Leopoldino trema

Ieri, nel corso della bellissima trasmissione sul 9 curata dalla redazione del Fatto (Accordi & disaccordi), Marco Travaglio ha fatto un brevissimo cenno alla sua ultima fatica. Uscirà a fine mese un nuovo libro, al quale dice di avere lavorato giorno e notte nelle ultime settimane. Naturalmente ogni opera del più grande giornalista italiano è attesa con ansia dai suoi tanti e affezionati lettori, incluso il sottoscritto, e con apprensione da un numero forse perfino più grande di persone: tutti i potentati del Belpaese che hanno almeno uno scheletro nell'armadio. L'autore è rimasto sul vago, non ha anticipato nulla, ha solo detto che il libro conterrà "interessanti novità". Possiamo immaginare che sarà uno scritto acuminato e solidamente fondato come nel miglior giornalismo d'inchiesta anglosassone, cui Marco da sempre si ispira. Ma quale sarà il tema del libro? In quel momento della trasmissione, quando è arrivato l'annuncio un po' a sorpresa, si parlava di Giuseppe Conte e della caduta del suo governo. In precedenza si era accennato anche al fantozziano incontro tra un ex presidente del Consiglio e un goffo agente segreto, appartati in un autogrill a scambiarsi "biscotti", ma filmati da una cittadina che responsabilmente si sarà chiesta cosa avesse da nascondere al popolo sovrano chi è invece chiamato solo a servirlo in lealtà e trasparenza. Credo che tanto basti affinché, da qui a fine mese, qualcuno sulla sponda dell'Arno non dormirà sonni tranquilli. 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

10 messaggi in questa discussione

Brrrr che paura !! Renzi appena saputa la notizia che “ il migliore giornalista italiano “ ( a proposito , dove posso leggere quel giudizio ?? E’ il tuo ?? Lo ha pubblicato un altro giornalista del Falso Quotidyano ? , Infosannio ) non dorme più la notte . Nel frattempo apprendiamo che siamo nel “vago “ , che la notizia e’ stata comunicata sulla 9 che ha uno share dello 0,4% ( a proposito Cazzaro , dove sono andati a finire i tuoi “gustosi “ commenti quando lo share di Renzi era del 3,5% ??Mhmhmhmhm, Cazzaro , mi sa che te fai parte di qui 1.432 idio ti che la guardano e , di sicuro , comprerai 5/6 copie del libretto di Calandrino per aumentarne il volume di vendita , nda). Guarda Pulcinella , te lo dico subito : io a differenza tua , non so cosa scriverà Calandrino nel libro . Ma , visto che  te, con “Marco “  hai un rapporto personale e quasi familiare , prova a consigliarlo bene di quel che scriverà nel libro . Al momento vedo molti “se, “sembra” e si “dice”. Ecco , non vorrei che poi torni a parlare di attacco alla libertà di stampa perché qualche giudice gli affibbi qualche altra decina di migliaia di euro , oltre a quei 220.000 che già , Calandrino ( miglior giornalista italiano , ahahahahah, nonché pregiudicato con 12 condanne definitive in saccoccia , ha già pagato ai Renzi ).                                                               P.S. Cazzaro svejate !! Calandrino scrive i libri perché sa benissimo che ci sono tanti co@lioni come te che li comprano e che , di fatto , pagano ai Renzi le somme che un giudice , in nome del Popolo Italiano , gli ha comminato per Calunnia e Diffamazione . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi perdoni ridicola bocca di rosa pisana, vedo che è molto informato sulle vittorie dei Renzi, mi può dire anche quante ne hanno vinte e quante ne hanno perse?

Per completare le *** mi può anche dire quante vittorie ha ottenuto il Querelatore di Rignano ( noto intasatore di tribunali) contro Calandrino fino ad ora?

