Enrico Letta? Un dejà vu

Ho già scritto che non ce lo vedo proprio Enrico Letta come segretario del Pd in questo momento. Rocco Casalino aveva parlato di cancri da estirpare, espressione cruda ed eccessiva che il delinquente Berlusconi applicò ai magistrati, ma che rende bene l'idea del Pd tuttora devastato dai residui tossici del renzismo. Molto difficilmente potrà estirparli chi a suo tempo si fece prendere in giro (stai sereno) e defenestrare dall'ex capetto senza muovere un dito. Se avesse avuto un po' di carattere, Letta sarebbe andato a farsi sfiduciare in parlamento, costringendo il capetto a gettare la maschera e svelare anticipatamente agli italiani e alla sinistra il suo vero volto di "caudillo maleducato". D'altra parte, come nota con il consueto acume Marco Travaglio, il nipotino di zio Gianni, giurassica eminenza grigia del berlusconismo, è un dejà vu, è uno che aveva inciuciato con il piduista, su mandato di Napolitano, ancora prima del suo traditore. Per il piduista fu un provvidenziale salvagente, ma chi mantiene politicamente in vita certi personaggi lo fa a suo rischio e pericolo. È chiaro anche ai sassi che la rimozione di Letta nipote fu concordata un mese prima al Nazareno in occasione dello scellerato patto costituente tra il rottamatore della sinistra e il pregiudicato fresco di condanna definitiva e di espulsione dal Senato. E allora di cosa parliamo? O Enrico Letta in questi 7 anni ha finalmente capito che il renzismo e il berlusconismo vanno estirpati con le maniere forti, come metastasi schifose della politica, oppure sarà l'ottavo segretario del Pd che non risolverà una mazza. Guardate il video:

https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/03/11/travaglio-ad-accordidisaccordi-nove-letta-a-capo-del-pd-un-deja-vu-non-risolvono-problema-cambiando-ottavo-segretario-in-14-anni/6129106/

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

10 messaggi in questa discussione

1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

Ho già scritto che non ce lo vedo proprio Enrico Letta come segretario del Pd in questo momento. Rocco Casalino aveva parlato di cancri da estirpare, espressione cruda ed eccessiva che il delinquente Berlusconi applicò ai magistrati, ma che rende bene l'idea del Pd tuttora devastato dai residui tossici del renzismo. Molto difficilmente potrà estirparli chi a suo tempo si fece prendere in giro (stai sereno) e defenestrare dall'ex capetto senza muovere un dito. Se avesse avuto un po' di carattere, Letta sarebbe andato a farsi sfiduciare in parlamento, costringendo il capetto a gettare la maschera e svelare anticipatamente agli italiani e alla sinistra il suo vero volto di "caudillo maleducato". D'altra parte, come nota con il consueto acume Marco Travaglio, il nipotino di zio Gianni, giurassica eminenza grigia del berlusconismo, è un dejà vu, è uno che aveva inciuciato con il piduista, su mandato di Napolitano, ancora prima del suo traditore. Per il piduista fu un provvidenziale salvagente, ma chi mantiene politicamente in vita certi personaggi lo fa a suo rischio e pericolo. È chiaro anche ai sassi che la rimozione di Letta nipote fu concordata un mese prima al Nazareno in occasione dello scellerato patto costituente tra il rottamatore della sinistra e il pregiudicato fresco di condanna definitiva e di espulsione dal Senato. E allora di cosa parliamo? O Enrico Letta in questi 7 anni ha finalmente capito che il renzismo e il berlusconismo vanno estirpati con le maniere forti, come metastasi schifose della politica, oppure sarà l'ottavo segretario del Pd che non risolverà una mazza. Guardate il video:

https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/03/11/travaglio-ad-accordidisaccordi-nove-letta-a-capo-del-pd-un-deja-vu-non-risolvono-problema-cambiando-ottavo-segretario-in-14-anni/6129106/

Buongiorno, il mio modesto parere è che se si continua a ritenere Renzi il male assoluto del Pd allora onestamente non ci s'è capito una beata ma.zza! Il problema non è affatto Renzi;  continuare ad addossargli tutte le colpe del mondo non fa che peggiorare le cose. Smettetela di pensare sempre a Renzi e fatevi una vita, sicuramente sarete più sereni.

