Ma affittiamole un attico a Roma!

Apprendiamo che la signora Casellati, non paga delle polemiche dei giorni scorsi e infischiandosene altamente del principio di sobrietà che in questo periodo di grave crisi sanitaria ed economica dovrebbe ispirare ogni rappresentante delle istituzioni, continua imperterrita a usare come un taxi un lussuoso aereo di Stato per i suoi spostamenti da Padova a Roma (via Venezia). E siamo a 128 voli in meno di un anno per un costo stimabile nell'ordine del milione di euro a carico dei contribuenti. La signora, a quanto sembra, non vuole usare il treno né l'aereo di linea per non rischiare di contagiarsi. E pazienza per gli altri parlamentari e per i comuni mortali che non hanno il privilegio dell'aereo di Stato e devono arrangiarsi e rischiare la salute per andare a lavorare. A questo punto lancio una proposta. Perché non affittiamo alla pendolare di Stato un bell'attico spazioso, lussuoso e luminoso, a due passi da palazzo Madama in modo da risparmiare pure l'auto blu? La signora potrebbe decidere, bontà sua, di passarvi almeno qualche weekend facendoci risparmiare qualche volo di Stato. Non scherzo affatto, anzi penso che chi è preposto alla gestione oculata della spesa pubblica, immagino il ministero dell'Economia, abbia il dovere di proporre questa cosa alla signora Casellati. Non sarebbe male, anzi sarebbe opportuno, anche un monito del capo dello Stato. 

https://www.lanotiziagiornale.it/casellati-volo-di-stato/

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

24 messaggi in questa discussione

12 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Apprendiamo che la signora Casellati, non paga delle polemiche dei giorni scorsi e infischiandosene altamente del principio di sobrietà che in questo periodo di grave crisi sanitaria ed economica dovrebbe ispirare ogni rappresentante delle istituzioni, continua imperterrita a usare come un taxi un lussuoso aereo di Stato per i suoi spostamenti da Padova a Roma (via Venezia). E siamo a 128 voli in meno di un anno per un costo stimabile nell'ordine del milione di euro a carico dei contribuenti. La signora, a quanto sembra, non vuole usare il treno né l'aereo di linea per non rischiare di contagiarsi. E pazienza per gli altri parlamentari e per i comuni mortali che non hanno il privilegio dell'aereo di Stato e devono arrangiarsi e rischiare la salute per andare a lavorare. A questo punto lancio una proposta. Perché non affittiamo alla pendolare di Stato un bell'attico spazioso, lussuoso e luminoso, a due passi da palazzo Madama in modo da risparmiare pure l'auto blu? La signora potrebbe decidere, bontà sua, di passarvi almeno qualche weekend facendoci risparmiare qualche volo di Stato. Non scherzo affatto, anzi penso che chi è preposto alla gestione oculata della spesa pubblica, immagino il ministero dell'Economia, abbia il dovere di proporre questa cosa alla signora Casellati. Non sarebbe male, anzi sarebbe opportuno, anche un monito del capo dello Stato. 

https://www.lanotiziagiornale.it/casellati-volo-di-stato/

Il signor Bertone cardinale Tarcisio, andando in pensione si è fatto riservare in Vaticano un super attico di gran lusso. Potrebbe condividerlo con la “padovana” … lui la ospita gratis e lei in cambio prepara il pranzo, lava, stira e tiene rigovernata la casa. Per le spese di bollette luce, gas, telefono, riscaldamento, spesa per alimenti ed altro … da bravi amici e conviventi, faranno a metà ciascuno. Solo amici conviventi … dormire in camere separate, anche perché dopo una certa età il russare su tonalità diverse potrebbe turbare il sonno di entrambi. - E' chiaro che la mia è solo una battuta scherzosa … bellunesi e padovani non sono mai stati in armonia, noi della montagna mal sopportiamo i “pianeggianti” della pianura afosa e calda.  

