Con il voto ai sedicenni Letta l'ha fatta fuori dal vaso

Generalmente dissento da Marcello Veneziani anche se lo considero uno dei rari intellettuali seri e degni di questo nome oggi schierati a destra (stendo un velo pietoso sugli Sgarbi e soprattutto sui Mughini: diventare renzusconiano, vantarsi del proprio reddito e vestirsi alla Oscar Giannino è, a mio modesto avviso, il destino più ridicolo immaginabile per un ex di Lotta Continua). Oggi però sono molto d'accordo con Veneziani. Ha inquadrato lucidamente la questione del voto ai sedicenni definendola "stupida demagogia in contraddizione con la vita e con la logica". Aggiungo solo, a beneficio di Enrico Letta, che la sua demagogia non è del tutto stupida. Perché i sedicenni di oggi tra due anni ne avranno 18 e voteranno. 

https://infosannio.com/2021/03/27/mandate-i-sedicenni-a-scuola-non-alle-urne/

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

Io sono favorevole al voto ai sedicenni.

Non sanno niente di politica?

Domanda: i 18nni la conoscono di più?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
37 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Io sono favorevole al voto ai sedicenni.

Non sanno niente di politica?

Domanda: i 18nni la conoscono di più?

Non possiamo generalizzare, egregio. Ci sono sedicenni politicamente più informati di quarantenni, ma due anni non dovrebbero passare invano. Un 18enne dovrebbe essere, in media, un po' più informato e un po' meno immaturo di un 16enne. D'altra parte, potremmo applicare a ritroso il tuo argomento per concedere il diritto di voto a 15 anni, poi a 14, poi a 13...  Ma Veneziani non ha tutti i torti quando dice che l'adolescenza si sta allungando. La vita è più comoda di quella di un tempo, si fanno meno figli e i ragazzi sono più viziati. Anche se pure queste sono generalizzazioni. Ho già scritto che io farei votare non prima dei 25 anni, a meno che non si abbia un lavoro onesto prima di questa età. Qui aggiungo che non farei eleggere nessuno sotto i 35 anni. La politica richiede, a mio avviso, maturità ed esperienza. Salvini a 20 anni era già consigliere comunale a Milano. Il Matteo minore a 29 anni era presidente della Provincia di Firenze. Due chiari esempi di cosa si rischia mettendo la politica in mano ai bamboccioni. 

2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Appunto sig fosforo, non bisogna generalizzare.

Generalizzare significa pensare che la maggior età cominci a 18 anni.

Gli anziani votanti diventano sempre di più e i giovani sempre di meno, trovo quindi giusto aumentare il numero dei giovani che possano mediare l'influenza dei più vecchi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Appunto sig fosforo, non bisogna generalizzare.

Generalizzare significa pensare che la maggior età cominci a 18 anni.

Gli anziani votanti diventano sempre di più e i giovani sempre di meno, trovo quindi giusto aumentare il numero dei giovani che possano mediare l'influenza dei più vecchi.

Questo argomento mi sembra valido, ma resto dell'idea che a 16 anni sia meglio occuparsi di altre cose che la politica (anche se in verità io me ne occupavo, ma erano gli anni della guerra fredda e gli anni di piombo). 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

E se non c'era la guerra fredda e gli anni di piombo, se ne sarebbe occupato lo stesso, sig fosforo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963