P.S. : Rocco Casalino farebbe bene a pensare ai cancri da estirpare in "casa" propria.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ariafresca123 ha scritto:

Buongiorno, il mio modesto parere è che se si continua a ritenere Renzi il male assoluto del Pd allora onestamente non ci s'è capito una beata ma.zza! Il problema non è affatto Renzi;  continuare ad addossargli tutte le colpe del mondo non fa che peggiorare le cose. Smettetela di pensare sempre a Renzi e fatevi una vita, sicuramente sarete più sereni.

P.S. : Rocco Casalino farebbe bene a pensare ai cancri da estirpare in "casa" propria.

Buon pomeriggio, a me invece pare che il problema dei renziani tuttora presenti all'interno del Pd sia molto serio (Marcucci, Orfini, Guerini, Lotti, etc. per non parlare degli esterni al parlamento come Nardella, Bonaccini etc.). Ne sa qualcosa Zingaretti. È opportuno ricordare quello che accadde sul finire di gennaio 2018. L'allora segretario Renzi, quello che aveva promesso di lasciare per sempre la politica, si chiuse per tutta una notte in una stanza con pochi fedelissimi e compilò le liste dei candidati del Pd per le elezioni politiche del 4 marzo. Alla faccia del principio di collegialità. I nomi per i collegi uninominali e nelle liste bloccate nel proporzionale furono scelti piazzando nei collegi sicuri e nei primi posti delle liste bloccate persone selezionate con il criterio della fedeltà. Ai più irrinunciabili e ai figli di papà vennero assicurati anche collegi paracadute. Così per es. il figlio di De Luca fu bocciato nell'uninominale a Salerno, la sua città, il "feudo" di don Vincenzo, ma fu ripescato nel proporzionale a Caserta, dove i candidati locali del Pd restarono con le pive nel sacco. Nel merito e nel metodo di quelle scelte si pronunciò proprio Enrico Letta, che era super partes essendosi volontariamente allontanato dalla politica:

"Nella formazione delle liste è stata premiata soltanto la fedeltà e per farlo si è agito con arbitrio e violenza. Premiando quasi ovunque amici e amiche". 

https://www.milanofinanza.it/news/enrico-letta-attacca-renzi-sulle-liste-tragici-errori-201801290821087342

Insomma, i 160 eletti del Pd nel 2018, che tuttora stanno in parlamento, erano quasi tutti (quindi non solo quelli poi passati a Italia Viva) amici e amiche di Renzi, "nominati" da lui più che eletti dai cittadini, come si suol dire. È quindi del tutto evidente che l'influenza dell'ex segretario Renzi sul Pd è tuttora molto forte. 

P.S. Casalino si è scusato per l'espressione infelice, ma io sono d'accordo con te. Anche nel M5s ci sono metastasi politiche da estirpare. In particolare una, quella del cosiddetto Garante. Un esaltato pieno di sé che sta invecchiando malissimo, che ha tradito i valori fondativi  che lui stesso aveva conferito al Movimento, che ha ridotto un movimento di rottura a partito di potere e di sistema mischiato nell'indecorosa accozzaglia che sostiene il governo dei poteri forti e della torta europea da spartire, un guitto ridicolo che dalla morte di Gianroberto Casaleggio crede di essere il padrone unico del Movimento. Giuseppe Conte deve fare molta attenzione: a mio avviso una persona seria e uno statista come lui non può assolutamente convivere con un personaggio del genere. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Evidentemente Renzi, quello da molti considerato il leader di un partitino dal 2% che non conta niente, è un uomo forte e fa paura a molti. E' per questo che viene così tanto e ripetutamente (a mio avviso esageratamente) attaccato. Il vostro accanimento lo innalza sempre di più, e lo stacco con la debolezza del PD aumenta.

Continuate così, è un regalo che fate a Renzi e a chi, come me, lo reputa un politico forte e coraggioso. Certo, non perfetto, ma uno dei migliori. 

Buona serata e ripeto, se mi permette, smettetela di pensare a Renzi, se avete di meglio da fare.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
33 minuti fa, ariafresca123 ha scritto:

Evidentemente Renzi, quello da molti considerato il leader di un partitino dal 2% che non conta niente, è un uomo forte e fa paura a molti. E' per questo che viene così tanto e ripetutamente (a mio avviso esageratamente) attaccato. Il vostro accanimento lo innalza sempre di più, e lo stacco con la debolezza del PD aumenta.