           

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

47 minuti fa, dune-buggi ha scritto:

Il signor Bertone cardinale Tarcisio, andando in pensione si è fatto riservare in Vaticano un super attico di gran lusso. Potrebbe condividerlo con la “padovana” … lui la ospita gratis e lei in cambio prepara il pranzo, lava, stira e tiene rigovernata la casa. Per le spese di bollette luce, gas, telefono, riscaldamento, spesa per alimenti ed altro … da bravi amici e conviventi, faranno a metà ciascuno. Solo amici conviventi … dormire in camere separate, anche perché dopo una certa età il russare su tonalità diverse potrebbe turbare il sonno di entrambi. - E' chiaro che la mia è solo una battuta scherzosa … bellunesi e padovani non sono mai stati in armonia, noi della montagna mal sopportiamo i “pianeggianti” della pianura afosa e calda.      

Ahahahaha! Buona idea. Poi lei è una fervente cattolica. Il cardinale potrebbe istruirla sulla virtù cardinale della temperanza. Oppure chissà... magari dovrebbero istruirsi a vicenda....

Modificato da fosforo311
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
43 minuti fa, dune-buggi ha scritto:

Il signor Bertone cardinale Tarcisio, andando in pensione si è fatto riservare in Vaticano un super attico di gran lusso. Potrebbe condividerlo con la “padovana” … lui la ospita gratis e lei in cambio prepara il pranzo, lava, stira e tiene rigovernata la casa. Per le spese di bollette luce, gas, telefono, riscaldamento, spesa per alimenti ed altro … da bravi amici e conviventi, faranno a metà ciascuno. Solo amici conviventi … dormire in camere separate, anche perché dopo una certa età il russare su tonalità diverse potrebbe turbare il sonno di entrambi. - E' chiaro che la mia è solo una battuta scherzosa … bellunesi e padovani non sono mai stati in armonia, noi della montagna mal sopportiamo i “pianeggianti” della pianura afosa e calda.  

           

Attico ristrutturato con il denaro che sarebbe dovuto andare all'ospedale " Bambino Gesù " . A lavori ultimati , festeggiamenti , tra l'altro ospite Bruno Vespa !!! 

:::::::::::::::::::::::: CHE  SCHIFO :::::::::::::::::::::::::::

Ciao d/ b  e  fosforo ...... gli altri hanno la memoria corta , io NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO !

2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, mariellasikelia ha scritto:

Attico ristrutturato con il denaro che sarebbe dovuto andare all'ospedale " Bambino Gesù " . A lavori ultimati , festeggiamenti , tra l'altro ospite Bruno Vespa !!! 

:::::::::::::::::::::::: CHE  SCHIFO :::::::::::::::::::::::::::

Ciao d/ b  e  fosforo ...... gli altri hanno la memoria corta , io NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO !

È tutto un mondo di privilegiati e di viziati. Pensavo che il virus servisse almeno a restituire un po' di serietà e sobrietà, ma non sarà così. Stringerà la cinghia solo chi è già abituato a farlo. 

2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il tempo dice che è una faknius, ma dopo aver letto l'articolo non troppo faknius.

..............

La polemica è quella sui voli di Stato. Gli odiati aerei che servono nei momenti di stanca giornalistica. O di difficoltà derivanti da notizie scomode. Roberto Fico risiede a Napoli, difficile che il presidente della Camera debba ricorrere all’aereo. Idem il capo dello Stato, Sergio Mattarella, ormai romano d’adozione. Mario Draghi – come il suo predecessore Giuseppe Conte – ha casa nella Capitale. Capo, ho un’idea, si saranno detti in redazione. La Casellati abita a Padova, verifichiamo come viene a Roma. E montano il caso. «124 voli», bugia e poi spieghiamo perché.

Ma la prima domanda da porsi è: la presidente del Senato ha violato la legge? Niente affatto, è esplicita addirittura dal 2011. Dice il decreto 98 di quell’anno, all’articolo 3: «I voli di Stato devono essere limitati al Presidente della Repubblica, ai Presidenti di Camera e Senato, al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Presidente della Corte Costituzionale». Ovvero, sono senza autorizzazione, perché è la legge a renderli disponibili. Sono i ministri a dover farseli autorizzare, infatti. Non solo non è stata violata alcuna legge, ma è falso anche il numero dei voli. Non sono stati affatto 124, ma una novantina al massimo. A meno che non si consideri come viaggio il volo vuoto per andare a prendere il passeggero. Per evitarlo ci vorrebbe un hangar privato…