Ossequi al marito Alessandro.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Se tu fossi un momentino più attenta e non ti lasciassi prendere dalla tua piacevole fobia “ di essere da me percossa sul Kuletto , tu saresti accorta che io ho parlato di Famiglia Renzi . Invece la tua cattiva abitudine di stare sempre a bocca aperta ti ha fatto emettere la solita decorazione di Kakka. Comunque le rispondo lo stesso : con Renzi Mattei nessuno vinta . Ma nemmeno nessuna persa . Il motivo e’ semplice : non ne sono ancora andate a sentenza nemmeno una . Aspetteremo e poi faremo un consuntivo . Per una , per intendersi quella intentata da Matteo Renzi in relazione alla Findazione Open , riterrei che le cose non si mettono bene per Calandra visto che un pubblico Ministero ha già sentenziato che il sequestro sulla Fondazione Open fu invasivo e sproporzionato oltre che “onnivoro e invasivo . Cucù il Cazzaro .... non c’è più ?!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, mark222220 ha scritto:

Se tu fossi un momentino più attenta e non ti lasciassi prendere dalla tua piacevole fobia “ di essere da me percossa sul Kuletto , tu saresti accorta che io ho parlato di Famiglia Renzi . Invece la tua cattiva abitudine di stare sempre a bocca aperta ti ha fatto emettere la solita decorazione di Kakka. Comunque le rispondo lo stesso : con Renzi Mattei nessuno vinta . Ma nemmeno nessuna persa . Il motivo e’ semplice : non ne sono ancora andate a sentenza nemmeno una . Aspetteremo e poi faremo un consuntivo . Per una , per intendersi quella intentata da Matteo Renzi in relazione alla Findazione Open , riterrei che le cose non si mettono bene per Calandra visto che un pubblico Ministero ha già sentenziato che il sequestro sulla Fondazione Open fu invasivo e sproporzionato oltre che “onnivoro e invasivo . Cucù il Cazzaro .... non c’è più ?!

Se lei fosse un momentino più attenta e non si lasciasse prendere dalla sua spiacevole i diozia , si sarebbe  accorta che io ho parlato "dei Renzi", e quando nomino "i Renzi", se lei non fosse idi ota patentata, saprebbe che da un paio  d'anni  "il Renzi Matteo" io lo chiamo Leopoldino, invece la sua cattiva abitudine di ragionare con il Q.lo le ha fatto scrivere le solite kagate idi ote.

Modificato da ahaha.ha

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sapevo che l'ultimo libro di Marco Travaglio doveva uscire domani 29 maggio, ma mia moglie mi ha detto di averlo già visto stamane in molte vetrine. L'attesa del pubblico era spasmodica e i librai non hanno resistito.

In questo video l'autore lo presenta come un "giallo politico" sui 4 tentativi - 3 falliti, uno riuscito - di fare fuori Conte e sostituirlo con Draghi.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/05/28/i-segreti-del-conticidio-il-nuovo-libro-di-marco-travaglio-un-giallo-politico-sui-4-tentativi-per-far-fuori-lex-premier-tre-falliti-uno-riuscito/6213213/

Marco dice di essersi ispirato nientemeno che ad Agatha Christie e al suo più famoso giallo. Conoscendo l'obiettività, la scrupolosità e la bravura di Travaglio, sia come giornalista che come scrittore, e l'importanza di un argomento "di bruciante attualità" benché i giornaloni provino da mesi a mettergli la sordina  (si parla della congiura di potere contro il politico tuttora più popolare d'Italia), prevedo che nei prossimi giorni, settimane, mesi si parlerà molto di questo libro. E prevedo che sarà un libro scomodo. Scomodo per il potere e per il sistema, molto scomodo per qualcheduno in particolare.

Ovviamente, come per ogni giallo che si rispetti, la domanda è: chi è l'assassino? Travaglio non ce lo dice ma ci mette bene sulla strada:

È vero. Non c'è stato un complotto per rovesciare Giuseppe Conte: ce ne sono stati almeno quattro in tre anni. Quattro tentativi di Conticidio: tre falliti, il quarto riuscito. Come nell'Assassinio sull'Orient Express. Una sola vittima pugnalata da molti sicari con tanti mandanti e altrettanti moventi, tutti legati ai 209 miliardi del Recovery Fund. Con un'arma tutta nuova: la carta stampata. E un killer finale: il maggiordomo. 

https://www.ibs.it/segreti-del-conticidio-golpe-buono-libro-marco-travaglio/e/9788831431408

Già, il maggiordomo... Ma per saperne di più e per capire il presente conoscendo la verità sul passato, domani tutti in edicola o in libreria:

Marco Travaglio

I segreti del Conticidio. Il "golpe buono" e il "governo dei migliori". 