Continuate così, è un regalo che fate a Renzi e a chi, come me, lo reputa un politico forte e coraggioso. Certo, non perfetto, ma uno dei migliori. 

Buona serata e ripeto, se mi permette, smettetela di pensare a Renzi, se avete di meglio da fare.

Forte e coraggioso un politico che dopo avere solennemente promesso al popolo sovrano, in tutte le sedi anche istituzionali, di lasciare la politica, poi non ha la forza e il coraggio di mantenere la promessa? Forte e coraggioso questo qui????

https://youtu.be/Y057XrzGkMU

Mentre questo qui è il giovane satrapo cui il politico forte e coraggioso non ha avuto né la forza né il coraggio di chiedere conto delle repressioni, degli arresti, delle torture. Né del destino del coraggioso giornalista Jamal Kashoggi:

https://youtu.be/ByVi9pebpKQ

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
16 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Forte e coraggioso un politico che dopo avere solennemente promesso al popolo sovrano, in tutte le sedi anche istituzionali, di lasciare la politica, poi non ha la forza e il coraggio di mantenere la promessa? Forte e coraggioso questo qui????

https://youtu.be/Y057XrzGkMU

Mentre questo qui è il giovane satrapo cui il politico forte e coraggioso non ha avuto né la forza né il coraggio di chiedere conto delle repressioni, degli arresti, delle torture. Né del destino del coraggioso giornalista Jamal Kashoggi:

https://youtu.be/ByVi9pebpKQ

Renzi ha fatto semplicemente quello che il popolo sostenitore gli ha chiesto. A lei dà fastidio che sia ancora in politica? Pazienza, se ne faccia una ragione e provi a pensare ad altro. Sicuramente ci guiadagnerà.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
49 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

....È opportuno ricordare quello che accadde sul finire di gennaio 2018. L'allora segretario Renzi, quello che aveva promesso di lasciare per sempre la politica, si chiuse per tutta una notte in una stanza con pochi fedelissimi e compilò le liste dei candidati del Pd per le elezioni politiche del 4 marzo. Alla faccia del principio di collegialità. I nomi per i collegi uninominali e nelle liste bloccate nel proporzionale furono scelti piazzando nei collegi sicuri e nei primi posti delle liste bloccate persone selezionate con il criterio della fedeltà. Ai più irrinunciabili e ai figli di papà vennero assicurati anche collegi paracadute. Così per es. il figlio di De Luca fu bocciato nell'uninominale a Salerno, la sua città, il "feudo" di don Vincenzo, ma fu ripescato nel proporzionale a Caserta, dove i candidati locali del Pd restarono con le pive nel sacco. Nel merito e nel metodo di quelle scelte si pronunciò proprio Enrico Letta.

Insomma, i 160 eletti del Pd nel 2018, che tuttora stanno in parlamento, erano quasi tutti (quindi non solo quelli poi passati a Italia Viva) amici e amiche di Renzi, "nominati" da lui più che eletti dai cittadini, come si suol dire. È quindi del tutto evidente che l'influenza dell'ex segretario Renzi sul Pd è tuttora molto forte. 

P.S. ..,,,,Anche nel M5s ci sono metastasi politiche da estirpare. In particolare una, quella del cosiddetto Garante. Un esaltato pieno di sé che sta invecchiando malissimo, che ha tradito i valori fondativi  che lui stesso aveva conferito al Movimento, che ha ridotto un movimento di rottura a partito di potere e di sistema mischiato nell'indecorosa accozzaglia che sostiene il governo dei poteri forti e della torta europea da spartire, un guitto ridicolo che dalla morte di Gianroberto Casaleggio crede di essere il padrone unico del Movimento. Giuseppe Conte deve fare molta attenzione: a mio avviso una persona seria e uno statista come lui non può assolutamente convivere con un personaggio del genere. 