Un anno ha 52 settimane e il presidente del Senato ha il dovere di essere presente in ognuna di esse. È il compito che tocca alle cariche istituzionali. Ma la cosa curiosa che porta al cecchinaggio di Elisabetta Casellati è l’anno preso come riferimento, il 2020. Peccato che i caratteri cubitali del titolo non abbiano riguardato anche il 2018 e il 2019, nei quali a Ciampino nessuno ha visto la presidente del Senato per salire a bordo dei voli di Stato. Semplicemente la Casellati viaggiava in treno. Anzi, nel 2019 il Falcon lo prese per viaggiare tra Roma e Alghero – dove trascorse una decina di giorni di vacanza e non dovrebbe apparire scandaloso – perché proprio ad agosto scoppiò la crisi del governo Conte. E il presidente del Senato non poteva ignorare quel che accadeva.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Affittarle un attico?

E se poi manda l'aereo a prendere i parenti per portarli a Roma?

Naaaaa....risparmiamo i soldi dell'affitto e lasciamola volare.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

Ahahahaha! Buona idea. Poi lei è una fervente cattolica. Il cardinale potrebbe istruirla sulla virtù cardinale della temperanza. Oppure chissà... magari dovrebbero istruirsi a vicenda....

TEMPERANZA - mi sorge un dubbio - sarebbe la abilità nel "temperare" le matite, oppure la proprietà dei metalli a lasciarsi "temprare" per sopportare meglio gli urti e gli sbalzi termici ....

Modificato da dune-buggi
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 minuti fa, dune-buggi ha scritto:

TEMPERANZA - mi sorge un dubbio - sarebbe la abilità nel "temperare" le matite, oppure la proprietà dei metalli a lasciarsi "temprare" per sopportare meglio gli urti e gli sbalzi termici ....

Mi piace il parallelo tra TEMPERANZA e  temperare  ahahahah

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
12 minuti fa, mariellasikelia ha scritto:

Mi piace il parallelo tra TEMPERANZA e  temperare  ahahahah

più che parallelo direi assonanza !

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Il verbo tempero, infinito temperare, in latino significa "mescolare nelle giuste proporzioni", da cui, riferito al soggetto su se stesso, i significati di "regolarsi, moderarsi, trattenersi". Sullo Zingarelli alla voce "temperare" leggiamo in primis: "mescolare con la debita proporzione, specialmente il vino con l'acqua". Il che spiega perché la virtù della temperanza sia spesso rappresentata dagli artisti in forma allegorica come una giovane donna con in mano due brocche. Infatti, la temperatura è in primis "mescolanza in giusta misura di caldo e di freddo" come per l'appunto nei climi temperati. Mentre la tempera è una tecnica pittorica che diluisce i colori con l'acqua. Però in italiano il verbo temperare presenta un secondo significato, quasi opposto al primo: "affilare, aguzzare, fare la punta". Da cui derivano tempra temprare in relazione al trattamento termico con cui i metalli assumono maggiore durezza e resistenza. Quando di un individuo diciamo, in senso traslato, che "ha una tempra eccezionale", non intendiamo certo dire che è una persona mite e moderata, ma piuttosto che è un tipo duro, severo, estremo. Temperare è anche "fare la punta" da cui il temperino che è un piccolo coltello appuntito, oppure lo strumento che si usa per appuntire le matite. Quando però usiamo l'aggettivo "temperante" in relazione a un essere umano, non lo paragoniamo certo a un coltello, ma non nel senso che è un soggetto dal carattere spuntato e dall'agire poco incisivo, bensì nel senso che è smussato e agisce senza graffiare e senza esagerare, ma con rispetto e senso della misura, senza prendere le cose e le persone "di punta": è puntuale ma non appuntito. Bisogna fare attenzione a non confondere la temperanza con la continenza, come tende a fare la dottrina cattolica interpretandola (es. con sant'Agostino e san Tommaso d'Aquino) essenzialmente come un freno atto a trattenere o a contenere gli istinti e i piaceri corporei, in primis quelli del sesso e del palato. La temperanza è mode.razione, intesa come ricerca dell'equilibrio e del giusto mezzo, come opportuna mescolanza di dolcezza e di forza, di prudenza e di coraggio. Dunque si pone a un livello superiore rispetto alla continenza e non va appiattita su quest'ultima. L'esempio classico ce lo dà, come al solito, il sommo Aristotele quando parla di un giovane uomo che incontra una bella donna e viene preso dalla passione da cui scaturisce un impulso a compiere azioni deplorevoli. Se si controlla quell'impulso si ha la sophrosyne ovvero la temperanza, se non lo si controlla si ha la hybris ovvero la tracotanza. Però la temperanza può indurre anche ad agire in senso contrario alla continenza, laddove non sia necessario contenere o trattenere ma spingere. Ad esempio, nel caso di un giovane uomo timido e innamorato di una bella donna, che deve pur trovare il coraggio di manifestare il suo sentimento. Per Cicerone, che si ispira ai greci, la temperanza è soprattutto frugalità. Ma nel senso latino di frugalitas, che non è mera parsimonia o austerità, bensì "misura, energia, saggezza e sobrietà". Da temperanza deriva anche il termine temperamento, che spesso viene confuso con carattere. Ma il carattere è innato e immutabile (dal verbo greco charasso, coniare: una moneta una volta stampata è immutabile), mentre il temperamento è la parte di noi che possiamo cambiare, mitigandola o temprandola a seconda dei casi e sulla base delle esperienze della vita. 