Ed. Paperfirst

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Domani mattina di corsa dallo psichiatra, altro che  edicola.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il più grande giornalista italiano. :| Pensavo intendesse il più alto, ma anche in questo caso non ci siamo, poco più che un nano,  quindi non si tratta di diotrie ma di i-diozie.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il maggiordomo secondo me è l'innominabile.😊😊

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
18 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Il maggiordomo secondo me è l'innominabile.😊😊

Sì, Marco lo ha confermato stasera dalla Gruber. E ha aggiunto che l'attributo "innominabile" ormai è pleonastico perché, una volta eseguito l'assassinio politico per conto dei suoi mandanti, oggi nessuno lo considera più e nessuno lo nomina più. Ha anche risposto bene al patetico De Angelis (noto odiatore di Conte) che lo accusava di avere attaccato nel libro il presidente della Repubblica. Marco ha semplicemente detto la verità, e cioè che Mattarella ricattò politicamente il parlamento mettendolo in sostanza di fronte a un aut aut: o vi mettete d'accordo su Draghi o si vota (per un parlamento con 345 poltrone in meno). Però non fece la stessa cosa per Conte. Se l'avesse fatta, nota Travaglio, Conte non avrebbe trovato 5 "responsabili" ma 50. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Finito di leggere, quasi tutto d'un fiato, il magnifico e illuminante libro di Alessandro Di Battista CONTRO (il governo dei peggiori), ho attaccato subito con l'ultimo di Travaglio. In questo caso penso che mi ci vorranno una o due settimane perché sono 496 pagine dense più 10 di prefazione e di introduzione. Nello stile meticoloso del migliore allievo di Montanelli, che, anche quando scrive un instant book, non trascura nessun dettaglio e approfondisce tutto. Ben diversamente da Scanzi, i cui libri, pur godibilissimi e sferzanti, hanno a mio avviso un grosso difetto, che ho anche segnalato all'autore: un testo estremamente diluito e dunque uno spreco di carta. Per esempio l'ultimo, Demolition man, un esilarante collage di lampi satirici sullo sfascista di Rignano, ha 270 pagine ma con l'impaginazione di Travaglio potevano essere 50. Andrea è certamente un ecologista ma, a differenza di Marco che è uno stakanovista e scrive giorno e notte, ama godersi la vita, le sue Triumph, le sue Harley e i suoi Pink Floyd. Gli ho scritto che dovrebbe impegnarsi di più perché ha una penna pungente ma anche di qualità. Tornando al libro di Marco sul Conticidio, il godimento è iniziato subito, con la magistrale prefazione di Barbara Spinelli. Un ricamo di 5 pagine che vale da solo il prezzo del libro. E che ha rafforzato in me una profondissima convinzione: il prossimo presidente della Repubblica DEVE essere una donna e questa donna deve essere Barbara Spinelli. Voglio qui riportarne uno stralcio perché è il migliore e il più preciso ritratto che abbia mai letto di quello che Travaglio, nella sua metafora del libro giallo in cui non è difficile individuare l'assassino (cioè il "conticida"), definisce "il maggiordomo".

Renzi ama descrivere se stesso come un politico massimamente astuto, adepto di Machiavelli, inventore di inattese "mosse del cavallo". In realtà non è affatto un politico e il suo modo di agire non ha nulla a che vedere con Machiavelli. È invece una persona molto interessata ad accumulare ricchezze e a moltiplicarne le fonti (in Italia e fuori), che usa l'etichetta del politico machiavellico per meglio dissimularsi in vista di altre proficue carriere. Niente di quello che dice o che fa durerà più di una giornata: né la parola data né le lealtà né i ragionamenti. C'è un termine tedesco molto adatto per lui (non per Machiavelli): "hochstapler" è chi inganna l'interlocutore fingendo la propria appartenenza a una superiore élite sociale. Non si sa bene per conto di chi reciti questa parte, ma di una cosa si può essere relativamente certi: parla in nome di interessi non politici, di fatto è un lobbista egli stesso. È la persona a cui è proprio meglio non affidare la famosa bicicletta perché te la ripari. 

Della grande arte! Poche pennellate, un ritratto perfetto. 

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963