il ragazzino no mask è ancora rinchiuso in manicomio!!

Sentite cosa dice Armando Siri, Lega, che è andato a trovare il ragazzo rinchiuso in ‘manicomio’ per avere rifiutato l’uso della mascherina a scuola:

https://it-it.facebook.com/ArmandoSiri/videos/310439967155707/

E’ “un ragazzino, timido e gentile”, dice Siri. “Non costituiva un pericolo per gli altri, mai avuto gesti di violenza: ha solo protestato”.e nessuno protesta..nessuna fiaccolata..nessuna presa di posizione per  chi ha firmato una simile ordinanza!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

12 messaggi in questa discussione

1 minuto fa, director12 ha scritto:

Sentite cosa dice Armando Siri, Lega, che è andato a trovare il ragazzo rinchiuso in ‘manicomio’ per avere rifiutato l’uso della mascherina a scuola:

https://it-it.facebook.com/ArmandoSiri/videos/310439967155707/

E’ “un ragazzino, timido e gentile”, dice Siri. “Non costituiva un pericolo per gli altri, mai avuto gesti di violenza: ha solo protestato”.e nessuno protesta..nessuna fiaccolata..nessuna presa di posizione per  chi ha firmato una simile ordinanza!!

mentre gli - scarabocchiati - che cantano ed urlano dai - sinistri - palchi sono liberi di partecipare ai programmi televisivi

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, dune-buggi ha scritto:

mentre gli - scarabocchiati - che cantano ed urlano dai - sinistri - palchi sono liberi di partecipare ai programmi televisivi

Ripeto ancora una volta : i cosiddetti togati dovrebbero seguire lo stesso iter dei  piloti di aerei , periodicamente verificare la loro salute mentale !!

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, mariellasikelia ha scritto:

Ripeto ancora una volta : i cosiddetti togati dovrebbero seguire lo stesso iter dei  piloti di aerei , periodicamente verificare la loro salute mentale !!

i piloti degli aerei ripetono sempre due volte sia le istruzioni ricevute dalla torre di controllo e sia le proprie intenzione di volo. Questo per evitare che "disturbi" atmosferici esterni possa fraintendere le necessità del volo sicuro.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
27 minuti fa, dune-buggi ha scritto:

i piloti degli aerei ripetono sempre due volte sia le istruzioni ricevute dalla torre di controllo e sia le proprie intenzione di volo. Questo per evitare che "disturbi" atmosferici esterni possa fraintendere le necessità del volo sicuro.

Ma oltre o prima di quanto dici anche e soprattutto quanto segue !!

26 mar 2015 — Quel sogno di diventare pilota professionista era riuscito ad ... Spuntano indiscrezioni in merito al fatto che in passato avrebbe sofferto di depressione. ... superato tutti i test medici e psicologici ed era adatto al volo al cento per cento. ... Aerospaziale dell'Aeronautica, deputati ai monitoraggi sui piloti civili, ...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, mariellasikelia ha scritto:

Ripeto ancora una volta : i cosiddetti togati dovrebbero seguire lo stesso iter dei  piloti di aerei , periodicamente verificare la loro salute mentale !!

aggiungo:se sbagliano,.devono pagare  di tasca propria!! l'unico problema:chi giudica  un giudice??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Da il resto del Carlino

 

Tso studente mascherina Fano, a Muraglia spuntano i no mask

 

Il caso del 18enne di Fano ora sarà vagliato anche dalla procura, cui sono stati trasmessi gli atti. Intanto gruppetti di manifestanti si sono ritrovati sotto l’ospedale: identificati dalla polizia.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Da tgcom24

Si è rifiutato di indossare la mascherina in classe. Per impedire che lo portassero con la forza fuori dall'aula, si è pure incatenato al banco. A quel punto la preside dell'istituto Olivetti di Fano ha chiamato il 118. E' arrivata anche la polizia e dopo almeno due ore di trattative il ragazzo, 18 anni, è stato caricato in ambulanza e portato in ospedale. Ora è ricoverato in psichiatria. Compagni e insegnanti sotto shock protestano: "Sobillato da un 50enne no mask".