Ho tratto in parte queste note dal bellissimo libro del teologo Vito Mancuso, dedicato alle  quattro virtù cardinali, La forza di essere migliori. 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
20 ore fa, dune-buggi ha scritto:

Il signor Bertone cardinale Tarcisio, andando in pensione si è fatto riservare in Vaticano un super attico di gran lusso. Potrebbe condividerlo con la “padovana” … lui la ospita gratis e lei in cambio prepara il pranzo, lava, stira e tiene rigovernata la casa. Per le spese di bollette luce, gas, telefono, riscaldamento, spesa per alimenti ed altro … da bravi amici e conviventi, faranno a metà ciascuno. Solo amici conviventi … dormire in camere separate, anche perché dopo una certa età il russare su tonalità diverse potrebbe turbare il sonno di entrambi.

           

Caspita. prima o poi presumo dovesse capitare (per il postulato empirico del caso) che per una volta fossi d'accordo con te.

Non mi resta che mandarti un Mi piace, mi hai divertito.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mancuso cosa dice sulle tracotanze pisane, sig. Fosforo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Chiedo scusa ma mi preme rispondere a tutti quei decerebrati che  si “indignano” perché . secondo loro,  la Casellati usufruirebbe dei “famosi” voli di Stato . Io lo so che L’ ignoranza sta alla fonte delle decorazioni di Kakka che producono, ma io , perseverante e tenace , non posso non intervenire per cercare , almeno , di portare ad un livello minimo coloro che sono stati meno fortunati di noi normodotati . La prima domanda da farsi e’ la seguente : La Presidente del Senato ha violato la legge ?? La risposta e’ : NO !! Siccome l’idio ta principe e’ la signorina Sanchina  che vuole sempre vedere 🐪, le lo faccio vedere subito : non lo ha violato in base al decreto numero 98 articolo 3 del 2011 che prevede che i voli di Stato sono limitati al Presidente della Repubblica , ai Presidenti di Camera e Senato , al presidente del Consuglio ed al Presidente della Corte Costituzionale . Sono previsti senza giustificazione perché e’ la legge stessa che lo prevede . Poiché sta decorazione e’ partita dal post dal Cazzaro di Napoli , lo stesso ci informa  che sono stati ben 128 i voli di cui avrebbe usufruito la Presidente Casellati . Falso !! Falso come un falso e’ il Pulcinella Partenopeo . Sono una ottantina al massimo ma sappiamo tutti che al Cazzaro piace abbondare quando si tratta di nemici ed , invece , piace diminuire quando si parla di amici . Sono sicuro che il Cazzaro smentirà il mio numero e so pure cosa dirà al riguardo . Ed allora lo anticipo : non si possono calcolare come viaggi i voli impiegati per andare a prendere il passeggero pena avere un hangar privato .  Allora e’ necessario fare un’altra considerazione . Un anno ha 52 settimane e il presidente del Senato ha il dovere di essere presente in ognuna di esse. Magari gli storioni ignoranti non lo sanno ma e’ così !! . Purtroppissimo per il Cazzaro e storioni a ruota !! È il compito che tocca alle cariche istituzionali. Ma la cosa curiosa che porta al cecchinaggio della  Casellati è l’anno preso come riferimento, il 2020. Peccato che il Cazzaro napoletano non ci informa che il numero dei voli imputato alla Casellati riguarda anche gli anni 2018 e il 2019, nei quali a Ciampino nessuno ha visto la presidente del Senato per salire a bordo dei voli di Stato. Percheee’ !! Semplice!!  