattezza siamo al 5 giugno 2018, il giorno stesso in cui il governo Conte 1 otteneva la fiducia al Senato, il giorno dopo l'avrebbe ottenuta alla Camera.

https://www.gazzetta.it/Calcio/05-06-2018/supercoppa-juve-milan-si-gioca-arabia-saudita-gennaio-270666249857.shtml

Le trattative con gli arabi erano in corso da tempo, quindi è chiaro che Conte, il M5S, Giorgetti, etc., non c'entrano nulla con quell'affare se non nella fantasia bacata del pisano. C'entrano, invece, il governo Gentiloni (quello che Crozza imitava come il prestanome anzi il burattino di un predecessore) e il ministro dello Sport Lotti. Ma abbiamo il vago sospetto che gli eccellenti rapporti personali tra un noto pinocchio di Rignano e il regime saudita abbiano giocato un ruolo. Anche l'allora presidente della Lega Calcio Micciché fu eletto governante Gentiloni. Per concludere, rinfreschiamo la idee al falsario sul regime saudita:

https://www.amnesty.it/dieci-cose-da-sapere-arabia-saudita/

Dopo una Supercoppa Italiana giocata a casa del colonnello Gheddafi e tre a casa del satrapo Bin Salman, uno che andrebbe preso per li orecchie e portato davanti a un Tribunale internazionale invece di essere adulato da un politucolo italiano, ci manca solo che andiamo a giocarla in Corea del Nord. 

Il Cazzaro non c’è la fa proprio a non dare l’impressione di essere un impostore . Allora lo dico chiaro e forte :” Il Cazzaro e’ un impostore !! E nemmeno tra i più piccoli “ nel mese di giugno 2018 la Federazione Italiana Gioco Calcio nelle persone che hanno un ruolo dirigenziale al proprio interno e i rappresentanti della Lega Calcio di serie A , informano il Governo , nella persona di Giorgetti , ministro del governo M5s e Lega , che e’ loro intenzione far disputare la finale della Supercoppa Italiana , in un Paese diverso dall’Italia . La motivazione e’ di carattere economico e pure sociale in quanto il Campionato italiano e’ pieno e famoso per avere al proprio interno fior fiore di campioni che , con la loro presenza diventano un motivo di straordinario veicolo di sviluppo in quei Paesi dove il calcio , per vari motivi , non ha ancora preso piede come invece succede in quasi tutti i Paesi Europei . Comunicano al delegato governativo Giorgetti , che il Paese che organizzerà l’evento sarà quello che tramite offerta pubblica sarà il più remunerativo tra quelli che avranno partecipato alla selezione . Giorgetti prende atto della situazione , non ha niente in contrario sennò avrebbe fatto sul momento le sue , ma , ovviamente siccome rappresenta il Governo Italiano ( Lega + M5s) , avendo le deleghe del dicastero dello Sport , non solo e’ plausibile che tutto il governo sia a conoscenza del fatto , direi che lo e’ senza il beneficio di un qualsiasi minimo dubbio . Partono quindi gli inviti a tutte quelle Federazioni calcistiche mondiali annoverate e plausibilmente annoverate tra quelle indicate per organizzare la partita . A fine novembre arrivano allaFIGC le buste contenenti le varie offerte . Alla presenza dei massimi rappresentanti della Federazione , di quelli della Lega Calcio serie A e del CONI , oltre naturalmente al delegato governativo dello Sport , si procede alla loro apertura La migliore offerta e’ quella dell’Arabia Saudita . 48 ore dopo la FIGC comunica ufficialmente che la partita Milan - Juventus , si svolgerà a Jeddah seconda vitta arabo saudita per importanza . Il governo Lega - M5s , così come fece nel giugno , niente ha che ridire ed accetta , pur potendo intervenire ed eventualmente annullare l’evento . Pone solo una condizione : che all’interno dello stadio sia assicurata pure una presenza di pubblico femminile . Il Governo Saudita accetta la condizione e L’evento si consuma e la partita si svolge regolarmente .  Ora faccio una domanda a tutti coloro ai quali il cervello , ma soprattutto a coloro che non lo hanno pieno di pregiudizi verso chi , magari senza condividerlo politicamente , non e’ ossessionato fino al parossismo dell’altro Matteo.  Cosa c’entra Renzi , cosa c’entra Lotti , cosa c’entrano i poteri forti in tuttocio’ ?? Siamo di fronte ad un racconto che assume la stessa forma demenziale di come quella , che sempre il Cazzaro mise in scena , quando fece un post , dove , senza nemmeno rendersi conto del livello di ridicolo raggiunto, affermò che i proiettili che Renzi aveva ricevuto non erano che quelli che lui stesso si era spedito . La ricostruzione fatta e’ visibile sul sito del CONI nazionale di cui , sarà bene ed opportuno ricordare , che il proprio Presidente fa parte dei 10 membri più rappresentativi del CIO. Questo era , questo e’ e questo rimarrà a prescindere da Cazzari napoletani e non e da Sanchine venete , trivenete e non !!  

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963