 

in psichiatria. Il ragazzo ha una buona condotta in classe e un buon rendimento, ma sarebbe stato suggestionato da un 50enne, suo amico, che lo avrebbe convinto a procedere con azioni di protesta contro la mascherina. Anche i genitori, subito avvertiti, non hanno potuto fare nulla per evitare il Tso.

 

"Devo dire la verità, io lo seguo da un anno – dice al Resto del Carlino uno degli insegnanti – e si è sempre comportato bene con i compagni di classe che fra l’altro gli vogliono bene. Mai un atteggiamento aggressivo anche se parlava sempre in terza persona. Anzi un giovane che dà soddisfazioni perché ha sempre approfondito quello che si era spiegato in classe".

A suscitare sgomento nella cittadina sull'Adriatico è la presenza di un manipolatore adulto che avrebbe condizionato pensieri e azioni del ragazzo in chiave anti Covid. 

"Mi dicono che devo restare qui una settimana" - diceva calmo al cellulare il ragazzo. L'eco di quanto accaduto durerà più a lungo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
23 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Da tgcom24

Si è rifiutato di indossare la mascherina in classe. Per impedire che lo portassero con la forza fuori dall'aula, si è pure incatenato al banco. A quel punto la preside dell'istituto Olivetti di Fano ha chiamato il 118. E' arrivata anche la polizia e dopo almeno due ore di trattative il ragazzo, 18 anni, è stato caricato in ambulanza e portato in ospedale. Ora è ricoverato in psichiatria. Compagni e insegnanti sotto shock protestano: "Sobillato da un 50enne no mask".

 

e qunsdi?' chi ha firmato i ltso?? il sindaco è sceso in campo? perchè non ha messo dentro l'adulto?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Chi dispone il TSO

Il  Trattamento Sanitario Obbligatorio è disposto con provvedimento del Sindaco, nella sua qualità di autorità sanitaria, del Comune di residenza o del Comune dove la persona si trova momentaneamente.

Egli emana l’ordinanza di TSO solo in presenza di due certificazioni mediche che attestino che:

  1. la persona si trova in una situazione di alterazione tale da necessitare urgenti interventi terapeutici;
  2. gli interventi proposti vengono rifiutati;
  3. non è possibile adottare tempestive e idonee misure extraospedaliere.

Tutte e tre le condizioni devono essere presenti contemporaneamente e devono essere certificate da un primo medico, che può essere il medico di famiglia, ma anche un qualsiasi altro medico e convalidate da un secondo medico che deve appartenere alla struttura pubblica (generalmente uno psichiatra della ASL).

La legge non prevede che i due medici debbano essere psichiatri.

Le certificazioni oltre a contenere l’attestazione delle condizioni suddette che giustificano la proposta di TSO, devono motivare la situazione concreta: non devono limitarsi a enunciare le tre condizioni né si devono usare prestampati; in pratica la proposta di TSO deve essere (anche se in breve) motivata.

Ricevute le certificazioni mediche, il Sindaco ha 48 ore per disporre, tramite un’ordinanza, il TSO facendo accompagnare la persona dai vigili e dai sanitari presso un reparto psichiatrico di diagnosi e cura.

In un primo momento la persona viene invitata a seguire vigili e sanitari nel reparto ospedaliero, se si rifiuta viene prelevata con la forza, messa in ambulanza e trasferita al reparto ospedaliero. In teoria la legge fornisce il diritto alla persona di scegliere il reparto dove essere ricoverato.

Nessuno può essere trattenuto contro la sua volontà presso strutture sanitarie o nei reparti psichiatrici di diagnosi e cura a meno che non sia soggetto ad un  provvedimento di TSO.