la Casellati viaggiava in treno. Anzi, nel 2019 il Falcon lo prese per viaggiare tra Roma e Alghero , dove trascorse una decina di giorni di vacanza e non dovrebbe apparire scandaloso, perché proprio ad agosto scoppiò la crisi del governo Conte. E il presidente del Senato non poteva ignorare quel che accadeva ed essere presente .Il Cazzaro ironizza pure ma si copre di ridicolo perché non fa nessun riferimento al COVID ignorando , come e’ suo costume,  su quanti voli e tratte ferroviarie siano state tagliate in era Covid. Non informa nemmeno su quanti passeggeri hanno rinunciato a viaggiare per via del virus. Ovviamente  il Panzanaro da Barber Shop ignora che a cavallo di quei terribili secondo e terzo trimestre del 2020,  più o meno da marzo a maggio, la  Casellati è rimasta a Roma perché le istituzioni non restano senza guida e senza nessuna giustificazione che non sia di carattere sanitario . Una prece per il Cazzaro e per tutti gli storioni che hanno avuto il coraggio , da ignoranti , di metterli perfino il 👍.  

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

3 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Mancuso cosa dice sulle tracotanze pisane, sig. Fosforo

Le tracotanze pisane e le kazzate pisane si commentano da sole egregio. Così come l'ultimo post del cazzaro. Il quale finge di ignorare che la presidente del Senato potrebbe tranquillamente prendere aerei di linea o treni ad alta velocità, come faceva prima della pandemia, e possibilmente senza creare troppi problemi, perché la signora ne creava anche viaggiando con Alitalia (ovviamente sempre a nostre spese ma erano spese ragionevoli). Forse da bambina fu viziata troppo: 

https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2019/06/15/voli-in-ostaggio-di-casellati-alitalia-ora-basta-privilegi/5257379/

Quando Mattarella e Draghi sono andati a farsi vaccinare, hanno atteso il loro turno con le altre persone. La presidente Casellati potrebbe viaggiare con i comuni mortali rispettando la distanza e usando una buona mascherina marcata CEI. Come fanno non solo i comuni cittadini ma anche gli altri parlamentari. La seconda carica dello Stato non dovrebbe essere né un viziato né un fifone né uno spendaccione di soldi pubblici. 

 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ovviamente il Cazzaro finge di non essersi accorto di essere stato bastonato ed infilzato come meritano gli idio ti come lui , e ritorna alla tenzone ,  ma , purtroppissimo per lui , a mer da aggiunge mer da , dimostrando di non sapere niente di niente ed e’ bravo solo a copiaincollare con metodo da perfetto sciuscià napoletano . Adesso sono sicuro che vogliate sapere perché  il Pulcinella partenopeo aggiunge mer da su mer da . Lo fa quando , testualmente , afferma :” Quando Mattarella e Draghi sono andati a farsi vaccinare , hanno atteso il loro turno .  Bene !! La Presidente Casellati , alla data del 31 /03 /2021 , non si era ancora vaccinata .  Tanto dovevo ed invito di nuovo i forumisti (seri, nda) ad intonare una prece per il Cazzaro Napoletano stesso . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

APPELLO URGENTE AL FORUMISTA MAR525

Ancora una volta sono a chiederti un favore: potresti cortesemente fare presente quanto segue al cialtronissimo peracottaro seriale fosforo31 , con i toni pacati che solitamente usi con il filosofo-matematico-virologo di Forcella?