Ci vuole un bel coraggio, direi una faccia di tolla inarrivabile , nel voler criticare , da parte di un grillino , le modalità di scelta , da parte di Renzi , per le candidature . Non importa niente per cosa ed a cosa si candidano . Gente che va a sedere sugli scranni con qualche decina di clic sulla piattaforma e dove non e’ stato infrequente , in base alle scelte fatte che non erano quelle sperate ed auspicate , l’intervento dei padroni del Movimento per modificarle di sana pianta . Ma state attenti e diffidate del Cazzaro di Napoli . E’ una. Persona inaffidabile da cui necessiterebbe stareontani piu possibile . Lui , che si permette quotidianamente di offendere con sommo sprezzo chi non la pensa come lui , e’ un Giuda di primissimo livello . Parla la sua storia !! Personaggi ( almeno una ventina e forse dico poco , nda ) un tempo nelle sue grazie , sono diventati patetici traditori , ferri vecchi da buttare , indegni prezzolati dai poteri forti . E solo perché , su fatti politici esclusivi hanno manifestato opinioni diverse da quelle cel Pulcinella partenopeo. Oggi , a quella lunga lista , si va ad aggiungere Grillo . Uno che fino ad un paio di mesi fa chiamava confidenzialmente  Beppe , né esaltava a piene mani le virtù e che ora , invece , definisce un “ Garante “ pericoloso , esaltato e pieno di se  , un guitto ridicolo che invecchia male , oltre , ovviamente e naturalmente cun Traditore . Che schifo !! E lo fa solo e soltanto dopo che Calandrino Travaglio si e’ espresso in merito sposando la parte di Casaleggio . Ora ha buttato a mare pure Giggino che , fino a 2 mesi fa , considerava l’unico politico dei 5 stelle che , pur essendo un giovane inesperto , aveva i requisiti giusti per guidare i 5 stelle . E lo fa perché Giggino si e’ schierato con Grillo.  Che squallore , Cazzaro !! Sei un personaggio squallido , privo di dignità e di moralità . Uno che si vende al primo venuto buttando a mare e pugnalando chi , fino a ieri , era un tuo mito !! Scusate , vado a vomitare !!   

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma che va ragliando, amore mio pisano? Si faccia un esame di coscienza e poi si metta una macina al collo e si butti nell'Arno.

Proprio lei dice questo? " Ma state attenti e diffidate del Cazzaro di Napoli . E’ una. Persona inaffidabile da cui necessiterebbe stareontani piu possibile . Lui , che si permette quotidianamente di offendere con sommo sprezzo chi non la pensa come lui , e’ un Giuda di primissimo livello . 

Queste tre righe sono il suo ritratto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
9 ore fa, ariafresca123 ha scritto:

Buongiorno, il mio modesto parere è che se si continua a ritenere Renzi il male assoluto del Pd allora onestamente non ci s'è capito una beata ma.zza! Il problema non è affatto Renzi;  continuare ad addossargli tutte le colpe del mondo non fa che peggiorare le cose. Smettetela di pensare sempre a Renzi e fatevi una vita, sicuramente sarete più sereni.

P.S. : Rocco Casalino farebbe bene a pensare ai cancri da estirpare in "casa" propria.

Condivido. Il male del PD di chiama conformismo. Dalemiani con D'Alema, veltroniani con Veltroni, fassiniani con Fassino, bersaniani con Bersani, renziani con Renzi, zingarettiani con Zingaretti.

Domani tutti lettiani ??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Boh...per me il male del P.D. è dar voce a singoli che magari non sono proprio il massimo...e da li nascono le lamentele e le fazioni, un partito nel quale si sono inseriti diversi esponenti, anche cattolici, solo per distruggere quella parte di sx, o pseudo tale...mica come nella dx che conta solo quello che dice il capo, anche se inquisito, e basta.....la differenza tra democrazia e tirannia..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

qualora, malauguratam x lui, letta accettase sconsideratam il ferro bollente offertogli dal PD, stavolta in quale convento li porterebbe a pregare? scelga meglio poiké in precedenza il convento la serenità gliela ha tolta.

letta, nn si faccia abbindolare e se proprio nn vuole sfogliare la margherita  (accetto, nn accetto) ma le occorre raccoglim, nell'entroterra nizzardo c'é il santuario di notre dame du laghet, la trinité,  in piena atmosfera  medievale ke le offrirà pace, serenità e... spero x lei, anke giudizio x dire no grazie.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963