Il Sindaco ha poi l’obbligo di inviare l’ordinanza di TSO al Giudice Tutelare (entro 48 ore successive al ricovero) per la convalida e il Giudice convalida il provvedimento entro le 48 ore successive (legge 180, art. 3 comma secondo).

Qualora manchi la convalida il TSO decade automaticamente. Il Giudice Tutelare può però anche non convalidare il provvedimento annullandolo.

Quasi mai, specialmente nelle grandi città, l’ordinanza del TSO risulta firmata dal sindaco; di solito vi è un Ufficio preposto allo svolgimento della procedura del TSO e un assessore delegato (l’assessore alla sanità; in sua assenza uno qualunque gli altri assessori), che si limita a firmare l’ordinanza.

Il TSO ha per legge la durata di 7 giorni.

Al termine dei 7 giorni, qualora non sia stata presentata dallo psichiatra del servizio una richiesta di prolungamento, il trattamento termina e lo psichiatra, non per forza lo stesso che ha proposto e convalidato il TSO, è tenuto a comunicare al Sindaco la cessazione delle condizioni richieste per l’internamento.

Il Sindaco a sua volta lo comunica al Giudice Tutelare.

Da CCDU.org.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Chi dispone il TSO

Il  Trattamento Sanitario Obbligatorio è disposto con provvedimento del Sindaco, nella sua qualità di autorità sanitaria, del Comune di residenza o del Comune dove la persona si trova momentaneamente.

Egli emana l’ordinanza di TSO solo in presenza di due certificazioni mediche che attestino che:

  1. la persona si trova in una situazione di alterazione tale da necessitare urgenti interventi terapeutici;
  2. gli interventi proposti vengono rifiutati;
  3. non è possibile adottare tempestive e idonee misure extraospedaliere.

Tutte e tre le condizioni devono essere presenti contemporaneamente e devono essere certificate da un primo medico, che può essere il medico di famiglia, ma anche un qualsiasi altro medico e convalidate da un secondo medico che deve appartenere alla struttura pubblica (generalmente uno psichiatra della ASL).

La legge non prevede che i due medici debbano essere psichiatri.

Le certificazioni oltre a contenere l’attestazione delle condizioni suddette che giustificano la proposta di TSO, devono motivare la situazione concreta: non devono limitarsi a enunciare le tre condizioni né si devono usare prestampati; in pratica la proposta di TSO deve essere (anche se in breve) motivata.

Ricevute le certificazioni mediche, il Sindaco ha 48 ore per disporre, tramite un’ordinanza, il TSO facendo accompagnare la persona dai vigili e dai sanitari presso un reparto psichiatrico di diagnosi e cura.

In un primo momento la persona viene invitata a seguire vigili e sanitari nel reparto ospedaliero, se si rifiuta viene prelevata con la forza, messa in ambulanza e trasferita al reparto ospedaliero. In teoria la legge fornisce il diritto alla persona di scegliere il reparto dove essere ricoverato.

Nessuno può essere trattenuto contro la sua volontà presso strutture sanitarie o nei reparti psichiatrici di diagnosi e cura a meno che non sia soggetto ad un  provvedimento di TSO.

Il Sindaco ha poi l’obbligo di inviare l’ordinanza di TSO al Giudice Tutelare (entro 48 ore successive al ricovero) per la convalida e il Giudice convalida il provvedimento entro le 48 ore successive (legge 180, art. 3 comma secondo).

Qualora manchi la convalida il TSO decade automaticamente. Il Giudice Tutelare può però anche non convalidare il provvedimento annullandolo.

Quasi mai, specialmente nelle grandi città, l’ordinanza del TSO risulta firmata dal sindaco; di solito vi è un Ufficio preposto allo svolgimento della procedura del TSO e un assessore delegato (l’assessore alla sanità; in sua assenza uno qualunque gli altri assessori), che si limita a firmare l’ordinanza.

Il TSO ha per legge la durata di 7 giorni.