Il trasporto aereo di Stato è soggetto alla direttiva del Presidente del Consiglio dei MInistri del 23 settembre 2011

http://presidenza.governo.it/UVGU/normativa/direttiva_23_09_2011.pdf

All'articolo 8 leggiamo che "la Presidenza del Consiglio dei Ministri costituisce il centro di riferimento per la gestione amministrativa, tecnica e finanziaria, nonché la sede di coordinamento unitario del trasporto aereo di Stato in ogni sua forma".

All'articolo 2 leggiamo che "non è ammessa la concessione del trasporto aereo di Stato per le tratte sulle quali sia presente il trasporto ferroviario e tale servizio, tenuto conto delle modalità di erogazione, risulti idoneo ad assicurare il trasferimento in tempi ed orari compatibili con gli impegni istituzionali della Personalità interessata".

Per quanto sopra concludiamo che:

1 - il Presidente del Senato, nella persona di Maria Elisabetta Alberti Casellati, non ha beneficiato del servizio aereo di Stato per andare a fare la spesa, come suggerito al cialtronissimo peracottaro seriale fosforo31 da Travaglio, Scanzi & compagnia ragliante;

2 - con il trasporto aereo di Stato di cui ha beneficiato il Presidente del Senato, nella persona di Maria Elisabetta Alberti Casellati, ci azzecca necessariamente l'Uomo della Provvidenza Giuseppi.

3 - il cialtronissimo peracottaro seriale fosforo31 farebbe meglio a presentare le proprie rimostranze all'Uomo della Provvidenza Giuseppi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, mark222220 ha scritto:

Chiedo scusa ma mi preme rispondere a tutti quei decerebrati che  si “indignano” perché . secondo loro,  la Casellati usufruirebbe dei “famosi” voli di Stato . Io lo so che L’ ignoranza sta alla fonte delle decorazioni di Kakka che producono, ma io , perseverante e tenace , non posso non intervenire per cercare , almeno , di portare ad un livello minimo coloro che sono stati meno fortunati di noi normodotati . La prima domanda da farsi e’ la seguente : La Presidente del Senato ha violato la legge ?? La risposta e’ : NO !! Siccome l’idio ta principe e’ la signorina Sanchina  che vuole sempre vedere 🐪, le lo faccio vedere subito : non lo ha violato in base al decreto numero 98 articolo 3 del 2011 che prevede che i voli di Stato sono limitati al Presidente della Repubblica , ai Presidenti di Camera e Senato , al presidente del Consuglio ed al Presidente della Corte Costituzionale . Sono previsti senza giustificazione perché e’ la legge stessa che lo prevede . Poiché sta decorazione e’ partita dal post dal Cazzaro di Napoli , lo stesso ci informa  che sono stati ben 128 i voli di cui avrebbe usufruito la Presidente Casellati . Falso !! Falso come un falso e’ il Pulcinella Partenopeo . Sono una ottantina al massimo ma sappiamo tutti che al Cazzaro piace abbondare quando si tratta di nemici ed , invece , piace diminuire quando si parla di amici . Sono sicuro che il Cazzaro smentirà il mio numero e so pure cosa dirà al riguardo . Ed allora lo anticipo : non si possono calcolare come viaggi i voli impiegati per andare a prendere il passeggero pena avere un hangar privato .  Allora e’ necessario fare un’altra considerazione . Un anno ha 52 settimane e il presidente del Senato ha il dovere di essere presente in ognuna di esse. Magari gli storioni ignoranti non lo sanno ma e’ così !! . Purtroppissimo per il Cazzaro e storioni a ruota !! È il compito che tocca alle cariche istituzionali. Ma la cosa curiosa che porta al cecchinaggio della  Casellati è l’anno preso come riferimento, il 2020. Peccato che il Cazzaro napoletano non ci informa che il numero dei voli imputato alla Casellati riguarda anche gli anni 2018 e il 2019, nei quali a Ciampino nessuno ha visto la presidente del Senato per salire a bordo dei voli di Stato. Percheee’ !! Semplice!!  la Casellati viaggiava in treno. Anzi, nel 2019 il Falcon lo prese per viaggiare tra Roma e Alghero , dove trascorse una decina di giorni di vacanza e non dovrebbe apparire scandaloso, perché proprio ad agosto scoppiò la crisi del governo Conte. E il presidente del Senato non poteva ignorare quel che accadeva ed essere presente .Il Cazzaro ironizza pure ma si copre di ridicolo perché non fa nessun riferimento al COVID ignorando , come e’ suo costume,  su quanti voli e tratte ferroviarie siano state tagliate in era Covid. Non informa nemmeno su quanti passeggeri hanno rinunciato a viaggiare per via del virus. Ovviamente  il Panzanaro da Barber Shop ignora che a cavallo di quei terribili secondo e terzo trimestre del 2020,  più o meno da marzo a maggio, la  Casellati è rimasta a Roma perché le istituzioni non restano senza guida e senza nessuna giustificazione che non sia di carattere sanitario . Una prece per il Cazzaro e per tutti gli storioni che hanno avuto il coraggio , da ignoranti , di metterli perfino il 👍.  

