Ipotesi tampone per gli studenti

È solo un idea balenata al governo, come c'è ne sono tante sul piatto, certo che dopo più di un anno di pandemia fa' sorridere,non si poteva arrivarci prima? Non si poteva intensificare il trasporto pubblico? La Dad ha stravolto la vita per sempre agli studenti, le loro lacune chi le paga? Staremo a vedere..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

e smettetela di fracassare  con 'sta DaD. elementari e medie OK meglio la presenza, ma per le superiori ....

ci sono persino le università telematiche e 'na volta si studiava anche per corrispondenza. se uno ha voglia di apprendere il sistema lo trova. 

mia figlia appena finito il liceo e ancora in contatto con gli ex compagni : non ce ne è uno che si lamenta della DaD a parte i laboratori (che comunque fanno )

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

Per la verità qui in Campania gli insegnanti sono già stati sottoposti a screening mesi fa, sia con il tampone rapido sia con l'esame sierologico, ma su base volontaria e l'affluenza non mi pare che sia stata elevata. Va molto meglio con i vaccini: oltre il 90% del personale scolastico ha ricevuto almeno una dose, due mie cugine già da una settimana hanno fatto la seconda dose di Pfizer. Fare il tampone rapido agli studenti oggi potrebbe essere addirittura controproducente. Stante la bassa sensibilità di questo test alle nuove varianti, potrebbe sfuggire un gran numero di falsi negativi.  Ma anche il tampone molecolare non fa altro che fotografare una situazione: per riaprire le scuole in sicurezza bisognerebbe fare un tampone a tutti ogni settimana, cosa praticamente irrealizzabile. A mio avviso riaprire le scuole materne ed elementari dopo Pasqua anche nelle zone rosse è pura follia. Eppure il governo dei cosiddetti migliori sembra orientato in questo senso. A Pasqua saranno consentite le visite ai parenti, molti bambini e ragazzi potrebbero infettarsi in famiglia. Io aspetterei due settimane per vedere come si mettono le cose a metà aprile. Nella aule scolastiche come in tutti i luoghi chiusi l'arieggiamento è cruciale per l'abbattimento della trasmissione virale. Con la primavera inoltrata sarebbe possibile fare lezione con le finestre spalancate. E perché no, anche all'aperto, come si faceva nell'antica Grecia e nell'antica Roma. Peraltro è scientificamente provato che all'aria aperta, nel verde, magari su un prato o in un bel giardino, migliorano sia l'insegnamento che l'apprendimento. Gli antichi Greci e Romani non erano fessi: come diceva un mio professore di storia e filosofia, erano loro i veri moderni. In Italia il calendario scolastico prevede una pausa estiva lunghissima, una delle più lunghe tra i paesi europei. In tempo di pandemia io modificherei il calendario come segue: scuole chiuse da novembre a marzo, con un po' di DAD un paio di giorni a settimana. Ferie ad agosto e scuole aperte, se la circolazione virale lo consente, a settembre e ottobre e poi da aprile a luglio, raccomandando il maggiore arieggiamento possibile e lezioni all'aperto quando e dove possibile, mantenendo sempre l'alternativa della DAD (che non è affatto un dramma) quando la circolazione virale aumenta.  Ma è chiaro che se i vaccini si dimostreranno efficaci e sicuri bisognerà vaccinare al più presto anche i minorenni, tutti. I quali oggi non vengono vaccinati perché sono stati esclusi dai trial di sperimentazione delle case produttrici per motivi poco chiari e molto discutibili. È vero che i giovani si ammalano poco, ma è anche vero che contagiano molto. L'Indonesia ha fatto una scelta controcorrente: sta vaccinando prima giovani (sempre over 18) e poi gli anziani. 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963