Al termine dei 7 giorni, qualora non sia stata presentata dallo psichiatra del servizio una richiesta di prolungamento, il trattamento termina e lo psichiatra, non per forza lo stesso che ha proposto e convalidato il TSO, è tenuto a comunicare al Sindaco la cessazione delle condizioni richieste per l’internamento.

Il Sindaco a sua volta lo comunica al Giudice Tutelare.

Da CCDU.org.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Chi dispone il TSO

Il  Trattamento Sanitario Obbligatorio è disposto con provvedimento del Sindaco, nella sua qualità di autorità sanitaria, del Comune di residenza o del Comune dove la persona si trova momentaneamente.

Egli emana l’ordinanza di TSO solo in presenza di due certificazioni mediche che attestino che:

  1. la persona si trova in una situazione di alterazione tale da necessitare urgenti interventi terapeutici;
  2. gli interventi proposti vengono rifiutati;
  3. non è possibile adottare tempestive e idonee misure extraospedaliere.

Tutte e tre le condizioni devono essere presenti contemporaneamente e devono essere certificate da un primo medico, che può essere il medico di famiglia, ma anche un qualsiasi altro medico e convalidate da un secondo medico che deve appartenere alla struttura pubblica (generalmente uno psichiatra della ASL).

La legge non prevede che i due medici debbano essere psichiatri.

Le certificazioni oltre a contenere l’attestazione delle condizioni suddette che giustificano la proposta di TSO, devono motivare la situazione concreta: non devono limitarsi a enunciare le tre condizioni né si devono usare prestampati; in pratica la proposta di TSO deve essere (anche se in breve) motivata.

Ricevute le certificazioni mediche, il Sindaco ha 48 ore per disporre, tramite un’ordinanza, il TSO facendo accompagnare la persona dai vigili e dai sanitari presso un reparto psichiatrico di diagnosi e cura.

In un primo momento la persona viene invitata a seguire vigili e sanitari nel reparto ospedaliero, se si rifiuta viene prelevata con la forza, messa in ambulanza e trasferita al reparto ospedaliero. In teoria la legge fornisce il diritto alla persona di scegliere il reparto dove essere ricoverato.

Nessuno può essere trattenuto contro la sua volontà presso strutture sanitarie o nei reparti psichiatrici di diagnosi e cura a meno che non sia soggetto ad un  provvedimento di TSO.

Il Sindaco ha poi l’obbligo di inviare l’ordinanza di TSO al Giudice Tutelare (entro 48 ore successive al ricovero) per la convalida e il Giudice convalida il provvedimento entro le 48 ore successive (legge 180, art. 3 comma secondo).

Qualora manchi la convalida il TSO decade automaticamente. Il Giudice Tutelare può però anche non convalidare il provvedimento annullandolo.

Quasi mai, specialmente nelle grandi città, l’ordinanza del TSO risulta firmata dal sindaco; di solito vi è un Ufficio preposto allo svolgimento della procedura del TSO e un assessore delegato (l’assessore alla sanità; in sua assenza uno qualunque gli altri assessori), che si limita a firmare l’ordinanza.

Il TSO ha per legge la durata di 7 giorni.

Al termine dei 7 giorni, qualora non sia stata presentata dallo psichiatra del servizio una richiesta di prolungamento, il trattamento termina e lo psichiatra, non per forza lo stesso che ha proposto e convalidato il TSO, è tenuto a comunicare al Sindaco la cessazione delle condizioni richieste per l’internamento.

Il Sindaco a sua volta lo comunica al Giudice Tutelare.

Da CCDU.org.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
18 ore fa, director12 ha scritto:

E’ “un ragazzino, timido e gentile”, dice Siri

sicuramente lo difende perchè con il suo gesto si è messo dalla parte dei fascisti che da sempre sono contro le regole anti-covit....se dovessero farlo a sgarbi (e sarebbe ora) difenderebbe anche lui...ma sgarbi è importante, sopra tutto è fascista, mentre fedez non ha simpatia, per quello che ha detto contro i fasci, per questo lo si può mettere in croce...:D

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963