 

 

Ridicola marketta pisana, prima di ragliare dovrebbe imparare a leggere quello che ho copiaincollato io da Il Tempo

Se lo avesse fatto avrebbe evitato di mettere in evidenza le solite idio zie che la contraddistinguono.

Eviti poi di accusare i suoi interlocutori di copiare a destra e manca, perché lei oltre ad essere la regina degli idi oti, lo è anche dei copiaincollato.

Buonaserata e ossequi ad Alessandro.

Ops...stavo per dimenticare: la copiaincollatura che tutti attendono è quella della sua monolaurea.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 5/5/2021 in 16:32 , fosforo311 ha scritto:

Ahahahaha! Buona idea. Poi lei è una fervente cattolica. Il cardinale potrebbe istruirla sulla virtù cardinale della temperanza. Oppure chissà... magari dovrebbero istruirsi a vicenda....

Caspita Cazzaro !! Ma perché la Perpetua al Cardinal Bertone non potrebbe farla tua moglie ?? Io non so se la Casellati e’ una fervente cattolica . Ma quel che so di sicuro e’ che tua moglie sia una fervente cattolica e pure una grande praticante non perdendo una messa domenicale da “temporibus illis” ( Fonte : lo stesso Cazzaro Napoletano il   1//04/2021, nda ). Perché no , Cazzaro ?? Magari il Cardinale potrebbe istruirla alla virtù della ciccia . Facci un pensierino e magari una stanza nell’attico spetterebbe pure a te e ciò non ti creerebbe nemmeno nessun problema lavorativo visto che ci hai detto che la tua occupazione si svolge in smartworking. Pensaci bene , Cazzaro . Potrebbe essere la svolta della tua vita . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Anche lei ridicola marketta pisana potrebbe dare una svolta alla sua vita da zitellona.

Lei in qualità di vuotatrice di pitali potrebbe accasarsi a Villa Leopoldina, e dedicarsi 24 ore al giorno alla diffusione dei pensieri del conferenziere, prima che vengano stravolti dai media.

Ci pensi ridicola marketta pisana, ci pensi. Sono convinto che lo stesso Leopoldino sarà felice di ospitarla.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Dai Sanchina , dillo che ci andresti volentieri te insieme al Cazzaro . Ed a Nane che gli dici , budellone ?? 😂😂

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

L'irritazione le fa perdere l'uso della crusca, quella vegetale non quella accademica, ridicola marketta pisana.

Una intellettuale come lei che vorrebbe correggere ed uniformare il pensiero del mondo intero a quello di Leopoldino deve imparare a controllarsi per evitare di lanciare ragli alla luna che dall'alto del cielo se la ride alla faccia sua.

PS: poiché conosciamo la sua abilità nel copia incollare articoli di giornale cercando di farlo passare per farina del suo sacco rimaniamo  in attesa del copia e incolla della sua monolaurea, quella monolaurea che dovrebbe essere davvero uscita dalla macina del suo molino.

Buonanottata, e come sempre, ossequi al marito Alessandro.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963