trump taglia i fondi all'onu.grande donald!!!

Lo aveva annunciato e ha mantenuto la “promessa”. Gli Stati Uniti hanno, infatti, iniziato a negoziare un taglio di 285 milioni di dollari dei fondi che avrebbero dovuto versare all’Onu per il prossimo anno.

“L’inefficienza e le spese facili delle Onu sono ben note – ha denunciato l’ambasciatore americano all’Onu, Nikky Haley – non consentiremo più che la generosità del popolo americano sia sfruttata”.Promessa elettorale mantenuta!!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

7 minuti fa, director12 ha scritto:

Lo aveva annunciato e ha mantenuto la “promessa”. Gli Stati Uniti hanno, infatti, iniziato a negoziare un taglio di 285 milioni di dollari dei fondi che avrebbero dovuto versare all’Onu per il prossimo anno.

“L’inefficienza e le spese facili delle Onu sono ben note – ha denunciato l’ambasciatore americano all’Onu, Nikky Haley – non consentiremo più che la generosità del popolo americano sia sfruttata”.Promessa elettorale mantenuta!!!!

Farebbero meglio a pensare di risolvere la guerra in mediorientale, abbandonata dai suoi predecessori! 

Invece di mettersi contro l'  UE

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, wronschi ha scritto:

Farebbero meglio a pensare di risolvere la guerra in mediorientale, abbandonata dai suoi predecessori! 

Invece di mettersi contro l'  UE

ha parlato i l premio nobel per il fiaschetto di vino tarocco!!  ,ma che strombazzi...che le guerre le ha fatte il tuo amicone abbronzato!! mandagli una mail di protesta.....con la tua faza attaccata al bicchiere!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
39 minuti fa, wronschi ha scritto:

Farebbero meglio a pensare di risolvere la guerra in mediorientale, abbandonata dai suoi predecessori! 

Invece di mettersi contro l'  UE

e aggiungo,egr.sig.(sic)pensionato,anche  Il bilancio Onu è di circa 5,4 miliardi di dollari l’anno. 

Con un totale di oltre 226 milioni di dollari, l’Italia è nella “top ten” dei grandi contributori delle Nazioni Unite.Il nostro Paese ha pagato 120.699.353 al bilancio ordinario dell’Onu, al settimo posto nella graduatoria dei contributori. E non siamo il settimo Paese in quanto a popolazione.L’Italia, che e’ il primo contributore di caschi blu tra i Paesi WEOG (Western European and Others Group) alle missioni di pace dell’Onu, e’ al settimo posto anche per i contributi al bilancio del peacekeeping con 105.561.525 milioni.Manteniamo un sistema parassitario e sovranazionale che poi, per bocca di uno dei suoi burocrati al quale paghiamo un lauto stipendio, ci dice che siamo idioti perché non approviamo lo ius soli.è ora che qualcuno ti levi le fette di prosciutto rancido dagli occhi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, director12 ha scritto:

ha parlato i l premio nobel per il fiaschetto di vino tarocco!!  ,ma che strombazzi...che le guerre le ha fatte il tuo amicone abbronzato!! mandagli una mail di protesta.....con la tua faza attaccata al bicchiere!!!

La invito a moderare i toni, altrimenti lo staff 😂 sarà costretto a bannarla ahahahah 

Per quanto riguarda la guerra ripassati il periodo precedente    a Obama

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
23 minuti fa, wronschi ha scritto:

La invito a moderare i toni, altrimenti lo staff 😂 sarà costretto a bannarla ahahahah 

Per quanto riguarda la guerra ripassati il periodo precedente    a Obama

ripassati la storia tu!!

MA QUANTE BELLE BOMBE…
26.172: sono le bombe che Barack Obama ha lanciato nel 2016 in sette paesi diversi: Siria, Iraq, Afghanistan, Libia, Yemen, Somalia e Pakistan.
È quanto emerge dall’analisi annuale del Council on Foreign Relations.
Di queste oltre il 90% (24.287) sono state lanciate su Siria e Iraq nell’ambito della Operation Inherent Resolve (OIR), la campagna contro lo Stato Islamico. Gli Stati Uniti hanno prodotto il 79% dei bombardamenti complessivi che la coalizione ha effettuato.
La stima, come sottolinea Micah Zenko analista e curatore della ricerca, è da ritenersi al ribasso perché ogni “strike” può comportare più bombe; ed inoltre perché i numeri sugli interventi aerei in Siria e Iraq non sono certi.

Rispetto al 2015, l’America di Obama ha sganciato oltre 3.000 bombe in più e bombardato un paese, la Libia, che non era stato tra gli obiettivi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963